L’Angolo delle Recensioni: La Trilogia del Peccato (L. Marchesi)

RECENSIONIOggi, nel pieno delle miei energie e superincentivata dal traguardo raggiunto ieri insieme a voi, sto facendo gli straordinari! XD Quindi, dopo aver letto questa recensione vi invito a visitare il nuovo blog A PIU’ MANI, dove sono coautrice insieme a tanti altri bravissimi blogger. Oggi ho pubblicato il mio primo atricolo, decisamente diverso rispetto a quelli che siete abituati a leggere qui: Verso le stelle!

Ma partiamo dalla recensione di questa trilogia stupenda e veramente originale:

10154510_496705357118422_7884158967174414192_nDESCRIZIONE:

Il mito del Peccato Originale come non lo immaginereste mai!
Il Giardino dell’Eden è un luogo paradisiaco, in cui gli Edeni, creature dotate di una straordinaria bellezza e di incredibili capacità, condizionano l’equilibrio fra bene e male sulla Terra. Ma che cosa accadrebbe se questo equilibrio si spezzasse? Cosa accadrebbe se un Edeno assaggiasse i piaceri di una vita più intensa? Un frutto proibito ha scatenato l’inferno, ora spetterà all’amore far risorgere il paradiso! Non esiste un amore impossibile, perché è impossibile resistere all’amore!

L’edizione integrale comprende, non solo i tre romanzi che hanno già fatto appassionare moltissimi lettori, ma anche “Riemerso dalle tenebre”, un capitolo inedito post-epilogo vissuto con gli occhi e il cuore di Seth, una struggente lettera d’addio scritta da uno dei protagonisti maschili

la-mia-recensione

Cosa si prova nel sopravvivere ad un incendio dove sono morti i tuoi genitori? Risvegliarsi in un letto d’ospedale con accanto un ragazzo che afferma di essere suo fratello, ma non riconoscerlo? O ancora peggio, non ricordare nulla della propria vita fino a quel momento?

Lo scopriamo insieme ad Angeline, una ragazza di 17 anni trasferitasi in Scozia insieme al fratello maggiore Adam.

Non avere memoria del proprio passato ha un suo vantaggio, o meglio, lo deve avere. Altrimenti l’abisso della desolazione mi avrebbe già sommerso. Non è piacevole rammentare solo l’ultimo dei miei diciassette anni di vita, ma ricordare ciò che ha causato la mia perdita di memoria credo che lo sarebbe ancor meno. Non fu semplice all’inizio, dopo… Ricordo che fu come risvegliarsi da un lungo sonno in cui si ha semplicemente dormito. Niente sogni, niente incubi, e la cosa peggiore non è il fatto di non sapere in quale luogo sconosciuto ci si trovi, bensì come ci si è arrivati. Secondo la versione di mio fratello Adam, un brutto incendio divampato nella nostra precedente casa aveva tolto la vita ai nostri genitori e strappato i miei ricordi, che a quel punto ero certa di non voler recuperare.
Accettare quell’atroce realtà non fu semplice

Tratto dall’incipit de L’origine del peccato
primo romanzo della trilogia

E se già la vita di una adolescente è complicata, aggiungiamoci un passato turbolento e un presente che sta per essere totalmente sconvolto… e otteniamo una frittata gustosissima per un lettore alla ricerca di pathos ed elettricità!

Nel corso del primo romanzo, L’origine del peccato, la vita della giovane Angeline, infatti, viene completamente travolta da Mael, un circense giunto in città insieme alla sua compagnia. Ma il nostro bellissimo e misterioso lanciatore di coltelli non è esattamente ciò che sembra… Grazie a lui scopriremo il passato di Angeline, una storia totalmente diversa da quella raccontatale da Adam.

Angeline non è chi crede di essere, a partire dal suo nome: la verità si cela nel mito del Peccato originale, una storia raccontata all’umanità in maniera un po’ diversa da come realmente si sono svolte le cose. Il vero nome di Angeline è Evangeline, e lei non è una semplice liceale!
AdamEvangeline… vi sta venendo in mente qualcosa?? Non vi svelo altro, la storia va gustata pagina per pagina! E se pensate di aver già capito tutto della storia, vi assicuro… non ci avrete capito assolutamente nulla 😉

Perchè leggendo il secondo capitolo, L’innocenza del peccato, imparerete che le sorprese non sono mai troppe: grazie ad un “piccolo incidente” che non vi svelerò Eva verrà a conoscenza di un segreto sul suo passato, qualcosa che cambierà totalmente ogni prospettiva della storia. Eva scoprirà l’esisenza di Kathleen: chi è questa ragazza?
Io non ve lo dico, ma sappiate che diventerà un personaggio centrale della trilogia, tanto importante da affiancare Eva come voce narrante della storia a partire dal secondo romanzo, fino al terzo. L’ultimo respiro per la redenzione è la perfetta conclusione per questa trilogia, dove le due protagoniste, finalmente riunite, potranno vivere la vita per la quale sono nate e compiere il loro destino, affiancate dai personaggi più importanti dell’intero intreccio.

I colpi di scena sono il punto forte di Liliana Marchesi, non c’è dubbio! Questa autrice ha una fantasia eccezionale, accompagnata da un talento nella scrittura indiscutibile…ho letto quattro su cinque romanzi da lei pubblicati e non sono mai rimasta delusa! Se vi piacciono le storie forti, passionali, sorprendenti e mai (dico mai e lo sottolineo) banali, allora optate per questa trilogia! 😉

QUESTA TRILOGIA MERITA:

stellastellastellastellastella

Vi lascio un po’ di link utili a conoscere meglio il mondo di Liliana Marchesi:

Sito ufficiale della scrittrice | DiabolicaMente
Pagina Goodreads dell’autrice

firma

 

100 volte… GRAZIE!

grazieSe tre mesi fa mi avessero detto che avrei festeggiato con voi questo traguardo non ci avrei mai creduto! <3 Questa mattina il sig. WordPress mi ha svegliato così:

Complimenti per aver raggiunto
100 follower totali su Le Parole Segrete dei Libri.

Questo numero non esisterebbe se non ci foste voi! Tutto il blog sarebbe un banale insieme di parole se non ci fosse qualcuno che le legge e le completa con le proprie idee ed impressioni! Quindi non posso fare altro che dirvi con tutto il cuore…

GRAZIE!!!

firma

Clock rewinders 2014 (week17) #11

CLOCK RWBuona domenica a tutti!!!
Pensiamo a tutto ciò che abbiamo fatto di bello questa settimana: siamo soddisfatti di noi stessi? Se la risposta è sì, allora possiamo riposare tranquilli, almeno fino a domani mattina, quando tutto ricomincerà da capo XD

Vediamo insieme cosa ho combinato negli ultimi sette giorni: nuova recensione Made in Italy con R.I.P. Requiescat in pace di Eilan Moon, dove persino l’autrice ha fatto un salto *Lettrice molto contenta e orgogliosa*.
Vi siete mai chiesti se un personaggio del romanzo che state leggendo potesse essere vostro amico, o vostro parente, o vostro nemico… cosa succederebbe? Se siete curiosi di scoprire cosa la mia testolina è riuscita ad elaborare, leggete la top ten di questa settimana 😉 Ultimo, ma non per importanza, il post dedicato alla Giornata mondiale del Libro, un momento speciale per festeggiare la nostra grande passione per la lettura!

Infine, senza rimandarvi ad un altro articolo, vi ricordo che avete tempo fino al 31 maggio per nominare i vostri blog preferiti per l’ITALIAN ACADEMY BLOG AWARD!!!

Vi ricordo che potete nominare da 1 a 3 blog per ogni categoria (Artistico, Recensioni, Divulgazione, Vita Reale e Generico), tenendo conto dei seguenti requisiti:
– il blog candidato deve avere all’attivo post per tutto il 2013 (come minimo) ed i primi tre mesi del 2014
– dev’essere in lingua italiana o, al limite, multilingua
– dev’essere rigorosamente amatoriale (quindi niente blog professionali che dispongono di una redazione e via dicendo)
– deve contenere materiale originale ed autoprodotto (niente blog “aggregatori” o simili)
– i blog inclusi nella nomination possono appartenere a qualsiasi piattaforma (wordpress, blogspot, ecc.)

Per fare le vostre nomination dovete mandare una mail a 65luna che farà da assistente a Vittorio (responsabile ed ideatore del premio) nel corso di questa fase 😉

Io sono nel panico, una marea di blog che avrei nominato non rispettano il primo requisito

Vittorio, mi rivolgo a te: I hate you for that! Ok ok, I’m kidding … but it’s terrible
Devo ancora controllarli tutti, ma fino ad ora la tristezza è tanta!!! XD

firma

Parliamo di… Libertà!

PARLIAMO DI 25 aprile

Che cos’è la libertà?  Essere se stessi, con le proprie idee, le proprie ambizioni, il proprio modo di fare e di vivere… Voler e poter inseguire i propri sogni, combattere per le proprie idee, difendere la propria dignità con le unghie e con i denti… Parlare di ciò che si vuole… Credere in ciò che si ritiene più giusto! La libertà è tutto questo, e molto di più.

Dobbiamo ricordarlo sempre, non solo nelle ricorrenze come quella di oggi! Democrazia e uguaglianza non sono solo parole, o almeno non dovrebbero esserlo…

La libertà è in tutti noi, basta solo usarla nel modo giusto 😉

L’Angolo delle Recensioni: R.I.P. Requiescat in pace (E. Moon)

RECENSIONIUltimamente ho fatto una scorpacciata di autopubblicati, e sono rimasta davvero soddisfatta delle letture! Sarà che sto affinando il mio senso critico e riesco a capire dov’è la fregatura e dove no… comunque ecco un bellissimo romanzo d’esordio che non potete perdervi!

EilanMoonRIP_Cover_TIFFDESCRIZIONE:

Dopo più di duecentocinquant’anni dall’Inquisizione e dalla segreta fondazione dell’Avatara, la terra maledetta che trasforma i morti in Succubi e Incubi non si placa più nemmeno con il Potere del Sangue dei Custodi. Forse l’Apocalisse è ai cancelli e i membri dell’Avatara hanno un piano per impedire al mondo intero il momento della Rivelazione, ma quel progetto prevede qualcosa di terribile. Kaspar Nowak e sua figlia Joanna, da tutti chiamata Asia, dovranno affrontare il ritorno del Male nel cimitero di Cracovia. Per Asia essere una Custode e possedere il Potere del Sangue è una battaglia continua contro una parvenza di vita normale, da mantenere a tutti i costi. Qualcosa non funziona più come dovrebbe e la vita dei Custodi, ma soprattutto quella di Asia, è in serio pericolo. Un modo per porre fine alla maledizione esiste, ma chi dovrebbe metterla in atto brucia dal desiderio di non farlo. Borislav Todorov, affascinante quanto pericoloso Venator dell’Avatara, correrà in soccorso della giovane Joanna, ma i suoi ordini celano segreti inconfessabili, e orrori che il cacciatore non vuole rivelare. L’odio e l’amore che provano l’uno per l’altra divamperà in fuoco e ghiaccio, perché tra loro non esistono mezze misure. Bor tenterà di combattere da solo contro il Male, in qualunque forma decida di svelarsi, purtroppo per lui, però, il Potere del Sangue non può essere ignorato. Per secoli i Custodi hanno protetto la razza umana dalle porte dell’Inferno ma forse, ora, è giunto il momento di spalancarle.

la-mia-recensioneOgni volta che sperimento un nuovo genere letterario ho sempre paura di rimanere delusa, magari di partire con il romanzo sbagliato che potrebbe in parte se non completamente determinare il mio giudizio su tutti i libri a seguire della stessa tipologia. Con il romanzo R.I.P. Requiescat in pace ho fatto i miei primi passi nel mondo del gotico, Eilan Moon mi ha accompagnato tenendomi per mano, come fa una mamma quando il suo piccolo si mette per la prima volta in equilibrio su due piedi…

Un romanzo d’esordio davvero promettente! La storia è molto ben giostrata, l’autrice è partita da avvenimenti storici realmente accaduti per poi creare una trama avvincente e ricca di suspance che mi ha tenuta incollata alle pagine fino alla fine. Il romanzo ci catapulta nella vita dura e segreta dei Custodi, che da secoli proteggono la razza umana dal potere del Male. Conosciamo Asia, la prima Custode donna della storia, che accompagna il padre in questa impresa dopo la morte del fratello, scoparso per un tumore.
La vita e il compito di Asia vengono totalmente scombussolati: il Potere del Sangue dei Custodi non basta più, la Morte vuole vincere sulla vita.

Ad aiutarla arriva, o meglio ritorna, il Venator Bor. Un peronaggio affascinante e molto ambiguo, di cui Asia è perdutamente innamorata da tempo. Soltanto Bor conosce la verità che si cela dietro tutto questo: perchè, nonostante i rituali dei Custodi, Incubi e Succubi continuano a risvegliarsi?
Lo scoprirete leggendo… Vi avviso: il finale vi lascerà a bocca aperta, e non potrete fare altro che voler leggere il seguito (che ahimè non è ancora stato pubblicato).

Un libro consigliatissimo, non vedo l’ora di leggere il sequel R.I.P. De Profundis!

QUESTO ROMANZO MERITA:

stellastellastellastellamezza stella

Vi lascio qualche indirizzo per conoscere meglio Eilan, il suo blog e il suo mondo letterario:

Storie di notti senza luna | Pagina Facebook
Estratto da R.I.P

firma

Giornata Mondiale del Libro 2014

gmdl2014

Il 23 aprile 1616 vennero a mancare tre grandi scrittori:  Shakespeare, Cervantes e De La Vega.
Così l’Unesco pensò di proclamare il 23 aprile come Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, nota anche come Giornata del libro e delle rose. Ogni anno viene eletta una città come capitale globale del libro, quest’anno è Port Harcourt, in Nigeria, scelta per gli sforzi che sta portando avanti sia per quel che riguarda la promozione della lettura che, ancora prima, per l’alfabetizzazione.

Accompagnate questa speciale giornata con una buona lettura!

È un libro in buona fede, disse Montaigne.
Nessuno sa cosa vuol dire questa frase, ammette il
professore, asciugandosi gli occhi, e chiama un
bidello perché gli porti un altro bicchier d’acqua.
Nel frattempo l’alunno più piccolo è uscito dalla
finestra e ha avuto tutte le rivelazioni del Buddha.
Ma quando è arrivato sotto il salice c’era una
donna, sdraiata e nuda, che riposava la testa su di un
libro di pagine bianche.
C’era anche l’infinito, era azzurro dopo un
cammino rosso, e bianco dopo una tenda
dorata.
Allora il professore disse che mancava un alunno e che
non valeva la pena continuare la lezione.
Da quel momento il salice divenne un luogo di
pellegrinaggio.
Ma solo gli eletti in grado di uscir volando da una
lezione potevano vedere i due corpi distesi, e fino
a oggi nessuno li ha visti, anche se sono lì che si
muovono all’infinito.
Perciò la storia inizia senza iniziare e finisce senza
finire.
Come qualcosa di molto simile
all’infinito

José Saramago,  È un libro in buona fede

Top Ten Tuesday #10

TOP TEN TUESTop Ten Characters Who X
(you fill in the blank)

Ritorniamo a piccoli passi nel tram tram quotidiano… Per me giornata di pulizie, poi stasera prove con il coro per il matrimonio della mia amica Rox!
Da domani anche lavoro e studio matto e disperatissimo per gli esami estivi! Ufff… XD

Oggi però cercherò di impegnarmi, avantaggiandomi per i vari articoli qui sul blog! Oltre alla top ten vedrò di scrivere la prima delle recensioni, ma adesso rimaniamo concentrati sulla rubrica! Il tema di oggi, scelto come sempre dal blog The Broke and the Bookish è I DIECI PERSONAGGI CHE… ci danno quindi la possibilità di scegliere come completare la frase del tema. Dato che a me piace parlare di tante cose, ogni personaggio avrà un suo tema! 😀

IL PERSONAGGIO CHE… sarebbe il mio migliore amico

10154510_496705357118422_7884158967174414192_nUna persona di cui mi potrei fidare, che mi sia leale, che riesca a sopportare il caratteraccio che ahimè ho (e nel caso, anche viceversa), che si affidi a me nei momenti di difficoltà, che decida di confidarmi i suoi problemi e mi sia vicino nei miei… il vincitore è: NIMUE!
Per molti di voi è un personaggio sconosciuto, ma non per molto! Nimue è il miglior amico di Angeline, la protagonista della Trilogia del Peccato di Liliana Marchesi (che vi recensirò a breve). Nimue è l’amico che chiunque vorrebbe, di una fedeltà assoluta nonostante determinati precedenti con la protagonista, di animo forte e pronto a rischiare la vita per lei. Chi non vorrebbe un amico così?

IL PERSONAGGIO CHE… odierei con tutto il cuore

il cavaliere d'invernoIn realtà già la odio, e mi viene voglia di strangolarla ogni santa volta in cui apre la bocca e rivolge la parola a Tania. Parliamo di DASHA, uno dei personaggi centrali del romanzo Il cavaliere d’inverno di Paullina Simons. Dire che non la sopporto non rappresenta a pieno il mio sentimento nei suoi confronti!
Quelle persone che è meglio se vi stano lontane altrimenti finisce male: ecco! Se la conoscessi di persona con me non avrebbe vita facile, o forse non avrebbe affatto vita *Lettrice spietata* XD

IL PERSONAGGIO CHE… mi odierebbe!

emma2Vi è mai capitato di pensare «Questo qui non mi sopporterebbe se ci conoscessimo» mentre leggete un romanzo?? A me si, spesso anche… Cerco sempre di trovare nei personaggi che incontro nel corso delle mie letture dei particolari a me familiari, anche piccoli ma che mi facciano pensare alle persone che conosco. Solitamente questo processo avviene in positivo, portando alla mente i volti di coloro a cui voglio bene, ma non sempre è così!
Un esempio lampante è stato EMMA, protagonista dell’omonimo romanzo di Jane Austen. Diciamo che l’antipatia è reciproca, non ho mai sopportato Emma e non penso che mai cambierò idea. Ma probabilmente anche lei mi avrebbe scansata, per numerose ragioni 🙂

IL PERSONAGGIO CHE… mi farebbe da padre

La-corporazione-dei-maghiHo spesso pensato a quale personaggio mi sarebbe piaciuto come padre… probabilmente sceglierei LORD ROTHEN, il mago che istruisce Sonea nel corso della Trilogia del Mago Nero di Trudi Canavan. Si dimostra paterno, gentile, giusto, un ottimo maestro e una persona dolce.
Mi è sempre piaciuto, sin dal primissimo momento in cui è “entrato in scena”. Durante la storia vediamo anche il suo rapporto con il figlio Dorrien, e anche in questo caso l’ho apprezzato moltissimo! Sceglierei lui, o forse nessuno… un po’ come adesso 😉

IL PERSONAGGIO CHE… mi farebbe da madre

9788804573319-i-pilastri-della-terra-nuova-edizione_carosello_opera_scale_widthQuesta è davvero difficile, perchè parliamo di una persona che difficilmente sostituirei… Una madre che forse mi piacerebbe avere (una persona totalmente diversa dalla mia, fatta eccezione pe i grandi “attributi” caratteriali che hanno entrambe) è ELLEN, la madre di Jack e compagna di Tom nel romanzo I pilastri della terra di Ken Follett! Forte, indipendente, con carattere da vendere, combattiva, rivoluzionaria, capace di andare contro tutto e tutti per difendere il suo onore e suo figlio… un esempio da seguire!

Mi fermo qui, altrimenti niente recensione… XD

Voi con quale frase avrete completato “IL PERSONAGGIO CHE…”? Fatemelo sapere, risponderei volentieri 😉

firma

Chiacchiere + Italian Academy Blog Award 2014

Le vacanze fanno male, almeno per quanto mi riguarda! Tanto cibo, tanta pacchia, tanto tempo per leggere (per quest’ultima cosa però non mi dispero affatto). Adesso mi ritrovo con almeno 2-3 kg in più, voglia di lavorare e studiare pari a zero e una marea di articoli arretrati… facendo un conto veloce ho ben cinque romanzi da recensire! E come facciamo?? XD

Cercherò di scrivere con calma nell’arco delle prossime giornate, alternando questi consigli libreschi alle nostre rubriche settimanali che negli ultimi giorni ho totalmente messo da parte!
Devo dire che quest’anno sono particolarmente contenta e sodisfatta di me stessa… sto leggendo tanto e bene, non ho messo da parte mlti libri (al momento solo 3) e ne ho conclusi davvero tanti in soli quattro mesi. Se continuo con questo ritmo batterò certamente tutti i miei record 🙂

Approfitto dell’occasione per segalarvi un progetto, a mio parere, carinissimo:

ITALIAN ACADEMY BLOG AWARD 2014

Organizzato da Vittorio del blog Ordine e Caos (a cui io e Hydor Tesla stiamo dando una mano per la parte grafica) è un riconoscimento che prende vita da quest’anno! Una sorta di cerimonia degli Oscar per noi blogger in cui siamo chiamati a nominare e votare quegli angoli di web che seguiamo e amiamo!

Ci sono più categorie:

artistico (poesie, racconti, foto, ecc.)
recensioni (di film, di romanzi, ecc.)
divulgazione (scientifica od altro)
vita reale (blog che raccontano vicende quotidiane)
generico (tutti i blog che non rientrano nelle precedenti categorie)

Sono in corso le nomination per i blog! Potete nominare da 1 a 3 blog per ogni categoria, tenendo conto dei seguenti requisiti:
– il blog candidato deve avere all’attivo post per tutto il 2013 (come minimo) ed i primi tre mesi del 2014
– dev’essere in lingua italiana o, al limite, multilingua
– dev’essere rigorosamente amatoriale (quindi niente blog professionali che dispongono di una redazione e via dicendo)
– deve contenere materiale originale ed autoprodotto (niente blog “aggregatori” o simili)
– i blog inclusi nella nomination possono appartenere a qualsiasi piattaforma (wordpress, blogspot, ecc.)

Per fare le vostre nomination dovete mandare una mail alla dolcissima 65luna che farà da assistente a Vittorio per questa fase 😉

Per qualsiasi cosa chiedete pure nei commenti!!!

firma

 

Addio a Gabriel García Márquez

image

La memoria del corazón elimina los malos recuerdos y magnifica los buenos, y gracias a ese artificio, logramos sobrellevar el pasado.

La memoria del cuore elimina i ricordi brutti ed esalta quelli belli, e grazie a questo artificio riusciamo a sopportare il passato.

GABRIEL GARCÍA MÁRQUEZ

(Aracataca, 6 marzo 1927– Città del Messico, 17 aprile 2014)