BlogTour “Una nuova vita” di L.Cassie: Seconda Tappa

6OhPdIp

Buongiorno miei cari Lettori!
Mi scuso per la latitanza degli ultimi giorni ma ho lavorato ad alcune cose, reali e virtuali, ed il tempo è corso via più velocemente del solito… Quindi cercherò di farmi perdonare nel corso dei prossimi giorni, partendo da oggi <3
Sono entrata a far parte di questo tour davvero per caso, ma non potrei essere più felice di questo, soprattutto perchè in questa tappa avrete modo di leggere qualche estratto davvero interessante. Quindi… BUONA LETTURA!!! 😀

Il romanzo

Laura CassittoMaria è una giovane ragazza costretta a vivere da sempre una realtà che non le piace, così, per la seconda volta nella sua vita, molla tutto e scappa alla ricerca di un mondo migliore, dove possa finalmente dar voce ai suoi sogni.
Fugge… e da un giorno all’altro si ritrova senza un tetto sotto il quale stare e senza soldi in tasca. Se solo sua mamma non l’avesse abbandonata da piccola ora lei avrebbe sicuramente una vita migliore, fatta di numerosi amici e magari un ragazzo.
Hilary, invece, è la figlia del sindaco. Soldi, vestiti alla moda e feste, dove il divertimento è assicurato, riempiono le sue giornate… e non solo. La sua vita sarebbe perfetta se sua madre non fosse morta quando aveva soli tre anni e se suo padre non fosse gravemente malato. I destini di queste due ragazze, così apparentemente diverse e con nulla in comune, s’incontrano stravolgendo l’una la vita dell’altra. Ed insieme collaborano per far luce sui misteri del proprio passato, scoprendo verità nascoste e fino ad allora sconosciute.

Autrice: L. Cassie
Editore: Self Publishing
Prezzo: ebook €0,99

Il Tour

PRIMA TAPPA: Presentazione del Romanzo
23 APRILE 2015 su
http://writeforpassion2015.blogspot.it/

SECONDA TAPPA: Estratti del Libro
27 APRILE 2015 su
https://leparolesegretedeilibri.wordpress.com/

TERZA TAPPA: Intervista all’autrice
30 APRILE 2015 su
http://unoscaffaledilibri.blogspot.it/

QUARTA TAPPA: Curiosità
4 MAGGIO 2015 su
http://thetwobookahuls.blogspot.it/

QUINTA TAPPA: Recensione
7 MAGGIO 2015 su
http://bookswhatelse-it.blogspot.it/

Gli Estratti

tumblr_m9ho2jPXYq1qjc3k1o1_500Ripercorrendo la strada di casa, Hilary continuava a pensare a quella strana ragazza… Maria. Davvero non aveva capito chi fosse? In paese tutti sapevano di lei, tutti meno che quella ragazza che l’aveva persino scambiata per una forestiera. Aveva forse l’aspetto di chi ha fatto un lungo viaggio? Era vestiva con abiti firmati e perfettamente abbinati, non aveva il viso stanco ne segnato da occhiaie, proprio non capiva come poteva aver fatto a credere che non fosse del posto. In un primo momento aveva creduto che stesse scherzando, ma la proposta del giro turistico sembrava seria. Per non pensare, poi, a come aveva definito quella fantastica cittadina. “Strano posto”, così l’aveva chiamato.
Ma cosa aveva di strano? C’era il sole, il mare, spiagge bellissime, e locali alla moda.
Comunque sia, tra un pensiero e l’altro, arrivò a casa.

sidebardivider

«Beh sai Hilary la mia non è una vita molto interessante. Sono stata abbandonata fuori ad una chiesa quando avevo pochi giorni, da lì la mia vita è stata tutto un fuggire. Fuggire e pulire. Sono cresciuta in un collegio. Lì pulivo. Poi a sedici anni sono scappata e sono finita qui, dalla signora Gerard. Pulivo anche lì. Ed è da quella casa che me ne sono andata oggi.
L’ho fatto d’impulso, senza pensare alle conseguenze, spinta dall’esasperazione. E ora sono davanti a te senza capire ancora come e perché» disse Maria.

sidebardividerLetterCiao piccola, 
Mi dispiace. Sì, mi dispiace davvero. Mi dispiace di essere morto e di averti lasciato
sola ad affrontare una vita del tutto nuova per te. Perché è senz’altro così, se stai leggendo questa lettera sono morto, volato via. Puff. Non esisto più.
Del resto non avrei mai trovato il coraggio di consegnarti questa lettera da vivo, nè tanto meno parlarti del suo contenuto a voce.
Figlia mia, hai un caratteraccio certe volte… probabilmente mi avresti sbranato. E probabilmente l’avrei meritato.
L’ho nascosta nel cassetto della mia scrivania, un posto alla portata di tutti dopo la mia scomparsa, ma ti conosco. Non avresti fatto frugare tra le mie cose ha nessun altro… quindi so per certo che ora questa lettera è tra le tue mani.
Ma arriviamo al perché di queste righe… 

sidebardivider

«C’era una volta», cominciò serio «…un castello alto, bello e lussuoso… nel quale vi abitava un potente re con la sua adorata figlioletta dai lunghi capelli biondi e dai modi eleganti. Alla guardia di questa maestosa dimora vi era un giovane uomo con un sorriso contagioso e di bellissimo aspetto che un giorno s’innamorò perdutamente di una ragazza ben educata e dal passato complicato, arrivata al castello in seguito alla morte del re per ripristinare il carattere della principessa divenuta ormai regina. Capelli raccolti, viso sconvolto e maglietta sporca d’olio. Fu cosi che la vide la prima volta. Per lui fu un vero e proprio colpo di fulmine. Del resto chi non si innamorerebbe di una cosi?», rise «Ma lei… beh lei non era minimamente interessata a lui. Era troppo occupata a mettere insieme i pezzi della vita altrui per occuparsi della propria. Ma il giovanotto non si arrese e riuscì comunque a rubarle un bacio, bacio del quale non si dimenticherà mai… Il suo era vero amore, non una semplice avventura, eppure lei sembrava non capirlo.
Così, una sera, tirò fuori dal petto il suo cuore poggiandolo tra le mani della sua amata “Questo è il mio cuore, fanne ciò che vuoi” le disse. Per lei era pronto a qualsiasi cosa, anche a morire».
«E in che modo ti toglieresti il cuore dal petto senza morire?», chiese Maria acida.
«Oh dai, sei priva di ogni fantasia. È un racconto fiabesco, conta il contenuto non i dettagli», replicò lui.
«Si forse nelle favole è così, ma nella realtà i dettagli contano eccome».
«Ok, aspettami qui».
Mike corse in spiaggia, andò a raccogliere qualcosa sulla riva, poi soddisfatto tornò da Maria.
«Ecco», disse mettendole tra le mani un sassolino a forma di cuore. «ipotizziamo che questo sia il mio cuore. Cosa fai? Lo fai cadere a terra riducendolo in mille pezzi o lo unisci al tuo donandogli amore?».
«Nessuna delle due. Te lo restituirei. È tuo. Tienilo nel tuo petto, fallo battere per me se proprio non riesci a farne a meno. E lascia il tempo al mio, già piuttosto malconcio, di capire se è per te che vuole battere», rispose lei restituendogli il sassolino.


Cosa ne pensate?? A me questi estratti sono piaciuti moltiiiiiiiiiissimo. E sapete che non è il mio genere, quindi… sono di qualità: per catturare la mia attenzione devono esserlo! Non vedo l’ora di poter leggere tutto il romanzo <3

Vi aspettiamo il 30 aprile su
Uno scaffale di libri
per la prossima tappa!

0 Pensieri su &Idquo;BlogTour “Una nuova vita” di L.Cassie: Seconda Tappa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *