L’Angolo delle Recensioni: Ho smesso di piangere (V. Pivetti)

RECENSIONIHo smesso di piangere
Veronica Pivetti

pivettiDESCRIZIONE:

Il problema vero della depressione è che non la puoi raccontare, non la puoi descrivere. È invisibile. E non è uguale per tutti. Ma per tutti è un male profondo e assoluto. E va affrontata, perché tanto non si scappa. Anche per questo Veronica Pivetti ha deciso di condividere con noi il suo momento buio. E lo fa con toccante onestà, senza censurare i momenti dolorosi che, come spesso accade nella vita, finiscono per diventare involontariamente molto comici. “Lei è malata, la sua tiroide non funziona più”: questo si è sentita dire Veronica nel lontano 2002. Era così. La sua tiroide ha cominciato a dare i numeri, si è starata e l’ha traghettata verso una forte depressione, complici alcuni farmaci sbagliati che le erano stati prescritti. Così è iniziata la sua odissea medica. Alcuni dottori l’hanno salvata, altri massacrata, alcuni le hanno ridato la vita, altri gliel’hanno tolta. E finalmente, nel 2008, Veronica ha incominciato a rivedere la luce e a uscire da questo micidiale periodo nero. Sono stati sei anni infami, “anni nei quali mi sono detta continuamente che era inutile vivere così. Il tempo triste sembra sempre tempo perso”. Anni difficilissimi che, però, non sono passati senza lasciare un segno. “Una volta ero perfettamente funzionante, ero nuova di trinca. E credevo che fosse quella la verità. Ora sono un po’ rattoppata, ho un’anima patchwork e una psiche in divenire. Ed è questa la verità. Ma va bene così, perché la vita si fa con quello che c’è…

la-mia-recensione4DB2B2EE-2D7E-4D3E-8585-A16749ADF852-75457-000014231C2228D2_zpsadeee9cf

Lo sappiamo tutti, anche i VIP piangono! Nessuno è immune dalla sofferenza, perchè il dolore sceglie a chi fare compagnia senza differenza di alcun genere.
A volte chi parla del proprio dolore viene visto come un debole che vuole farsi compatire. Io, al contrario, credo ci voglia tanto coraggio per mostrare agli altri i propri problemi: è questo quello che ha fatto Veronica Pivetti e la apprezzo molto per questo!

Sono stata attirata dal suo libro dopo aver visto l’intervista rilasciata della attrice al programma Le Invasioni Barbariche, e la sua storia mi colpì molto sin dall’inizio, sopratutto per il modo in cui la presentava!
Il libro, che dovrebbe essere teoricamente triste e cupo, è assolutamente uno dei libri più ironici che abbia mai letto! La depressione (questo grande male che spesso, al giorno d’oggi, affligge la mente umana) viene affrontato col sorriso sulla bocca, un sorriso che però lascia il segno…
Tanto oggi è diffuso il problema della depressione, tanto sono poco diffusi la capacita e il coraggio di parlarne!!! Ancor oggi, nel 2014, ci si vergogna di dire di essere depressi, spesso per paura di non essere creduti, di essere allontanati da tutti, di non essere aiutati!

Nascondersi dal problema non lo cancella!!! Dalla depressione non si scappa, come dichiara l’attrice. Puoi nasconderla agli altri, ma non a te stesso. E’ un male oscuro che ti obbliga a restare a letto, ti succhia la forza vitale necessaria persino per fare le operazioni più semplici (vestirsi, pettinarsi, prepararsi da mangiare); per non parlare di lavorare e avere una vita sociale normale.

Se mi fossi rotta tutto il corpo sicuramente una schiera di parenti sarebbero venuti a trovarmi in ospedale, ma se ti rompi dentro, nessuno ci crede. 

Un libro difficile, di cui consiglio caldamente la lettura. Non perchè leggerlo vi farà diventare esperti psicologi, ma perchè vi sensibilizzi al non nascondere i problemi ma ad affrontarli, non solo nella malattia ma in tutte le cose!

QUESTO LIBRO MERITA:

stellastellastellastella

firma

0 Pensieri su &Idquo;L’Angolo delle Recensioni: Ho smesso di piangere (V. Pivetti)

    • Ciao Luna ♥
      Questo è un problema più diffuso di quanto immagini! Io studio psicologia all’università, è pane quotidiano ormai! Spero con tutto il cuore che tua mamma abbia trovato persone competenti in grado di aiutarla. Quelle fanno davvero la differenza, molto più dei farmaci.
      Un bacione grande a te!

  1. Pingback: Clock Rewinders 2014 (week8) #3 | Le Parole Segrete dei Libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *