Aspettando il Natale…

Ciao a tutti, miei adorati Lettori!
Oggi voglio parlarvi… del Natale <3

Ok ok, sono leggermente in anticipo! Non che io voglia precorrere i tempi, ma ormai lo sto facendo da un po’. *Vedere già da una decina di giorni i film natalizi mi rende una Lettrice pazza da legare?!*
Che volete farci, sono fatta così: sono un’inguaribile bambina che aspetta il Natale successivo già dal 26 dicembre ^_^ *Non come certe persone che fanno i Grinch… ogni riferimenti ad “umanialieni” è puramente casuale* hihihihi!

Bene, lasciando perdere queste momentanee follie, volevo presentarvi il piccolo programma natalizio de Le Parole Segrete dei Libri, che nei prossimi giorni si vestirà a festa per l’occasione!

A partire dal 1° Dicembre, ogni giorno aprirò una casella del Calendario dell’Avvento! Sto preparando tante tante cosine interessanti per voi, sono certa che vi piaceranno! Ma dato che il blog non è soltanto mio, ma di tutti voi, vorrei condividere questa esperienza con ognuno di voi, come se foste davvero insieme a me ad aprire le caselle del calendario! Rendereste l’attesa del Natale davvero magica se partecipaste attivamente ogni giorno alle piccole attività che preparerò <3

Nel corso del mese il blog ospiterà anche numerosi autori per Blogtour e interviste! Come sempre, una montaga di libri interessanti e di super consigli che potrebbero nettamente facilitare la vostra scelta per i regali! ^_^ Io ahimè ho la sfortuna di non conoscere tanti booklovers nella mia quotidianità, quindi sto cercando di ingegnarmi in altro modo! Magari per voi qualcuno di questi consigli potrebbe funzionare 😉

Qualche altra sorpresa ve la terrò nascosta 😛 Non è bello sapere tutto in anticipo! Voi cosa farete di bello nei giorni che ci separano dal Natale?

firma

ANTEPRIMA: Hybrid’s Legacy Saga di Francesca Pace

Ben ritrovati Lettori!
Oggi, fra un impegno e l’altro, riesco a pubblicare entrambe le anteprime che volevo mostrarvi: sono davvero soddisfatta di me stessa! 🙂
Il secondo articolo di oggi è dedicato ai primi due capitoli di una saga che sto avendo il piacere di leggere proprio in questi giorni. Si tratta della Hybrid’s Legacy Saga, una quadrilogia urban fantasy nata dalla penna di Francesca Pace.
Il terzo volume della serie, Vincolo di Sangue, uscirà a dicembre.

Emma

Hybrid’s Legacy Saga #1

foto 1Titolo: Emma
Autrice: Francesca Pace
Editore: You Can Print
Prezzo Ebook: €2,99
Prezzo Cartaceo: €14,90

Sinossi:
Emma é una ragazza semplice dall’inconsapevole fascino magnetico. Rimasta orfana giovanissima, vive la sua esistenza con affianco la sua migliore amica Serena, una ragazza solare ed estroversa che la supporta e la aiuta nelle difficoltà e gode con lei dei successi.
Nulla é come sembra in realtà e con il dipanarsi dell’intreccio Serena svelerà la sua vera natura quella di potente strega affiancata alla ragazza per difenderla. La vita di Emma, tranquilla, al confine dell’invisibilità, verrà sconvolta da un cambiamento radicale ed improvviso che la catapulterà nel complesso e violento mondo di streghe e vampiri. Un’inaspettata e travagliata transizione ne muterà in modo definitivo la natura e l’essenza trasformandola in un essere sovrannaturale mai esistito prima. In Emma prenderanno vita le due nature che la compongono e caratterizzano che, tenute sopite per anni sgomiteranno tra loro fino a trovare un equilibrio. La ragazza scoprirà di essere un ibrido, per metà strega e per metà vampiro. In questo cambiamento, che accompagnerà anche una maturazione caratteriale, Emma capirà, anche, che la sua vita era destinata a questo mondo fantastico e che i suoi più cari amici ne facevano parte da sempre. Quando la straordinaria ragazza, accompagnata dai suoi amici di sempre e da un nuovo e viscerale amore, si troverà ad affrontare con coraggio la sua nuova vita imparando ad amarla e ad amare se stessa come mai prima, scoprirà di possedere uno sconfinato ed incontrastabile potere. È, questa, una appassionante ed intensa storia di amicizia, fratellanza e amore.

Gabriel
Il sigillo della tredicesima runa

Hybrid’s Legacy Saga #2

foto 2Titolo: Gabriel – Il sigillo della tredicesima runa
Autrice: Francesca Pace
Editore: You Can Print
Prezzo Ebook: €2,99
Prezzo Cartaceo: €14,90

Sinossi:
Gabriel è un ragazzo come ce ne sono molti. Scapestrato e superficiale, conosce fin troppo presto i dolori che un’esistenza umana porta con sé. Attraverso la sofferenza e la morte impara la caducità della vita e la fragilità dei sentimenti.
In una Scozia di fine 1400, Gabriel sceglierà le tenebre e l’oscurità dell’immortalità. Sceglierà di diventare un vampiro.
Sangue e morte ne accompagnano l’esistenza vissuta nell’inconsapevolezza e nell’ignoranza del suo dono. Un sigillo che ne cambierà radicalmente le sorti.
Una vita, la sua, vissuta al limite con al fianco Andrew, suo fratello, che mai lo abbandonerà neanche quando tutto in lui sembrerà essere perduto.
Una storia che abbraccia quasi sei secoli, ricca di cambiamenti e repentini mutamenti che porteranno ad un’intima trasformazione interiore che toccherà il culmine nell’incontro con Emma, l’amore della vita di Gabriel.
Sarà proprio l’amore, il motore che muove ogni cosa, a rendergli salva la vita e soprattutto l’anima.

 Link per l’acquisto:
EMMA

Link per l’acquisto:
GABRIEL – Il sigillo della tredicesima runa

L’Autrice

Mi chiamo Francesca Pace e sono nata a Roma 35 anni fa.
Da sempre appassionata di scrittura e lettura, ho scritto racconti e poesie che ho tenuto chiuse in un angolino fino a quando mi sono fatta coraggio e ho deciso di tentare, con questo romanzo, la via della pubblicazione.
Abbandonate le fantasie e i desideri di diventare scrittrice subito dopo l’adolescenza, anche e soprattutto a causa delle necessità che mi sono trovata a fronteggiare, mi sono dedicata ad altri studi universitari laureandomi in fisioterapia.
Sono mamma di due splendidi bimbi ancora piccini e solo ora, una volta abbandonatala la carriera in Italia, e dopo essermi trasferita a Zurigo per seguire il mio cuore, ho rimesso mano alla penna.
Il primo capitolo della saga, “Emma”, è nato dal desiderio e dalla voglia di raccontare una bella storia, avventurosa e appassionata, alla mia bambina, Emma.
Quando ho iniziato a scriverlo lei aveva solo due anni, ora ne ha quattro. Mi piaceva l’idea di lasciarle un bel libro da leggere, uno di quei libri in cui la principessa è una guerriera coraggiosa e determinata, proprio come spero sarà lei da adulta. La passione per la magia Wicca e per l’immortalità hanno, poi, fatto il resto.
La mia passione per la scrittura è nata in modo semplice e puramente casuale. Quando avevo undici anni mia madre mi ha regalato un’agenda, un diario. Ero una ragazzina particolarmente introversa e decisamente poco incline alla comunicazione e al dialogo.
Mia madre sperava, ed aveva ragione, che attraverso la scrittura sarei riuscita ad esprimere quanto non ero in grado con le parole. Certo non immaginava che scrivere sarebbe diventato il mio rifugio incantato e sicuro. Attraverso le parole mi liberavo delle negatività e dei pensieri pesanti e le utilizzavo, anche e soprattutto, per esternare i sentimenti e gli affetti. Presto sono passata dal raccontare alle pagine del mio diario quanto mi accadeva a raccontare, semplicemente, storie, fantasie, che piano piano sono diventati racconti.
Li conservo ancora tutti quei diari. Un giorno credo proprio che li andrò a rileggere.

firma

ANTEPRIMA: Rebirth – I Tredici Giorni di Alessia Coppola

Buongiorno Lettori,
come promesso ieri, ecco la prima delle due segnalazioni! Partiamo con il romanzo d’esordio di una scrittrice che stimo moltissimo e che ho premiato proprio ieri per il suo meraviglioso racconto Il Cuore di Koral. Sto parlando di Alessia Coppola e del suo primo romanzo per la Dunwich, Rebirth – I Tredici Giorni

Rebirth
I Tredici Giorni

covercompletargbTitolo: Rebirth – I Tredici Giorni
Autrice: Alessia Coppola
Editore: Dunwich Edizioni
Prezzo Ebook: €2,99
Prezzo Cartaceo: €9,90 (A GENNAIO)

Sinossi:

New Orleans, 1939
Le luci del teatro si spengono. Grace stempera il trucco di scena. Si specchia. Segue con lo sguardo una ruga. Si rende conto che il tempo scorre anche per lei. Ma lei non vuole invecchiare. Con il cuore in tumulto esce dal teatro. Ad attenderla c’è un uomo in nero che le promette l’eterna giovinezza.
E se riuscisse davvero a impedirle di invecchiare?
Grace stringe un patto con lui, ignorando che in realtà è un demone figlio della Morte. Un Chronat.
Da questo momento, ha tredici giorni per fuggire. Se il demone riuscirà a trovarla prima della mezzanotte del tredicesimo giorno, lei apparterrà alle schiere della Morte e diventerà un Chronat a sua volta. In caso contrario, sarà libera.

Ma il percorso che attende la seducente attrice è pregno di sorprese. Non ultima quella che la porterà tra le braccia di Ayku, custode designato per proteggerla dal Chronat. Tra creature angeliche dedite al Bene e demoni votati al Male, Grace si ritroverà per la prima volta nella sua vita a dover scendere a patti con il Destino… e a compiere la sua scelta.

Estratto

«Perdonami se ti ho spaventata», sussurrò, con una voce che mi ricordò il suono del vento autunnale tra le foglie.
Rinvenni del tutto e, non so come, mi allontanai di scatto. Ero impaurita e sorpresa.
Da lì potei vederlo meglio. Sembrava sul serio l’angelo di pietra che avevo ammirato fino a poco tempo prima. La creatura alata presso cui mi rifugiavo quando ero bambina, annegando le lacrime nel buio dei sotterranei. Il mio principe di pietra era lì.
Il suo corpo era un fascio armonioso di muscoli tesi. Aveva il torace nudo, liscio e madreperlaceo. Perfetto. Vi notai delle striature azzurrognole tatuate che si rincorrevano in ghirigori dal tronco fino al collo. E brillavano.
Indossava una specie di pantaloni, larghi e di un tessuto iridescente che non avevo mai visto.
Era scalzo.
Un uomo è realmente bello quando lo sono i suoi piedi. E i suoi erano perfetti, intarsi nel marmo, raffigurazione di una poesia proibita.
Fui così abbagliata dalla sua visione che non trovai nemmeno strana la sua presenza.
«Chi sei?» gli domandai con voce esile.
«Sono uno Jupfer, Grace», rispose, portandosi una mano al petto.
La mia mente vacillò. Stavo impazzendo. Prima avevo visto il mostro dai denti di sciabola nera e adesso un dio dalla pelle di perla.

Per leggere altri estratti: Rebirth

L’Autrice

Alessia Coppola è una blogger, illustratrice e scrittrice pugliese.
Dopo aver frequentato il liceo artistico della sua città, Brindisi, ha proseguito gli studi presso la Facoltà di Beni Culturali, per poi trasferirsi a quella di filosofia e ancora in sociologia con indirizzo criminologia.
Durante gli anni dello studio, si è dedicata alla scrittura, pubblicando nel 2005 Pensieri nel Vento, raccolta di poesie edita da Kimerik Edizioni.
Nel 2009 è venuta alla luce la seconda raccolta di poesie Canto di Te di Damiano Edizioni. Dal 2009 a oggi, ha collaborato attivamente con editori, blog e riviste, come articolista e illustratrice.
Nel 2012 è stata la volta di Le Avventure di Billino lo Stregatto di Wip Edizioni, una favola moderna per bambini, corredata da illustrazioni.
Nel Natale 2014 verranno alla luce due raccolte di fiabe per l’infanzia. La prima Coccole d’Inchiostro per Parco Multimedia Edizioni e l’altra Tre gemme nello scrigno per Balsamo Edizioni.
Nel febbraio del 2015 invece, per conto di Edizioni il Ciliegio uscirà una raccolta di racconti gotici – horror – steampunk, dal titolo Oltre lo Specchio. Sempre per la stessa CE, nel novembre del 2015 verrà pubblicato un breve romanzo Fantasy per l’infanzia, dal titolo Eleanor e il Principe delle Ninfee.
Rebirth – I Tredici Giorni è il suo primo romanzo. Per la Casa Editrice Dunwich, l’autrice pubblicherà presto altre opere.

Link per l’acquisto:
REBIRTH – I Tredici Giorni

Blog Ufficiale del Romanzo | Anima d’Inchiostro
Sito Ufficiale di Alessia Coppola

Rebirth tornerà l’11 dicembre qui su Le Parole Segrete dei Libri, per una magica intervista alla protagonista Grace!!! Non vedo l’ora <3

firma

 

 

Bookish Academy Awards 2014

Buongiorno Lettori!
*Vi ricordate della vostra Lettrice? eheheh* In questi ultimi giorni mi sono nascosta dal web, troppo stanca per digitare qualsiasi parola sulla tastiera! Ma oggi sono tornata alla carica con un super articolo, dedicato a tutti i romanzi letti fino ad ora nel 2014!

Lo so, lo so… è un po’ presto per tirare le somme delle letture fatte nel corso del 2014! Tuttavia ho trovato questo simpatico Tag, grazie al quale posso cominciare a ricapitolare tutti i libri letti fino ad ora *per non parlare di quelli che ho in lettura al momento e quelli che vorrei leggere a dicembre… oh povera me!!!*
Alla fine dell’anno cercherò di creare una vera e propria top 10, ma per adesso mi limiterò ad attribuire alcuni premi 😀 Prendendo ispirazione dalle categorie del Premio Oscar, chi ha inventato il tag ci chiede di assegnare una serie di riconoscimenti alle letture fatte nel corso dell’anno 🙂 Pronti?

MIGLIOR ATTORE
Miglior Protagonista Maschile

il cavaliere d'invernoSenza alcun dubbio, l’Oscar va ad Alexander, giovane ufficiale dell’Armata Rossa, personaggio maschile principale del meraviglioso romanzo IL CAVALIERE D’INVERNO.
Dire che questo romanzo mi sia letteralmente entrato nel cuore, è dire davvero poco… Con le sue forti emozioni, i suoi personaggi, le loro storie: un tornado che ti travolge senza sosta. E in questo tornado un ruolo fondamentale è affidato al caro Shura, che con le sue scelte cerca di mettere in salvo la donna che ama, anche a costo di doverla allonanare. L’ho adorato <3

MIGLIOR ATTRICE
Miglior Protagonista Femminile

Ho lasciato entrare la tempestaUna scelta davvero difficile in questo caso, ma assegno l’Oscar a Agnes, protagonista di HO LASCIATO ENTRARE LA TEMPESTA. Un romanzo estremamente toccante e infinitamente doloroso, ma che raccoglie in sè un carico di emozioni che ti restano dentro per sempre. La protagonista, nel suo percorso verso la morte, trova uno spirago di felicità, quella gioia mai vissuta in vita, che renderà ancora più difficile il distacco dal mondo. Meravigliosa.

MIGLIOR FOTOGRAFIA
Miglior Colpo di Scena

Ormai lo sapete… la regina dei colpi di scena è Liliana Marchesi. Tutti i suoi romanzi sono un concentrato di adrenalina, suspance e fantastici colpi di scena che non lasciano altra scelta al lettore se non continuare fino a conclusione! Bravissima, con una fantasia senza limiti! L’Oscar è tutto suo 😀

22843529 La trilogia del Peccato

MIGLIOR COSTUME
Miglior cover

Quello delle cover è un mondo vasto, ricco di bravissimi grafici che trasformano le parole in immagini stupefacenti. Quest’anno ho avuto il piacere di conoscerne molte, ma sono rimasta particolarmente affascinata dai lavori di Elisabetta Baldan (qui la sua pagina facebook). E’ veramente molto brava, molti dei romanzi self che ho letto quest’anno avevano la cover realizzata dalle sue manine! 🙂

TI REGALO L'AMORE 10719012_10203961882662019_846061033_n unnamed

MIGLIOR ATTORE E ATTRICE
NON PROTAGONISTA
Miglior Spalla

10689547_10152317830562322_7512181655987058723_nL’oscar va a tutti i personaggi della libreria La Civetta, dal romanzo LO STRANO CASO DELL’APPRENDISTA LIBRAIA. Questo romanzo è stata una vera scoperta, molto più profondo e ricco di quello che mi sarei aspettata. Una rivelazione resa speciale anche da quella serie di personaggi che, seppur secondari, hanno arricchito notevolmente la storia, donandole un qualcosa in più e permettendo alla scrittrice di intrecciare piccole sottotrame a quella principale dedicata alla protagonista e alla sua deleterea storia d’amore.

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
Miglior Trama/Mondo Inventato

Da grande amante dei Fantasy & Co. trovo molto difficile scegliere un solo mondo (con la trama ad esso legata)…
Tuttavia una serie (che non vedo l’ora di poter continuare con il secondo volume) mi ha davvero stregata e non posso non assegnarle l’Oscar: parliamo della saga La Guerra degli Elementi di Veronika Santiago! Se non l’avete ancora letta… FATELO SUBITO!!! 😀

01 Gli Eredi di Atlas - Copertina DEF Il Varco dell'Apocalisse

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Miglior Adattamento Cineatografico di un romanzo

Assegnare questo oscar libroso è davvero difficile, direi impossibile… nel corso del 2014 ho visto tantissimi adattamenti cinematognafici, uno più bello dell’altro! Motivo per cui vi lascio qui le locandine dei film che ho amato di più e vi consiglio caldamente di vederli.
Vi dico già che da gennaio 2015 ricomincerò a pubblicare “I film del Venerdì Sera”… ultimamente ho visto tantissimi flm che non posso non condividere con voi!

book_thief_xlg Divergent-poster Loc+Data_Resta_anche_domani
locandinapg1 storia-d-inverno-poster-italiano The_Giver_poster

MIGLIOR REGISTA
Un autore che hai scoperto quest’anno

Il figlio ribelleQuest’anno ho fatto tantissime scoperte, estremamente piacevoli! Ma sento di dover assegnare con tutto il cuore questo Oscar ad una persona che non solo si è rivelata una bravissima scrittrice, ma soprattutto una persona stupenda, in cui mi rispecchio moltissimo e che non vedo l’ora di poter conoscere di persona e stritolare in un super mega abbraccio: Cristina Zavettieri.
Non tutti sono così fortunati da poter approfonire la conoscenza con qualcuno, soprattutto a distanza… ma Cri, con le sue parole (sia nei romanzi che nella vita), mi ha conquistata <3 *ti voglio bene*

MIGLIOR COLONNA SONORA
Miglior colonna sonora di un libro
che è diventato un film


Can you hear my heart – Hans Zimmer
Tratto dalla colonna sonora del film STORIA D’INVERNO

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
Miglior Racconto/Romanzo Breve

10531099_683137618406059_1286927698_nNon posso non premiare una storia che in poche pagine è riuscita a rubarmi cuore ed anima. Parlo ovviamente del racconto creato da Alessia Coppola, IL CUORE DI KORAL. Una storia breve che, tuttavia, lascia il segno. Alessia è un’eccellente scrittrice e nelle sue storie, anche quelle brevi, regala sempre qualcosa di meraviglioso al lettore 🙂
ps: a brevissimo l’anteprima del nuovo romanzo di Alessia, stay tuned!!!

MIGLIOR FILM
Miglior Autoconclusivo

Siamo giunti all’ultimo premio assegnato durante le cerimonie… quale sarà il miglior romanzo autoconclusivo del 2014? Dato che sono in vena di cattiverie…

Dovrete aspettare la fine dell’anno per saperlo!

Ebbene sì, per conoscere il nome del miglior romanzo (in quel caso non parlerò solo degli autoconclusivi, ma dei 10 romanzi che ho amato di più nel corso del 2014) vi toccherà aspettare dicembre, momento in cui avrò concluso tutte le mie letture e potrò parlare senza avere alcu dubbio! 😛

sidebardivider

Perciò vi rimando a domani con due super anteprime!!!

firma

ANTEPRIMA: L’erede di Tahira di Linda Bertasi

Buongiorno Lettori!
Torna a trovarci Linda Bertasi con il suo nuovo romanzo fantasy! Pronti a scoprire di cosa si tratta?

L’erede di Tahira

10719012_10203961882662019_846061033_n

Titolo: L’erede di Tahira
Autrice: Linda Bertasi
Editore: Butterfly Edizioni
Prezzo: €14,00

Sinossi:
Viserbella, Emilia Romagna, 21 settembre 1561. Una donna sta per essere condotta sul rogo con l’accusa di stregoneria. Sua figlia conserverà per sempre il ricordo di quel giorno terribile e un’importante eredità: un misterioso ciondolo a forma di stella con sette punte. Molti anni dopo, 21 settembre 2013. Arianna non ricorda più nulla del suo passato, non sa più chi è né dove affondino le sue radici. Giorno dopo giorno, Arianna capirà che dietro la sua amnesia si nasconde un passato di magia e poteri e che il segreto della sua esistenza è celato in un misterioso libro che nessuno può aprire al di fuori di lei, l’erede.
Linda Bertasi intesse una storia in cui la magia trasuda da ogni parola e le pagine diventano incantesimi da cui lasciarsi prendere e conquistare. La storia di Arianna e della sua famiglia non è solo il racconto di una lotta tra il Bene e il Male bensì la poesia di una realtà in cui il giusto e lo sbagliato si confondono, si perdono in infinite sfumature di colore dall’impatto onirico con uno sconvolgente, imprevedibile finale.

Prologo in Anteprima

Viserbella (Emilia-Romagna), 21 settembre 1561

La guardo posare la penna d’oca sullo scrittoio consunto, unico arredo di questa stanza fatta eccezione per il gibboso materasso posto nell’angolo alla mia sinistra. Si respira un‘aria stantia qui dentro, l’umidità la fa da padrone ma lei sembra non percepirla, avvolta nel suo abito scuro.
Mi piace il taglio della sopravveste, attillata sul busto e svasata in vita, la scollatura quadrata, decorata dalla ricca passamaneria, e il ciondolo a forma di stella che sosta sulla stoffa. È così bella con i lunghi boccoli del colore del grano che le ricadono sulla schiena, la pelle diafana e il sorriso che ancora non la abbandona. Neppure questa sera, neppure quando mancano poche ore alla fine.
La minuscola finestra, di fronte a me, rivela il cielo stellato intrappolato tra le grate e, là fuori, la pira funeraria già ultimata, una catasta di legna pronta per essere data alle fiamme assieme alla condannata. Chiudo gli occhi, ignorando la consapevolezza di ciò che la aspetta. Lei: l’eretica, la strega!
La guardo e invidio il suo autocontrollo, la sua lucidità. Eccola lì, intenta a infilare il suo scritto tra le pagine di quel mastodontico diario che porta sempre con sé. Non so cosa contiene, ma per lei è un fedele compagno e lo sarà anche per me.
Mi si avvicina, consegnandomi il diario. La copertina scura è morbida, priva d’iscrizione, conterrà almeno cento pagine se non il doppio. Ci guardiamo, occhi negli occhi, non una parola esce dalla sua bocca. Non intendiamo spezzare il silenzio.
Poi, l’uscio alle mie spalle si apre e la guardia sbircia all’interno: le gambe sono infilate in stivali sudici, la tunica puzza di vino, la spada riposa nel fodero. Ci ricorda, senza troppi preamboli, che l’ora è tarda e la visita si deve concludere.
Lo guardo dileguarsi oltre il battente e ricaccio l’immagine di ciò che la aspetta: le fiamme che lambiranno il suo corpo mi provocano una vertigine, mi sento mancare e lei mi sorregge. Mi posa una mano sul capo e il contatto mi riporta alla mente le sue ninnenanne prima di addormentarmi, la sua voce d’usignolo, il calore del suo tocco, il tocco di mamma.
Lei scuote il capo come a ricacciarmi le lacrime in gola e mi sfiora la fronte con un bacio. Non resisto un istante di più, la stringo a me inspirando il suo profumo, immortalandolo nella memoria. «Vi voglio bene» le sussurro all’orecchio.
Lei annuisce, sciogliendosi dal mio abbraccio. China il collo verso lo sterno togliendosi la collana cui è appeso il ciondolo incolore. Mi aiuta a indossarla e resta a osservare la stella a sette punte immobile tra i miei seni. «Custodiscila» mormora «È la tua eredità.»
Non rispondo. Detesto questa pietra fredda, mi fa accapponare la pelle. Così come aborrisco questo maledetto diario e tutte le menzogne che l’hanno condotta qui dentro. Le accuse infondate, l’ignoranza della mia gente e l’orrore di cui si sta macchiando.
Mi avvicino all’uscio, reticente, le lacrime bussano ed io non le trattengo. La mano è già sul pomello liso da impronte di prigioniere innocenti che si sono avvicendate in questa stessa cella per anni, forse secoli, prima di lei. E poi la sua voce colora l’aria. «Per quanto sbiadito agli occhi, c’è sempre un disegno, Maria.»
Mi chiudo la porta alle spalle. Non voglio ascoltarla, non voglio piangere, non voglio che muoia con i miei singhiozzi nelle orecchie. Vorrei essere forte e combattiva come lei mi ha insegnato, ma non so se ne avrò la forza. Non domani, quando dovrò starle di fronte a guardarla bruciare tra il giubilo della folla.
Corro verso l’uscita dell’edificio, ignoro le guardie e non mi volto più indietro. Mi lascio la prigione alle spalle, corro e piango. Il ciondolo stretto nel pugno mi graffia il palmo. Il diario, schiacciato contro il mio petto, segue il ritmo oscillante del mio incedere.
Li odio. Odio il mio Paese, odio il mio nome, odio questa eredità.

L’Autrice

739995_4689504590185_557226336_oLINDA BERTASI nasce nel 1978.
Appassionata di storia e letteratura inglese, sviluppa sin dalla tenera età una spiccata predisposizione per le materie umanistiche.
Nel Gennaio 2010, pubblica il romance contemporaneo “Destino di un amore” (La Caravella Editrice), cui fa seguito nel Febbraio 2011 il paranormal-romance “Il rifugio – Un amore senza tempo” (La Caravella Editrice) che le vale, nel 2012, la Medaglia d’Argento al XXIII Premio Letterario ‘Valle Senio’.
Nel Maggio 2013, pubblica il romance storico “Il profumo del sud” (Butterfly Edizioni) che le vale la qualifica con merito di ‘Autore commendevole’ al VII Premio Letterario Europeo ‘Massa città fiabesca’.
Sempre nel 2013, ha curato diverse prefazioni per i romanzi di Emanuela Rocca e Laura Bellini.
Dal Febbraio 2013, gestisce il suo blog Linda Bertasi Blog dove da ampio spazio agli emergenti con segnalazioni, interviste e recensioni GRATUITE.
Dall’ottobre 2014 è membro dell’associazione EWWA .
Gestisce assieme all’amica e collega Laura Bellini anche il blog “Impronte d’autrici”.
Scrive sul web-magazine Io Come Autore dove cura personalmente la rubrica “Il romanzo Classico”.
Collabora con le case editrici “Agenzia Letteria Jo March” e con “Faust Edizioni”, con il blog letterario “Destinazione Libri”.
Proprietaria di una piccola realtà commerciale nella provincia di Ferrara, vive assieme al marito e alla figlia.

QUALIFICA DI MERITO COMEAUTORE COMMENDEVOLE’ AL VII PREMIO LETTERARIO EUROPEO ‘MASSA CITTA’ FIABESCA DI MARMO E MARE’

Link per l’acquisto: L’EREDE DI TAHIRA

Una bravissima scrittrice e una storia che non può non attirare l’attenzione 😀 non vedo l’ora di leggere questo romanzo!!!

firma

Parliamo di… Tristi realtà librose!

PARLIAMO DI

Buonasera a tutti!

Fare polemica non mi è mai piaciuto.
C’è chi lo usa come principale passatempo per sfogare le proprie frustrazioni represse, ma personalmente preferisco riservare questo genere di discorsi solo a momenti in cui sento davvero di dover dire la mia.
E come in tutte le mie rare “uscite di testa” mi permetto anche di fare alcune premesse doverose: il seguente articolo non è rivolto in alcun modo agli autori o autrici che si sentiranno presi in causa (sembra assurdo ma leggendo dovreste capire cosa intendo…). Parlo, con grande amarezza, del nostro piccolo mondo di lettori e delle scelte editoriali che le Case Editrici fanno a causa nostra. Mi spiego meglio.

Girovagando su Facebook, ho scoperto che un nuovo romanzo self ha attirato l’attenzione di una grande CE. Sono estremamente felice per l’autrice in questione, che stimo moltissimo e che io stessa ho pubblicizzato sul mio blog ospitando una tappa del suo blogtour!

*Quindi non iniziate a scrivere cose come “ti rode che lei è stata contattata…” Alessandra è una persona fantastica ed una bravissima autrice, si merita questo e tanto tanto altro. Per di più non sono una scrittrice, perché dovrei sentirmi in difetto?!* 😉

La mia riflessione, quindi, non è in merito alla bravura dell’autrice, nè tantomeno alla scelta in particolare della CE di contattarla e di pubblicare il suo romanzo…

Tuttavia mi sono stati donati occhi, orecchie e un cervello, e quasi sempre cerco di utilizzarli per farmi una mia personale idea di come va il mondo, e in questo caso il “mondo dell’Editoria moderna”.
Quello che ho notato nell’ultimo periodo (tristemente aggiungerei) è la quasi totale “monotonia” delle scelte editoriali: senza nulla togliere a tutte le autrici specializzate in questo genere, ma perché solo i romance attirano le case editrici?
Perché non vedo mai l’annuncio di una CE interessata ad altro, come uno storico, un fantasy, un distopico, un thriller… una qualsiasi altra cosa Made in Italy? *lo so, lo so… è tutto legato alle mode del momento*
Perché la maggior parte delle letture (non romance) che le Case Editrici ci propongono vengono dall’estero?

Mie care CE, l’Italia è piena di FANTASTICI SCRITTORI, di tutti i tipi, che affrontano tutti i generi… Perché non riuscite a guardare al di là del vostro naso? Perché vi buttate solo su “incassi sicuri” e non provate a scommettere su qualcosa di nuovo? Perché scegliete di investire il vostro tempo e le vostre risorse solo su ciò che pensate possa attirare il lettore, ma non vi rendete conto che invece lo state allontanando?

Non voglio mettermi qui a fare la matematica da strapazzo, ma dato che voi affidate le vostre scelte ai numeri, ve ne ricorderò qualcuno: da 46 a 43%. Ecco la cifra di lettori nel 2013, ridotta rispetto al 2012 *non oso immaginare come saranno i dati Istat del 2014* I lettori diminuiscono di anno in anno: forse sarebbero più spinti a continuare a leggere se, entrando in una libreria, riuscissero a vedere qualcosa di nuovo!

Sapete, miei cari, qual è il VERO PROBLEMA?

Il problema siamo noi lettori! Le CE, come tutte le industrie che immettono prodotti sul mercato, scelgono di pubblicare i romanzi che rispondono alle richieste dei compratori!

E’ necessario dire la verità: quel gruppo ristretto di persone che leggono, e parlo soprattutto del genere femminile, spesso si limita a baci sotto il vischio e abbracci sotto le coperte, senza pensare che anche altre cose sono meravigliose da leggere

Non fraintendetemi, sono la prima che legge romance, ma amo cambiare, non limitarmi! Ho sentito persone dire “se non c’è la storia d’amore, il libro non lo leggo”. E non saprei dirvi se questa frase mi faccia più o meno paura dell’affermazione “a me non piace leggere”.
A quest’ultima c’è un rimedio: io ne sono la prova vivente, si può imparare ad amare la lettura a qualsiasi età.
La prima, invece, mi sembra davvero il punto di non ritorno dell’editoria moderna, perché se le CE iniziassero a seguire una politica solo e soltanto di questo tipo perderemmo una serie di storie meravigliose semplicemente perché i due protagonisti non finiscono a letto!

firma

Anti Bullying Week Readathon

Buongiorno Lettori!
Oggi voglio proporvi una maratona libresca davvero bella e molto significativa.

147983

Per supportare la Settimana contro il Bullismo, un’iniziativa che si svolgerà in Inghilterra dal 17 al 23 novembre, una youtuber inglese, Sarah Churchill, ha organizzato una read-a-thon a tema, proponendo una lista di circa 100 libri fra cui scegliere.

La maratona è molto semplice:
leggere più libri possibili nell’arco dei sette giorni.

In questo caso non è davvero essenziale quanti libri riusciremo a leggere in quei sette giorni, ma trovo molto molto bello porre l’attenzione su una tematica così seria, difficile ed importante come il BULLISMO.

Questo è il video introduttivo della maratona:

A questo link (qui) troverete la lista completa di tutti i romanzi proposti per la maratona. Ovviamente la lista è in inglese, ma numerosi romanzi sono stati tradotti e pubblicati qui in Italia, quindi dateci comunque un’occhiata 😀 Non sono solo romanzi dedicati interamente al bullismo, molti lo inseriscono come uno dei temi della storia, quindi non preoccupatevi: non ci si annoia mai 😉
Eccone alcuni:

18665794 17936775 unnamed

91o13sPo7VL._SL1500_ 1035_carrie_1203853393 1003

Che ne dite? Vi andrebbe di unirvi a me?

firma

ANTEPRIMA: Con un poco di zucchero di Chiara Parenti

Ciao a tutti miei cari cincillàops! volevo dire Lettori!!!

*Chiara vedi, è colpa tua se mi confondo*
Vi ricordate di quella simpaticissima e molto dotata scrittrice, mamma del romanzo Tutta colpa del mare? La nostra super Chiara è tornata alla carica con un nuovo romanzo (sempre per la Rizzoli You Feel) tutto risate, zucchero e cincillà! Pronti a scoprire di più su questa nuova storia?

Con un poco di zucchero

1604823_10204317274910942_7381977368243834204_nTitolo: Con un poco di zucchero
Autrice: Chiara Parenti
Editore: Rizzoli You Feel
Prezzo Ebook: €2,49

Sinossi:
A trent’anni suonati Matteo Gallo, aspirante scrittore senza soldi e senza speranze, è costretto a vivere con la sorella Beatrice e “Loro”, Rachele e Gabriele, i due scatenatissimi nipotini. Nessuna delle tate finora ingaggiate è riuscita a domarli. Ma ecco che, come per magia, un pomeriggio di fine settembre, un forte vento che spazza le nubi dal cielo porta tata Katie.
Beatrice e i suoi bambini restano subito incantati da questa ragazza inglese un po’ stravagante e scombinata, che fa yoga, mangia verdure, va pazza per i dolci… e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l’amaro della vita. Matteo invece cercherà (o crederà) di sottrarsi al suo influsso: ma sarà tutto inutile, perché Katie compirà su di lui la magia più grande. Quella dell’amore…

Estratto

La giostra sale al piano superiore tra urla tormentate e ululati più strazianti delle performance canore della tata. Le porte si spalancano di nuovo di fronte a noi, lasciandoci uscire all’esterno. Nel breve tratto all’aperto, l’aria fresca ci accarezza il viso e i bambini si rilassano un po’, mollando la presa.

Senza nemmeno chiedere il permesso, i miei occhi si spostano verso il basso a cercare lei, ma voi non chiedetemi perché: non saprei cosa rispondere. I bambini fanno lo stesso e appena la intercettano, appoggiata al bancone della cassa intenta a chiacchierare con la donna.

L’Autrice

3Sono arrivata sul vostro pianeta 34 anni fa e ci sto molto volentieri. Sono giornalista e addetta stampa, ma lavoro anche con i libri che mi piacciono tantissimo. Abito a Carraia-County, una spolverata di casine tra i campi e l’A11, in provincia di Lucca. Sono brava a fare la raccolta differenziata, adoro contare gli scalini, odio il cetriolo che si ostinano a mettere dentro il Big Mac e stramaledico le pulizie di primavera. La settimana in cui ho lavorato come rappresentante di aspirapolvere è stata la più terrificante della mia vita.

Dotata di almeno 45 personalità diverse che albergano allegramente nella mia testa, adoro scrivere storie, per poter dar voce a ognuna di esse. Ho un Topino Adorato, una Lady Gaga come gatto, e scrivo cose buffe su un blogghino che si chiama Il Giardino d’estate, che aggiorno con una cadenza giornaliera. Cioè settimanale. No, forse quindicinale. Insomma, ogni volta che me lo dicono le vocine nella mia testa

Link per l’acquisto:
CON UN POCO DI ZUCCHERO

Blog Ufficiale del Romanzo | Evento Facebook del Blogtour

Ho adorato il suo primo romanzo e sto amando alla follia anche questo (eh si, lo sto leggendo… e dovreste farlo anche voi)!!!

firma

Premio Luce Interiore

Ben ritrovati Lettori del mio cuore!
Oggi voglio partire con un piccolo ma significativo riconoscimento che mi è stato dato dalla mia bilancina Chiara! Spesso ci capita di ricevere delle nomination per vari award di tipologie fra le più diverse, e sono davvero contenta di riceverne uno come questo, che mette al centro la spontaneità, la sincerità, l’umiltà del blogger <3

ECCO LE REGOLE

  1. Nnominare 10 blog che brillano di qualità speciali come spontaneità, sincerità, umiltà e disponibilità (quelle luci calde ed avvolgenti che lo differenziano da tenti altri)
  2. Avvisare i nominati
  3. Usare il logo del premio

Questa volta mi prenderò qualche minuto di più per elencare le mie nomination 😀 Non importa se avrete già risposto a questo premio, se qualcuno vi ha già nominato e non vorrete ripetervi… Per me è comunque un pensiero che voglio regalare con tutto il cuore!

Luca: E’ difficile trovare persone davvero buone, pulite, semplici e senza secondi fini a questo mondo… Luca è certamente uno di quei casi rari di Bella Persona, con le lettere maiuscole, senza se e senza ma!

Umanoalieno: Ne vogliamo parlare?! Un folle che ha conquistato la mia amicizia così, dal nulla! 😛 *hihihihi non resisto, ti devo prendere in giro per forza* Una voce fuori dal coro, con la parola giusta al momento giusto 🙂

Chiara: Un’amica, una compagna di viaggio, un vulcano di energia, una sorta di gemella separata alla nascita XD tanto tanto affetto <3

Imma: Ormai dichiarata mascotte ufficiale dell’E-zine, è una ragazza troppo divertente, senza peli sulla lingua e pronta a dire la sua! Tutte qualità che personalmente apprezzo moltissimo! 🙂

Simone: La bellezza dei blog è che ti permettono di conoscere tante persone, alcune belle, altre che avresti tranquillamente preferito evitare lungo la tua strada e altre ancora stupende… indovinate in quale categoria si colloca il nostro Zillyfree? 😀

Lucia: Una ragazza le cui parole aprono la strada ad un viaggio “tra sogno e realtà” <3 felicissima di averla conosciuta mesi fa, ancora più contenta adesso di saperla mia amica!

Diletta: il problema è quando hai troppe parole belle in testa e non sai quale usare per rendere giustizia a una persona… Un’altra bellissima persona incontrata nel mondo virtuale e che mi piacerebbe tanto poter abbracciare prima o poi <3

Vittorio: *non mi importa se non sei molto attivo ultimamente* 😛 Se si dovesse assegnare questo premio ad una sola persona, probabilmente andrebbe a questo rompiballs qui XD  quando si mette in testa qualcosa non lo schioda nessuno, soprattutto se si parla di correttezza e sincerità! Testardo fino al midoppo, però non puoi non volergli bene 😉

Antippa: se cercate un blog divertente, sincero e gestito da una bellissima persona allora correta a leggere questa fanciulla dalle mille e simpaticissime idee <3

Il decimo posto è dedicato a tanti altri blogger che meritano di entrare in questa lista: Rosie (Dragonfly Wings), Alessia (Anima d’Inchiostro), Ale (L’angolino di Ale), Luna (viaggioperviandantipazienti), Rosy (Live&Read), Elena (Parole Infinite), Evarachele (Coppetta gusto Collins e Mazzantini), Mara (Paveseggiando), Sonia (Solo 1 altra riga) Valentina (La biblioteca di Babele), Claprof (La biblioteca dell’anima), Carlo (Carlo Galli) e tanti tanti altri 😀

firma

ANTEPRIMA: Il profumo del Sud di Linda Bertasi

Ciao a tutti!!!!!
E’ bello tornare dopo tanto tempo, soprattutto quando l’allontanamento non è né pianificato, né tantomeno voluto. L’importante è essere di nuovo qui con tante tante cose da fare, tanti libri da leggere insieme e tante news librose di cui parlarvi! Iniziamo oggi con una novità tutta digitale: arriva in ebook un romanzo fino ad ora disponibile solo in cartaceo! Pronti a scoprire di cosa si tratta?

Il profumo del Sud

391586_491097730960385_846369254_nTitolo: Il profumo del Sud
Autrice: Linda Bertasi
Editore: Butterfly Edizioni
Prezzo Ebook: €2,02

Sinossi:
Luglio 1858. Un piroscafo prende il largo dal porto di Genova verso il Nuovo Mondo. Sul ponte, Anita vede la terraferma allontanarsi e, con essa, tutto il suo passato: una famiglia alla quale credeva di appartenere, i suoi affetti, una scomoda verità. A condividere il viaggio con lei, la matura Margherita e il suo protetto, il seducente Justin Henderson. Giunti in America, Margherita convince Anita ad essere sua ospite per qualche tempo, nella sua dimora a Montgomery. La ragazza accetta, sicura di dover ripartire al più presto. A farle cambiare idea saranno le bianche colline del Sud e un tormentato amore più forte delle sue paure. All’orizzonte, l’ombra oscura della guerra civile.
Linda Bertasi scrive un romanzo che dell’Ottocento ha il sapore, un romanzo nel quale la Storia non è semplice sfondo ma protagonista attiva della vicenda. Narrativamente impeccabile, emotivamente travolgente, Il profumo del sud è una storia di passione: quella per la terra alla quale sentiamo di appartenere e quella per la persona che siamo destinati ad amare.

 Prologo in Anteprima

La ‘Lanterna’ spiccava sul porto di Genova in tutti i suoi centodiciassette metri.

Aguzzò la vista. Eccoli: i due grifoni che reggevano lo scudo con l’insegna di San Giorgio, una croce rossa in campo bianco, la coda e le ali alte, quasi a sfiorare la corona che li sormontava, rigorosamente chiusa, simbolo tangibile di sovranità.

Sulla banchina, di fronte a lui, qualche parente venuto a tendere l’ultimo flebile legame con famigliari emigranti, ansiosi di lasciarsi la penisola alle spalle e di approdare su terre più fortunate e rigogliose. Ansiosi di raggiungere il Nuovo Mondo, emblema di speranza e di futuro in quegli anni burrascosi.

Sorrise della loro ingenuità, spostando lo sguardo dai nastri colorati, tesi sino alla nave, ai pochi passeggeri addossati sul ponte di quel piroscafo a vapore, più simile a un brigantino che a un transatlantico. Alzò gli occhi, osservando l’alberatura, il fumaiolo alto e stretto che s’innalzava verso il cielo azzurro. Sarebbe stata una traversata lunga e piuttosto scomoda. Fece un rapido calcolo dei passeggeri imbarcati: una trentina senza contare l’equipaggio, per lo più emigranti tricolori.

Ed ecco i nastri tendersi sempre più, si stava muovendo. Le grida di un paio di ragazzini alla sua destra lo distolsero. Lanciò uno sguardo infastidito nella loro direzione e la vide addossata alla ringhiera di legno, la presa ferrea, le dita livide. Fissava un punto imprecisato tra le acque, gli occhi alla spasmodica ricerca della chiglia. In altre circostanze avrebbe sorriso di quella giovane donna ombrosa. Le femmine avevano una propensione per il dramma che rasentava l’illogico, ma c’era qualcosa in lei, qualcosa d’insolito. Nessun nastro teso verso la banchina, nessun famigliare o amico, nessun servitore.

I suoi capelli furono i primi a colpirlo: una folta chioma sbarazzina, preda della brezza leggera. Boccoli di un castano incendiato s’inanellavano sulle spalle, celate da un lungo mantello scuro. Sotto quel sole mattutino, parevano catturarne i raggi imprigionandoli tra le ciocche ondeggianti. Distava non più di cinque metri da lui. Respirava a intermittenza e, ogni volta, il petto si sollevava, mostrando la generosità delle sue curve. Indugiò sui fianchi sottili, sulla vita sinuosa, immaginando le lunghe gambe flessuose intrappolate nella crinolina.

Un brivido lo sorprese, mentre fantasticava su quel corpo invitante, su quella donna pudica. Amava quel genere di femmine. Nascondevano, sotto la timida scorza, un animo succoso e ardente.

Un alito di vento s’insinuò sotto il mantello, scoprendole la spalla. Lei si volse, trattenendo la stoffa, castigandola con l’imposizione della mano inguantata. Fu allora che lui scorse i suoi occhi scuri, profondi: due perle d’inchiostro su una pergamena d’alabastro. E lì, tra le lunghe ciglia nere, qualche stilla disegnava un percorso insolito. Un tortuoso tracciato che moriva sulle labbra piene: due pesche setose da mordere seduta stante.

Piangeva in silenzio, lasciava scorrere quella muta emozione senza porvi freno, senza trattenerla. Quella visione lo stregò, più ammaliante che qualsiasi sguardo, corpetto o crinolina.

E poi la nave ondeggiò, la banchina dinanzi che si riduceva. La misteriosa sconosciuta si staccò dalla ringhiera, diretta a poppa, verso di lui. S’incamminò e il suo incedere lo ammaliò, passi lenti, cadenzati, una sorta di danza. La donna incrociò il suo sguardo per una frazione di secondo, poi lo distolse con nonchalance.

Lui restò a contemplare la banchina, mentre un profumo di fragole e gelsomino gli solleticava le narici. Fu in quell’istante che scorse la carrozza arrestarsi in una nuvola di polvere. La portiera recante uno stemma giallo-oro che si apriva con impeto e un giovane che correva a perdifiato tra marinai, nastri strappati e volti curiosi. Lo sconosciuto si scagliò verso la nave, quasi volesse afferrarla, strattonarla, costringerla a invertire la rotta. Un grido uscì dalla sua bocca. Un nome in balìa dei venti: ‘Anita’.

Le sillabe si persero tra le onde increspate dallo scafo. La ‘Lanterna’ che rimpiccioliva, l’aristocratico vociante ridotto a una muta macchia indistinta e quell’essenza di fragole e gelsomino ancora nell’aria.

L’Autrice

739995_4689504590185_557226336_o

LINDA BERTASI nasce nel 1978.
Appassionata di storia e letteratura inglese, sviluppa sin dalla tenera età una spiccata predisposizione per le materie umanistiche.
Nel Gennaio 2010, pubblica il romance contemporaneo “Destino di un amore” (La Caravella Editrice), cui fa seguito nel Febbraio 2011 il paranormal-romance “Il rifugio – Un amore senza tempo” (La Caravella Editrice) che le vale, nel 2012, la Medaglia d’Argento al XXIII Premio Letterario ‘Valle Senio’.
Nel Maggio 2013, pubblica il romance storico “Il profumo del sud” (Butterfly Edizioni) che le vale la qualifica con merito di ‘Autore commendevole’ al VII Premio Letterario Europeo ‘Massa città fiabesca’.
Sempre nel 2013, ha curato diverse prefazioni per i romanzi di Emanuela Rocca e Laura Bellini.
Dal Febbraio 2013, gestisce il suo blog Linda Bertasi Blog dove da ampio spazio agli emergenti con segnalazioni, interviste e recensioni GRATUITE.
Dall’ottobre 2014 è membro dell’associazione EWWA .
Gestisce assieme all’amica e collega Laura Bellini anche il blog “Impronte d’autrici”.
Scrive sul web-magazine Io Come Autore dove cura personalmente la rubrica “Il romanzo Classico”.
Collabora con le case editrici “Agenzia Letteria Jo March” e con “Faust Edizioni”, con il blog letterario “Destinazione Libri”.
Proprietaria di una piccola realtà commerciale nella provincia di Ferrara, vive assieme al marito e alla figlia.

QUALIFICA DI MERITO COMEAUTORE COMMENDEVOLE’ AL VII PREMIO LETTERARIO EUROPEO ‘MASSA CITTA’ FIABESCA DI MARMO E MARE’

Link per l’acquisto: IL PROFUMO DEL SUD

 


Cosa ne pensate? Io adoro i romanzi storici con un pizzico di romanticismo e penso che il lavoro di Linda possa regalare davvero tanto al lettore 😀

firma