Clock rewinders 2014 (week14) #9

CLOCK RWBuona domenica a tutti!
Come ogni settimana siamo qui per fare un riassunto veloce di ciò che è successo negli ultimi giorni e, magari come è successo la settimana scorsa, per chiacchierare un po’ fra noi! Devo essere sincera: sono davvero contenta del clima che di settimana in settimana si sta creando qui sul blog. Fra di noi c’è sempre uno scambio reciproco, piacevole, interessante e carico di pensieri-emozioni-esperienze e chi più ne ha più ne metta… Oggi sono esattamente 2 MESI DALLA NASCITA DEL BLOG e io non potrei essere più soddisfatta, felice ed entusiasta di tutto ciò che questo angolo di web mi regala ogni giorno e di quello che io cerco di regalare a tutti voi <3

Facciamo il punto della situazione sulle ultime novità: a me piacciono un sacco i panini *sono una Letrice mangiona che da domani si dovrà mettere a dieta, ahimè* ma quello che ho creato per voi è un invitante panino di libri, che potrete assaggiare cliccando qui. Se invece siete appassionati di film potete cercare qualche proposta interessante nella rubrica Il film del Venerdì Sera, dove questa settimana abbiamo parlato della nuova pellicola Disney “Saving Mr. Banks”.

Ultimo, ma non per importanza, questa settimana ho avuto il piacere e l’onore di premiare tantissimi blog con il Premio Dardos, un riconoscimento nato per mettere al centro i valori (che siano personali, etici, culturali o letterari) che i blogger trasemettono grazie ai loro lavori 🙂

sidebardivider

Anche questa domenica voglio chiacchierare un po’ con voi…
Vi anticipo che lunedì arriva una nuova recensione, fresca fresca di lettura! Non saprei spiegarvi bene perchè, probabilmente è stata la tensione degli ultimi giorni, ma ho dovuto mettere un attimo da parte le letture che stavo facendo, come se il mio cervello le stesse rifiutando, catalogandole come “PERIODO NO – biiiiip – ERRORE! APRIRE NUOVO FILE”.

self-publishing-word-cloudMi sono quindi fiondata su due nuove letture, due Made in Italy autopubblicati (anche se uno dei due è stato appena ritirato da Amazon): parliamo di Lacrime di Cera, scritto da Liliana Marchesi (ed è questo che recensirò) e Trent’anni e li dimostro, scritto da Amabile Giusti. Quest’ultimo è stato ritirato dai siti online perchè a settembre 2014 verrà ripubblicato ufficialmente dalla Mondadori. La scrittrice ha annunciato che probabilmente ci saranno delle differenze fra “l’originale” e la nuova pubblicazione. Mi sono quindi adoperata per leggere entrambe le versioni e poi magari dirvi quale preferirò 😉

Ma dato che stiamo parlando di autopubblicazione… Voi cosa ne pensate del selfpublishing?
Sicuramente le nuove tecnologie hanno dato una chance a numerosi scrittori emergenti di farsi conoscere, suscitando la curiosità dei lettori, e magari anche quella di alcune Case Editrici (vedi ad esempio Elisa S. Amore, la cui saga Tuched ha spopolato sul web e adesso è stata pubblicata dalla Nord)
Grazie all’autopubblicazione ho conosciuto numerose autrici (si, per ora solo donne) che apprezzo molto, che seguo tramite i social network, che leggo con passione e da cui non rimango mai delusa: Liliana Marchesi, Eilan Moon, Amabile Giusti, Glinda Izabel, Cristina Zavattieri, Giorgia Penzo e tante altre… Nonostante ciò, quando si parla di selfpublishing, le delusioni sono sempre alle porte.

Perchè ora chiunque può scrivere e pubblicare un libro, chiunque può farsi una piccola cerchia di amici che scrivono recensioni pazzesche sui siti, chiunque può far spendere ad un lettore (ammaliato da ottime recension, in realtà fasulle) dei soldi per una schifezza di romanzo… non che con le CE abbiamo sempre libri di qualità, corretti al 100% dal punto di vita lessicale o grammaticale e meritevoli davvero di essere pubblicati*
Il punto è che le fregature sono ovunque, che i romanzi siano autopubblicati o curati da una CE: bisogna diventare dei bravi maialini da tartufo e imparare ad annusare bene prima di buttarsi su qualcosa che non vale nulla… voi cosa dite? Che rapporto avete con gli autopubblicati? Avete mai letto qualcosa di bello da consigliarmi?

firma

0 Pensieri su &Idquo;Clock rewinders 2014 (week14) #9

  1. Posso darti un consiglio spassionato e forse un po da ‘vecchia’ del blog?
    Non metter troppa carne al fuoco perchè alla fine si tende a saltare parti intere.
    Un libro ? a parte quello che ho segnalato sul mio blog direi assolutamente Il rosso e il nero di Stendhal

    sheraciciaoo

    • Scusami Shera… Non capisco cosa intendi 🙁 in che senso troppa carne al fuoco??
      Ti ringrazio in anticipo per qualsiasi consiglio vorrai darmi, da “neo-blogger” sono affamata di tutti i vostri graditi suggerimenti 🙂

        • Perfetto, ho capito 😉

          Diciamo che questa domenica è una cosa talmente di ricapitolazione che mi sembrava banale lasciarla da sola XD
          Di solito consiglio dei blog, ma dato che ne ho consigliati tantissimi solo qualche giorno fa mi sembrava inutile rifarlo 😉 di solito mi concentro su una sola cosa!
          Comunque ti ringrazio tanto del consiglio <3

  2. Brava! Ma sai che volevo parlare anche io di selfpublishing? Ci penso da un po’…in effetti la fregatura è sempre dietro l’angolo (sia con gli autopubblicati che con le CE). Anch’io ho avuto modo di conoscere autori meritevoli grazie all’autopubblicazione e allo stesso tempo ho letto delle vere e proprie “ciofeche” (si può dire?!) distribuite da grandi e famose case editrici. Devo rifletterci su ancora un po’ ma…torneremo sull’argomento! Intanto ti auguro un buon inizio settimana! 😉

  3. Pingback: Voce del verbo “pubblicare” | L'angolino di Ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *