RECENSIONE IN ANTEPRIMA: L’ultima volta che ti ho detto addio (C. Hand)

image

Buongiorno miei cari Lettori!
Torno oggi dopo un brevissimo detox dal web per lasciarvi una recensione in anteprima a cui tengo moltissimo: parliamo di L’ultima volta che ti ho detto addio di Cynthia Hand, portato in Italia dalla Harlequin Mondadori, che ringrazio infinitamente! Ma non perdiamoci ulteriormente in chiacchiere, perchè ho tanto da dire su questo piccolo gioiellino <3

L’ultima volta
che ti ho detto addio

 

L-ultima-volta-che-ti-ho-detto-addio_hm_cover_big

Lexie Rigs è un genio della matematica. Tutto per lei è rigorosamente razionale, così quando inizia a percepire in casa segni della presenza del fratello, da poco scomparso, non riesce a confidarsi con nessuno. Di certo non lo può dire a sua madre, già convinta che Tyler sia ancora con loro. Non può raccontarlo alle amiche nerd come lei, perché la prenderebbero per pazza. Non può lasciarselo scappare nemmeno con il suo psicanalista: non vuole certo finire imbottita di farmaci. Alla fine, lo confida alla vecchia amica e vicina di casa, Sadie, che non si scompone di fronte a quell’assurdità, e anzi la aiuta a capire che cosa potrebbe volere Tyler da lei, se davvero si trattasse di lui. Inizia così per Lexie una sorta di viaggio nelle ultime ore del fratello, e ogni tassello del mistero che circonda la sua morte trova il suo posto. Così Lexie capisce che un fantasma non deve per forza essere reale per impedirti di andare avanti.
E ora è il momento di farlo.
.

Titolo: L’ultima volta che ti ho detto addio
Autore: Cynthia Hand
Prezzo: €14,90 cartaceo – €7,99 eBook
Pagine: 382
Editore: Harlequin Mondadori

 

la-mia-recensione

Suonerà anche scontato, suppongo, ma non si sa mai quando sarà l’ultima volta che abbracci qualcuno, che lo baci, che lo saluti.

Le parole, quelle dette, ma forse e soprattutto quelle che teniamo nascoste dentro, hanno un immenso potere. Possono creare un mondo intorno a noi o raderlo al suolo in un attimo… donare immensa gioia e infinita tristezza, a volte senza che neppure ce ne accorgiamo.
Immaginate di poter tornare indietro nel tempo e cambiare una parola del vostro passato. Un semplice “ciao” in un “ti voglio bene”, un silenzio in un abbraccio, una lacrima in un sorriso… tutto andrebbe meglio, no? Forse vi sentireste più leggeri, ma sfortunatamente tutto questo non è ancora possibile.

Ecco cosa pensa Lexie… punisce il mondo, ma soprattutto se stessa per una parola mancata, quella che forse avrebbe cambiato le cose. Semplice e indispensabile, che avrebbe potuto impedire a suo fratello Tyler di togliersi la vita. Quanto può lacerarti dentro il rimpianto?

Forse…? Magari…? E se…?

Domande che quasi perdono valore davanti alla morte di chi amiamo, oppure proprio da quel dolore si lasciano rinvigorire e come fiamme ci bruciano la pelle finchè non troviamo il modo di spegnerle e andare avanti.

«Il perdono è una cosa complicata, Alexis, perchè alla fine riguarda più te che la persona che viene perdonata»

1412354480TheLastTimeWeSayGoodbyeL’ultima volta che ti ho detto addio non è un libro sul dolore, non completamente almeno… il perdono è il vero cuore pulsante della storia. La capacità di far pace con se stessi e con gli altri, di riconoscere che la mente umana è estremamente precaria nel suo equilibro… non sempre è facile riportare i tasselli al loro posto!

Cynthia Hand ci lascia vedere attraverso Lexie, voce narrante della storia, gli effetti che una tragedia come il suicidio può avere: l’occhio di bue è puntato su chi resta e deve convivere con l’immenso vuoto lasciato da chi, invece, è andato via. Sono moltissime le pesone toccate dalla scelta di Ty, probabilmente molte di più di quante Tyler stesso avrebbe mai immaginato di far soffrire. Lui, che voleva fermare il dolore andando via, inconsapevolmente scatena un uragano di sofferenza, che solo sua sorella a poco a poco potrà quietare. Tassello dopo tassello, pagina dopo pagina…

Sembra assurdo, ma sono sempre le parole a risolvere tutto, perfino quelle di chi non può più dircele direttamente. Perchè se Lexie imparerà a perdonare e perdonarsi, sarà grazie a suo fratello. Tutto si riconduce a lui: la sensazione quasi impossibile di sentire il suo profumo o addirittura di vederlo nella sua stanza, un cassetto aperto ed un piccolo tesoro nascosto al suo interno, un massaggio che mai ha avuto risposta, una corsa in piena notte per sfuggire al dolore e alla paura… ogni novità della vita di Lexie parte da Tyler. O meglio, grazie a Tyler… o forse, ancora meglio, grazie a Lexie stessa!

Luce e buio si mescolano e danno vita a nuova luce. E’ questa la vera chiave di volta. Quando il buio è troppo da sostenere, una candela accesa (e una partita a scacchi) è un ottimo modo per ricominciare a sorridere 😉

QUESTO ROMANZO MERITA:

stellastellastellastellastella

L’autrice ha regalato davvero un pezzo del suo cuore in questa storia, avendo vissuto a 21 anni un esperienza simile a quella di Lexie. Se vi fidate anche solo un po’ del mio giudizio, allora leggete questo romanzo. Non tutte le lacrime vengono per nuocere, la bellezza dei libri sta anche in questo! 😉

Link d’acquisto su AMAZON

Sito ufficiale dell’Editore | Pagina Facebook Autrice
Pagina Facebook Editore

3 Pensieri su &Idquo;RECENSIONE IN ANTEPRIMA: L’ultima volta che ti ho detto addio (C. Hand)

  1. Pingback: Best Books of 2015!!! | Le Parole Segrete dei Libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *