L’Angolo delle Recensioni: Lacrima Nera (R. Kell)

RECENSIONIBuongiorno a tutti!
Rieccomi oggi con una nuova recensione. Dire che scriverla mi sta mettendo in difficoltà è dire poco… sono davvero combattuta questa volta, ma lasciate che vi spieghi i motivi 🙂

1528580_1419921618245309_1023167930_nDESCRIZIONE:

Cassie non sente la vita scorrerle dentro. Non avverte emozioni e tutto le sembra inutile e incolore. C’è solo una cosa che può liberarla da quella insopportabile apatia: il suicidio. Quando affonda la lametta nelle vene dei polsi, Cassie è lucida e decisa. Ma qualcosa non va esattamente come aveva previsto.
Cassie si ritrova intrappolata in un altro mondo a lei sconosciuto, dal quale sembra impossibile scappare. Sesho è un villaggio di un pianeta lontano, con persone strane, ostili. Tutti sembrano temerla, come se fosse una “nemica”, e lei é sempre più confusa. Cosa le è accaduto dopo essersi tagliata le vene? Perché quella donna bizzarra, la capo-villaggio, vuole a tutti i costi che Cassie rimanga lì con loro? E perché Yaren, quel bellissimo ragazzo biondo che le fa da Guida, le infonde un senso di strana e piacevole fiducia?
Come se non bastasse, qualcuno inizia a perseguitarla. Chi si cela dietro quel mantello nero e quei due occhi viola che trasudano negatività, ma dai quali Cassie si sente terribilmente attratta?
Un pericolo inquietante minaccia la pace del villaggio, sotto due lune piene che presagiscono morte e distruzione. I Cacciatori promettono di liberare i Seshoiani dal male che incombe e Cassie deve rassegnarsi: tornare indietro, alla sua vita normale sulla Terra, non è più possibile.
Tradimenti, inganni, segreti inconfessabili, amicizia, amore, passione. Sono tutti ingredienti di un cocktail pericoloso e letale.
Lacrima Nera. Cosa faresti se scoprissi che la tua anima nasconde un segreto?

Editore: Selfpublished, Amazon
Prezzo: EBOOK 1,02 € || CARTACEO 10,20 €
Pagine: 461

la-mia-recensioneQuesta è certamente la prima volta da quando ho aperto il blog in cui inizio a scrivere una recensione senza avere la benchè minima idea di quale voto assegnare ad un romanzo. Una situazione praticamente unica per quel che mi riguarda: sono abituata a concludere la lettura di un romanzo con le idee molto chiare in proposito, ma questa volta il mio cuore è estremamente combattuto. Non saprei dirvi se questo sia un bene o un male, magari ne riparlamo a fine recensione 😉

Lacrima Nera è un romanzo fantasy sicuramente originale, ambientato in un mondo parallelo dalle tonalità orientali, quasi manga, dove temi forti e valori importanti si intrecciano a scene d’azione cariche di pathos e ad una storia d’amore che non può non toccare il cuore del lettore.
Un romanzo che avrebbe tutte le carte in regola per entrare di diritto nella top ten dei romanzi self migliori che io abbia mai letto, se non fosse che la prima metà del romanzo, per quel che mi riguarda, è stata lentissima. Ci tengo a precisare che, come tutte le mie recensioni, anche questa rappresenta un pensiero assolutamente soggettivo 😉

La seconda parte, dove cuore e mente del lettore non riescono a staccarsi neppure un attimo dalle vicende di Cassie e del pianeta Sesho, si trova a dover lottare con una prima dove il ritmo è lento e lo scritto è un po’ ripetitivo. L’autrice tende a dare spiegazioni di comportamenti o  emozioni che sarebbero comprensibili da chiunque anche se non li avesse scritti, elementi solitamente sottointesi che non necessitano di troppe parole.
La stessa cosa la ritroviamo nelle descrizioni del setting, estremamente dettagliate: una scrittura decisamente prolissa che ho apprezzato in alcuni passaggi più che in altri, dove avrei preferito maggiore sinteticità.

La paura per l’ignoto si mescolava al desiderio di lasciarmi avvolgere dalla sua prorompente energia, che avvertivo come una sfilza di onde impetuose sul mio corpo in trance. Ero talmente concentrata, talmente assorta e intenzionata ad estraniarmi da tutto il resto, che mi sembrò quasi di avvertire una delicata carezza sul viso; una carezza maliziosa e sinistra.
Quando raggiunsi quasi l’apice del mio stato di estasi, una voce sibilante e calda mi sfiorò i timpani.
Il mio cuore perse un battito. Era quella voce. Ormai era registrata nella mia memoria, marchiata e indelebile. Non avrei potuto confonderla con nessun’altra, perché quella voce era ipnotica, era avvolgente come il manto della notte e pericolosa e ardente come il fuoco. Lanciai sguardi carichi di angoscia per tutta la stanza, ma non vidi nulla.

 Nonostante questo difetto, che influisce abbastanza sulla mia personale valutazione, devo dire con sincerità che la seconda metà del romanzo è stata una vera rivelazione!
Si denota immediatamente una maggiore maturità dell’autrice, cresciuta nel corso del romanzo insieme ai suoi personaggi: la trama, lo stile, i colpi di scena e un finale (che mi ha emozionato più di quanto mi sarei mai immaginata)… tutto sale di qualità e di spessore!

Assolutamente da menzionare sono alcune scelte tematiche fatte nel corso del romanzo. L’autrice inserisce lungo la storia una serie di argomenti davvero difficili da trattare tanto per gli esordienti quanto per gli scrittori affermati, temi scottanti come il suicidio o l’abuso sessuale sui bambini. Entrambi affrontati con estrema delicatezza, senza perdersi nel terrificante oceano delle frasi banali. Motivo per cui faccio i miei più sentiti complimenti a Reika 😀

QUESTO ROMANZO MERITA:

stellastellastellamezza stella

La lentezza della prima parte mi costringe ad abbassare un po’ il mio voto. Sono davvero curiosa di leggere il nuovo lavoro di Reika! Non vedo l’ora di scoprire quanto sia ulteriormente maturata e cresciuta come autrice 🙂

firma

0 Pensieri su &Idquo;L’Angolo delle Recensioni: Lacrima Nera (R. Kell)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *