L’Angolo delle Recensioni: Life and Death – Twilight Reimagined (S. Meyer)

Buongiorno miei cari Lettori!
Spero che le letture fatte in questo primo mese del 2016 siano andate come speravate! Io posso ritenermi davvero soddisfatta, ho letto tanto e per la maggior parte mi sono rimaste tante sensazioni positive sulla pelle e nel cuore. Meglio di così?! ♥

Oggi però ci concentriamo solo su uno dei romanzi letti a gennaio, una storia che mi ha piacevolmente stupita, molto più di quanto mi sarei aspettata. Parliamo di Life and Death, il nuovo romanzo di Stephenie Meyer, mamma d’inchiostro della fortunata saga di Twilight. Se fino ad ora Bella e Edward erano riusciti a farvi battere il cuore, allora di certo non potete perdere Life and Death, dove il vampiro diventa una lei dai folti capelli ramati e la giovane umana impacciata e taciturna prende le vesti di un ragazzo dagli occhi cristallini e dal futuro incredibile.

Ero tutt’altro che certa su quale sarebbe stato il mio giudizio a fine lettura. Non credo di potermi definire una fan della saga, tantomeno del personaggio di Bella Swan… Ma è proprio qui che è cascato l’asino! Sono ancora adesso stupita *in positivo eh!* dal fatto che il suo alterego maschile mi sia piaciuto tanto. Quindi fate tutti insieme un grande applauso alla sig.ra Meyer, che per la seconda volta nel giro di pochi mesi ha fatto breccia nel mio cuore (qui la mia recensione del romanzo L’ospite) e godetevi la recensione!

Life and Death
Twilight Reimagined


life-and-death-book

Nello Stato di Washington c’è la cittadina più piovosa d’America. La conoscono bene Edward Cullen e Bella Swan, i protagonisti di Twilight. Lei, dolce ragazza qualunque; lui, giovane misterioso con un segreto inconfessabile. La loro storia d’amore ha conquistato i cuori di tutti.
Ma cosa succederebbe se i ruoli si ribaltassero? Se non fosse lui la creatura straordinaria, l’eroe meraviglioso dotato di capacità sovrumane ma… lei? Beaufort è un ragazzo alto e dinoccolato trasferitosi dall’Arizona. Quando incontra la bellissima Edythe, non sa che la fortissima attrazione che prova per lei potrebbe essere la sua rovina…

Spettacolare riscrittura di Twilight, Life and Death riapre le porte del piccolo mondo di Forks. Ricalcando il palcoscenico della storia d’amore più amata degli ultimi anni e ardenti di quella stessa passione che ha stregato milioni di fan in tutto il mondo, Beaufort e Edythe conquisteranno il lettore con il calore rassicurante di un’atmosfera conosciuta e la sorpresa di un finale completamente nuovo.

Titolo: Life and Death – Twilight Reimagined
Autore: Stephenie Meyer
Prezzo: €15,00
Pagine: 858 (457, Life and Death)
Pubblicazione: 14 gennaio 2016
Editore: Fazi – Collana Lain YA

la-mia-recensione

Sapevo che se non fossi mai andato a Forks non mi sarei trovato di fronte alla morte. Per quanto fossi terrorizzato, tuttavia, non riuscivo a pentirmi di quella scelta. Se la vita ti offre un sogno che supera qualsiasi aspettativa, non è giusto lamentarsi se alla fine quel sogno si conclude.

Le prime cinquanta pagine vi lasceranno sconcertati. Vi sembrerà una copia dalle note stonate di una qualche canzone famosa già sentita.
Le successive cinquanta iniziaranno ad interessarvi, magari per un masochistico senso di inquietudine, misto alla voglia di diventare il nuovo Sherlock Holmes dei romanzi gender bender: vi immagino già scattanti, lente d’ingrandimento alla mano, pronti a trovare le prove lasciate dal nostro (autore) “colpevole”.
Infine, dopo esservi abituati a tutti quei cambiamenti che all’inizio vi sembravano inconcepibili, assurdi e senza alcun senso, arriverete pagina dopo pagina alla fine, inconsapevoli di come abbiate fatto o del perchè, in fin dei conti, vi sia piaciuto.

Ve lo spiego io… perchè ci sono storie che rimarranno immortali, che ci piacciano oppure no, che siano a generi inversi oppure no. Continueranno fino alla fine dei tempi a ricordarci della loro presenza, perchè in qualche modo hanno fatto storia, hanno cambiato qualcosa nel corso del tempo. E anche adesso, che scelgono di tornare sotto inaspettate spoglie, lasciano ancora il segno.

«Non ce la faccio a dirlo» confessai.
«Neanche a me piace molto quella parola». Il suo volto riprese vita, pareva di nuovo umano. «Ma evitare di pronunciarla non la fa sparire. Anzi, a volte ho la sensazione che non pronunciarla ma renda più potente».
Mi chiesi se avesse ragione.
«Vampiro» mormorai.

Forks è sempre la sessa piccola cittadina americana, stessa pioggia incessante, stesse famiglie che si conoscono da una vita.
Ma questa volta a movimentare la monotona vita di casa Swan è Beaufort, detto Beau. Un ragazzo semplice, studioso, un po’ imbranato e taciturno, ma con un grande cuore desideroso di “battere”. E batterà, questo è sicuro… quando un paio di occhi neri (o forse color miele), circondati da folte ciglia e una pelle chiara come il marmo, incroceranno i suoi. Gli occhi della misteriosa e bellissima Edyth Cullen.

Se quello che state pensando è  «Ma è tutto uguale?!», la risposta è sì, ma anche no.
Perchè se le fila della storia sono le stesse che i vostri occhi hanno già percorso leggendo Twilight, io ho personalmente trovato le emozioni e le sensazioni molto diverse, più vere, più dolci e al contempo più forti rispetto alla mia prima lettura. Per assurdo, è stato più facile calarmi nelle emozioni di Beau, nelle sue incertezze, nelle sue paure, nel suo voler amare ma doversi contenere (per amore), piuttosto che entrare in connessione con Bella anni fa. Forse ero giovane, non riuscivo a capire a pieno il vero senso di parole come sacrificio, passione, amore… questo non lo sapremo mai!
Sta di fatto che Beau ha vissuto sulle pagine del libro tanto quanto lo ha fatto dentro di me, mentre i suoi pensieri si trasformavano nei miei, quando le sue inquetudini diventavano le mie e la sua storia si scriveva, parola dopo parola, nei miei occhi.

Le strinsi più forte la mano e fissai i suoi occhi dorati.
«Tu sai già cosa provo. Sono qui perchè preferirei morire con te, piuttosto che vivere senza di te». Mi resi conto che suonava troppo melodrammatico. «Scusa, sono un idiota».
«Già, proprio così» esclamò lei, con una risata. Anch’io iniziai a ridere. Era una situazione assurda, impossibile e magica.

L’errore che molti fanno, approcciandosi a Life and Death, è di paragonarlo a Twilight. Mai cosa fu più sbagliata!
Questo romanzo nasce per rispondere alle infinite domande “E se..?” che un autore può rivolgersi: e se avessi cambiato questo? e se avessi scritto quest’altro? e se il finale fosse stato diverso? Tutte questioni che a noi lettori possono sembrare insignificanti, se rimangono semplici interrogativi nella caotica mente dello scrittore. Ma nel momento in cui diventano reali, si trasformano in inchiostro nero su foglio bianco, il lettore diventa nuovo protagonista di un’avventura entusiasmante. La domanda fondamentale a quel punto diventa: rimarrà soddisfatto?

Per quel che mi riguarda, la risposta è assolutamente sì!
Ho sempre visto Bella e Edward come due clichè ambulanti, destinati ad incontrarsi per rendere rispettivamente la vita dell’altro il miracolo dell’amore per eccellenza. Ok, lo ammetto… nonostante la mia mancanza di interesse per la loro vita fatta con lo stampino, o per il prevedibile triangolo amoroso fra il lupetto e il ghiacciolo ambulante, ho sempre trovato di grande intrattenimento la storia nel complesso. La Meyer ha senza ombra di dubbio la capacità di incatenare il lettore alle pagine *anche qualora la storia non si rivelasse il massimo dell’originalità*

Probabilmente se avesse scritto di Beaufort e Edyth sin dall’inizio avrei lottato a spada tratta per difendere la serie e il suo onore, da bravo cavaliere templare! Perché è proprio Beau a stupire il lettore. Non siamo abituati a leggere di protagonisti maschili come lui. La maggior parte delle storie vedono la donzella in pericolo e l’eroe tutto muscoli e super poteri pronto a salvarla dalla sua torre.
Qui invece è tutto stravolto, tutto nuovo. Ciò che fa un romanzo non è solo la storia o i colpi di scena che, come tante piccole calamite, ci legano alle pagine. Un romanzo è fatto dai suoi personaggi, dalla loro psicologia, dai loro pensieri che per osmosi diventano i nostri.

E’ questo che rende una storia da clichè ad unica. Personalmente, con le mie idee fuori dal coro, continuerò a ricordare con un dolce sorriso Beau, Edyth e il loro eterno amore.

firma

Un pensiero su &Idquo;L’Angolo delle Recensioni: Life and Death – Twilight Reimagined (S. Meyer)

  1. Pingback: Letture di Gennaio | WRAP UP | Le Parole Segrete dei Libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *