L’Angolo delle Recensioni: Colpa delle stelle (J. Green)

RECENSIONIColpa delle stelle
John Green

Green_COLPA DELLE STELLE 300dpiDESCRIZIONE:

Hazel ha sedici anni, ma ha già alle spalle un vero miracolo: grazie a un farmaco sperimentale, la malattia che anni prima le hanno diagnosticato è ora in regressione. Ha però anche imparato che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto alle sue coetanee, con una vita in frantumi in cui i pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate, e le dimostra che il mondo non si è fermato, insieme possono riacciuffarlo. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle avverse sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

la-mia-recensione

Ci sono romanzi a cui siamo legati ancora prima di iniziarli… ci sono romanzi a cui rimarremo legati per tutta la vita… Questo libro rientra in entrambe le categorie, per quanto mi riguarda.

Quando “Colpa delle stelle” è stato pubblicato, nel non ancora troppo lontano 2012, ho scelto personalmente di non leggerlo, perchè i suoi contenuti sarebbero stati troppo toccanti per me, troppo simili ad una realtà che stavo vivendo da vicino. Oggi, a due anni da quell’orribile periodo sono riuscita a leggerlo! Quando vivi accanto ad una persona malata di cancro perdi il senso del tempo, non riesci a capire se ne avrai ancora o se quello che stai vivendo sia davvero l’ultimo momento insieme. E’ una lotta all’ultimo sangue contro la morte, una lotta da cui non tutti escono vincitori.
Green racconta con gli occhi di una ragazza che sa benissimo che cosa significa combattere con le unghie e con i denti per rimanere attaccata alla vita. Hazel ha 16 anni, ha un tumore in atto che viene tenuto sotto controllo con un farmaco affinchè non faccia altre metastasi. Vive in simbiosi con una bombola di ossigeno che le permette di respirare bene. Preferisce stare da sola, lontana dagli altri, anche da quelli malati come lei. Ma i suoi genitori le dicono di vivere la vita che le è stata concessa, costringendola ad andare ad un gruppo di sostegno per altri malati di cancro. E’ lì che incontra Augustus, un adolescente sano sopravvissuto al tumore:

Un ragazzo mi stava fissando.
Ero abbastanza sicura di non averlo mai visto prima. Alto, asciutto e muscoloso, faceva sembrare minuscola la sedia di plastica da scuola elementare su cui stava. Capelli color mogano, lisci e corti. Sembrava avere più o meno la mia età, forse un anno di più.

Quella che all’inizio è solo un’amicizia (a causa della paura di Hazel di ferire inconsiciamente Augustus lasciando che si affezioni a lei, destinata a morire prima degli altri) col passare del tempo diventa amore, vero amore.

«Sono innamorato di te» ha detto lui piano.
«Augustus» ho detto.
«È vero» ha detto. Mi guardava dritto, e così gli ho visto socchiudere un po’ gli occhi. «Sono innamorato di te, e non sono il tipo da negare a me stesso il semplice piacere di dire cose vere. Sono innamorato di te, e so che l’amore non è che un grido nel vuoto, e che l’oblio è inevitabile, e che siamo tutti dannati e che verrà un giorno in cui tutti i nostri sforzi saranno ridotti in polvere, e so che il sole inghiottirà l’unica terra che avremo mai, e sono innamorato di te.»

Come l’amore sboccia nei cuori di questi ragazzi è un particolare che non voglio svelarvi, sarebbe un’offesa alla bellezza del romanzo e soprattutto a quella dei suoi personaggi. La descrizione del romanzo parla chiaro. I miracoli si pagano: l’amore, la felicità, la gioia, la salvezza, un giorno in più di vita… sono tutti miracoli che questi ragazzi devono pagare!

Green ci mostra una verità durissima: il lieto fine non è una cosa per tutti… Solo pochi, fortunati, hanno un finale con il sorriso. Io sono una di quelli, perchè ho visto il miracolo, perchè la vita ha vinto sulla morte contro ogni pronostico, contro ogni aspettativa! E’ anche vero che sia io che la persona che si è salvata stiamo pagando a carissimo prezzo il nostro miracolo, ma non ci importa…
Per Hazel e Gus non sarà lo stesso!

Nonostante tutto questo riuscirete a finire l’ultima pagina proprio come l’ho finita io: con le lascime agli occhi, ma con il sorriso. E’ una promessa.

QUESTO LIBRO MERITA:

stellastellastellastellastella

firma

4 Pensieri su &Idquo;L’Angolo delle Recensioni: Colpa delle stelle (J. Green)

  1. Pingback: Clock Rewinders 2014 (week7) #2 | Le Parole Segrete dei Libri

  2. Pingback: Top Ten Tuesday #9 | Le Parole Segrete dei Libri

  3. Pingback: BlogTAG: Opposite Book Tag | Le Parole Segrete dei Libri

  4. Pingback: BlogTAG: Valentine’s Day Book Tag! | Le Parole Segrete dei Libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *