L’Angolo delle Recensioni: Red (K. Gier)

RECENSIONIEra da tempo che non leggevo una bella saga Fantasy che mi tenesse così incollata alle pagine! Sono rimasta talmente soddisfatta che vi farò la recensione libro per libro, nonostante li abbia già finiti tutti e tre! Sto parlando della Trilogia delle Gemme, nata dalla mente della scrittrice tedesca Kerstin Gier.

GIER_RedDESCRIZIONE:

Per l’amica Leslie, Gwendolyn è una ragazza fortunata: quanti possono abitare in un palazzo antico nel cuore di Londra, pieno di saloni, quadri e passaggi segreti? E quanti, fra gli studenti della Saint Lennox High School, possono vantare una famiglia altrettanto speciale, che da una generazione all’altra si tramanda poteri misteriosi? Eppure Gwen non ne è affatto convinta. Da quando, a causa della morte del padre, si è trasferita con la mamma e i fratelli in quella casa, la sua vita le sembra sensibilmente peggiorata.
La nonna, Lady Arisa, comanda tutti a bacchetta con piglio da nobildonna e con l’aiuto dell’inquietante maggiordomo Mr Bernhard, e zia Glenda considera lei, Gwen, una ragazzina superficiale e certamente non all’altezza del nome dei Montrose. E poi c’è Charlotte, sua cugina: capelli rossi, aggraziata, bravissima a scuola e con un sorriso da Mona Lisa. E’ lei la prescelta, colei che dalla nascita è stata addestrata per il grande giorno in cui compirà il primo salto nel passato. Charlotte si dà un sacco di arie, ma Gwen proprio non la invidia: sa bene che si tratta di una missione pericolosissima non solo per la sua famiglia ma per l’umanità intera, e da cui non potrebbe esserci ritorno. E non importa se Charlotte non viaggerà sola ma sarà accompagnata da un altro prescelto: Gideon de Villers, occhi verdi e sorriso sprezzante… Gwen non vorrebbe davvero trovarsi al suo posto. Per nulla al mondo…

la-mia-recensioneQuando si inizia a leggere il romanzo (parlo dei primi due capitoli) si ha quella terribile impressione di trovarsi davanti ad un libro un po’ lento. In effetti i capitoli iniziali, essendo quelli in cui Gwendolyn descrive un po’ la sua situazione familiare e la sua vita quotidiana, risultano un tantino lentini… Ma non preoccupatevi, durano poco e dopo inizia il bello!

Il filo narrativo che lega i tre romanzi della trilogia sono i viaggi nel tempo: la famiglia di Gwen, in particolar modo le donne Montrose, sono portatrici di un gene particolare che consente loro di viaggiare nel tempo. La stessa cosa accade nella famiglia de Villers, però dal lato maschile.Un gruppo di studiosi detti i Guardiani si mostrano al mondo come i protettori di questi Viaggiatori, ma in realtà i loro scopi sono ben diversi. Esiste infatti uno strumento che aiuta i viaggiatori (12 in tutto, ognuno di loro rappresentato da una gemma preziosa) a navigare lungo il flusso del tempo: il cronografo. Una profezia racconta che se tutti i viaggiatori inseriscono il loro sangue all’interno del cronografo, qualcosa di molto potente potrebbe accadere.

Maria Ehrich e Jannis Niewöhner, i due attori che hanno interpretato Gwen e Gideon nell’adattamento cinematografico Rubinrot

Non scopriremo quale sia questo “qualcosa” fino al terzo libro, quindi aspettate le prossime due recensioni per avere qualche altro dettaglio in più 😉

Tutti credono che la geneportatrice sia Charlotte, odiosissima cugina di Gwen: lei infatti è stata addestrata sin dalla nascita per affrontare il grande mondo passato. In realtà si scoprirà che è la nostra protagonista, nonchè voce narrante del romanzo, la viaggiatrice nel tempo, il Rubino (da qui il titolo del romanzo Red, rosso rubino).
Ovviamente la vita di Gwen verrà totalmente sconvolta, ma troverà un grosso supporto nella sua amica Leslie e in alcuni ma molto pochi personaggi della Loggia dei Guardiani.

Come sempre interrompo qui le anticipazioni sulla trama, per scoprire altri spoiler dovrete aspettare la recensione di Blue, il secondo capitolo della saga.

Devo dire che uno dei punti davvero forti del romanzo, ma anche degli altri tre, è lo stile dell’autrice: scorrevolissimo, pieno di dettagli che permettono davvero di entrare nel mondo di Gwendolyn, sia nel passato che nel presente, un’abilità descrittiva ottima che rende benissimo anche una serie di scene buffe che trasformano il romanzo in un connubio di fantasy, romanticismo e divertimento, il tutto equilibrato e bilanciato alla perfezione!

Se inizierete a leggere il romanzo aspettatevi un finalissimo a sorpresa, come quelli che piacciono a me!!! Le prossime recensioni saranno ovviamente del secondo e del terzo romanzo della Trilogia!

QUESTO ROMANZO MERITA:

stellastellastellastella

Assegno quattro stelle semplicemente perchè i prossimi due romanzi sono un gradino superiori a livello di trama! Se fosse un libro autoconclusivo darei certamente cinque stelle!

Alla prossima!

firma

0 Pensieri su &Idquo;L’Angolo delle Recensioni: Red (K. Gier)

  1. Pingback: Clock rewinders 2014 (week11) #6 | Le Parole Segrete dei Libri

  2. Pingback: L’Angolo delle Recensioni: Blue (K. Gier) | Le Parole Segrete dei Libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *