Nuovo Blog e Cookies – COME, QUANDO & PERCHÉ?

Buongiorno Lettori!
Credo di non aver mai ricevuto così tante domande sul blog come nelle ultime ventiquattr’ore! XD Tranquilli, per me è un piacere aiutarvi e cercherò di spiegare tutto in maniera semplice, chiara e (spero) esaustiva… nel caso abbiate altri dubbi, scriveteli pure!

Coockies e nuova normativa sulla Privacy?

A partire dal 3 giugno 2015 entrerà ufficialmente in vigore la nuova normativa sulla privacy per tutelare gli utenti nella loro navigazione sui siti web. Perchè questa nuova legge? Cosa c’entrano questi dannatissimi cookies?

In parole povere, la struttura dei nuovi siti online prevede in automatico la presenza di cookies, piccoli programmini che permettono ad un utente di rimanere costantemente loggato durante la navigazione, senza dover reinserire ad ogni cambio pagina lo username e la password. Questi programmini, preesistenti su ogni piattaforma, sono come un’aspirapolvere di dati e catturano in automatico elementi sull’utente che sta navigando, senza che quest’ultimo lo sappia. Questi dati servono semplicemente al server del sito per assicurare una navigazione più scorrevole e, in caso di hackeraggio o spam, di poter rintracciare e bloccare l’utente.

Ecco perchè la necessità di una nuova normativa, che impone al proprietario del sito di comunicare (tramite barre pop up, come quella che trovate in basso alla schermata) la presenza dei cookies.

Gaia, ma perchè hai cambiato sito?
Non potevi inserire questa barra
nel precedente blog?

Ahimè la piattaforma WordPress.com (sia nella sua versione free, che in quella premium a pagamento) non permette di agire sul sito al 100%. Non avendo apportato le dovute modifiche ai loro server centrali per l’inserimento delle comunicazioni sui cookies, a nessun blogger con sede in wordpress.com era ed è tuttora consentito inserire tale finestra.

La mancata comunicazione agli utenti della presenza di cookies sul sito è sanzionabile con multe mooooolto salate, da 10.000 a 120.000 euro. Ecco perchè ho dovuto fare il passaggio ad una nuova piattaforma.

Che piattaforma hai scelto?

Io ho scelto di acquistare l’hosting e un dominio tutto mio, per poi appoggiarmi a WordPress.org per la gestione del sito.
Cosa significa? Ho investito dei soldini per avere uno spazio web tutto mio dove poter installare il dominio www.leparolesegretedeilibri.com, e per riuscire a lavorare sul sito in questione ho scelto wordpress nella sua versione self-hosting (ovvero “.org”).

Sappiate che questa spesa non è obbligatoria. Potete tranquillamente scegliere di spostare il vostro sito su Blogger (la piattaforma gestita da Google), in maniera totalmente gratuita. Personalmente non mi sono mai trovata bene, motivo per cui ho optato per un’altra scelta. Ma ci tengo a precisare che sono tantissimi i blog che sfruttano questa piattaforma e sono contenti dei risultati, quindi non disperate!

Come funziona?
Quanto costa?

Per acquistare hosting e dominio mi sono affidata al sito SITEGROUND, consigliato da molti esperti online.
Questo sito offre tre tipologie di pacchetti di hosting, che potete scegliere in base alle vostre necessità e a quanto volete spendere. Io ho scelto la seconda, che offre maggiore protezione da hackeraggi e robe varie, che mi permette (nel caso volessi) di aprire più di un sito online *cosa che con il pacchetto più economico non potete fare* e che infine consente una migliore navigazione sul sito per voi tramite una serie di miglioramenti che posso gestire nel pannello di controllo in piena autonomia ^_^

SiteGround

Il totale, con l’inserimento di una maggiorne protezione del sito (non obbligatoria, ci tengo a sottolinearlo), è stato di 105 euro circa per un servizio di 12 mesi. Per il primo anno il dominio mi veniva fornito gratuitamente, dall’anno prossimo si aggiungeranno al totale circa 12 euro.

Una volta acquistato il dominio e installato il sito su wordpress.org, ho importato tutti i dati che mi era consesso esportare, dal vecchio sito a questo nuovo. Nel caso di WordPress, ho matenuto gli articoli, le pagine e i commenti. Tutte le iscrizioni, le visualizzazioni e il posizionamento del sito nelle ricerche sono andati persi. La perdita di queste ultime cose accadrà comunque, anche se doveste scegliere Blogger come nuova piattaforma.

Per fare il passaggio ho seguito il tutorial gentilmente offerto da Dario Vignali, un esperto di Web Marketing, che sul suo sito online spiega nei dettagli come fare tutto. Non tentante di scrivergli mail, perchè tanto non vi risponde… ma almeno il tutorial è ben fatto! 😛


Adesso c’è tanto lavoro da fare sul nuovo blog! Moltissime delle fuzioni che nel precedente erano preinstallate sui server, ora devo inserirle io ad una ad una. Questo però mi consente una maggiore libertà e la possibilità di aggiungere infinite funzioni aggiuntive che prima non c’erano 😉

Se volete dei consigli su che plugin installare (quello per il pop up dei cookies compreso) scrivetemi pure qui sotto in un commento ^_^

firma

13 Pensieri su &Idquo;Nuovo Blog e Cookies – COME, QUANDO & PERCHÉ?

    • L’ho fatto volentieri, so quanto possa essere destabilizzante come cosa >_< per qualsiasi altra domanda chiedimi pure senza problemi 😉

  1. Pingback: Recensione: Epitaffio per i vivi. La fuga. di Christa Wolf | L'angolino di Ale

  2. Grazie per le spiegazioni, però non mi sembra giusto dover praticamente arrivare al punto da “obbligare” le persone a trasferire i blog su altre piattaforme oppure ad acquistare hosting e dominio per poter stare totalmente tranquilli. Io ora vedo cosa succede in questi giorni, nel frattempo ho messo un avviso per i cookie, come ho travato suggerito in un altro blog che tratta questo argomento. Se proprio non sarà sufficiente, penso che chiuderò definitivamente con i blog, mi sono stancata di dover fare trasferimenti, l’ho già dovuto fare con splinder e con hotmail….
    Un salutone e buona domenica.
    Pat

    • Buongiorno Patrizia!
      Ahimè WordPress non si è voluto prendere questa scocciatura, ha suggerito ai suoi utenti di mettere l’avviso con il widget… il problema è che, ai sensi di legge, questa cosa non è esattamente corretta, perchè inserire semplicemente il testo non consente all’utente di accettare/rifiutare come invece viene fatto nelle finestre che escono sui siti a norma. Per ora continua come stai facendo, magari wordpress si aggiornerà in tempi brevi e tutto questo trasferimento sarà stato, non dico inutile… ma forse poteva essere evitato!
      Io lo prendo davvero come un nuovo inizio, e spero mi possa portare su una strada magari migliore di quella precedente 😉 un bacione, buona domenica e a presto!!!

  3. Ciao! Mi sono appena iscritta al blog. Non potevo non seguirti anche nel nuovo blog!
    Non ho capito un tubo di quello scritto sopra. Per me è tutto arabo. Ho aperto un blog da poco su blogspot… che dovrò fare??? Mah, si vede che non sono un’esperta come te 😀

  4. Ciao! Eccomi qua e bentrovata! Mi sono ovviamente iscritta in ogni modo possibile! 🙂 Ho letto tutti questi articoli, compreso il tuo, sui cookies, ma c’è ancora una cosa che non mi è chiara: se la normativa e le conseguenti multe salatissime si applicano solo in caso di eventuale monetizzazione del blog. Ovvero, io utente x, che mi registro su worpress per aprire un blog (non a pagamento, quindi gratis) che non serve a me per guadagnare nemmeno 1centesimo, ma solo per socializzare e scrivere due righe, rischio una multa? In ogni caso ho visto su alcuni siti che spiegano come installare una finestra popup nel proprio sito wordpress, ma a quanto ho capito è una cosa che si può fare solo se uno paga il dominio, e quindi ha la possibilità di accedere ai plug-in eccetera. Tu sapresti spiegarmi se ci sono queste differenze e se posso o meno continuare a scrivere? Non so se mi sono spiegata bene, ma la terminologia informatica non è proprio il mio forte!

    • La multa si rischia in ogni caso, a prescindere che con il proprio sito si monetizzi o no… Ahimè è una legge un po’ bastardina, se mi concedi il termine, e a non non resta che seguirla… Io ho potuto installare il plugin avendo fatto il trasferimento di piattaforma, sul wordpress free non si può fare 🙁
      Per continuare a scrivere per ora puoi fare come molti stanno facendo ovvero scrivendo in un widget di testo l’avvertenza dei cookies e creando una pagina con la Cookies Policy (ora ti cerco qualche link da cui copiare la cosa) 😉 il problema è che tutto questo sarebbe solo un palliativo, e non è propriamente a norma… Per essere a norma al 100% e non pagare nulla puoi spostarti su blogger! Se lo ai avvisami così ti passo i link utili per regolarti lì 😉

      • Ma è una cosa orribile! uffina. Comunque, mi farebbe davvero piacere avere un link con istruzioni chiare su come fare per ovviare al problema, e nel frattempo rifletterò sul da farsi….ci manca solo una multa x non far niente….! XD Grazie per la tua disponibilità!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *