L’Angolo delle Recensioni: Ovunque con te (K. McGarry)

Buongiorno Lettori!
Come potete vedere sto finalmente prendendo la sana abitudine di recensire i romanzi non appena finisco di leggerli. Questo ovviamente non cancella la pila infinita di arretrati, ma almeno mi permette di non accumularne altri 😀 diciamo che sono sulla buona strada per la redenzione, ma necessito di ancora un paio di mesi per rimediare alle attese infinite di alcuni romanzi eheheh!
Detto ciò oggi vi parlo di una delle ultimissime pubblicazioni in casa HarperCollins Italia, Ovunque con te di Katie McGarry, primo romanzo di quella che sarà una quadrilogia di companion novels dal titolo Thunder Road Series.

Potremmo certamente definire la mia storia con questo romanzo come altalenante e travagliata. Anche se la McGarry si riscatta molto bene nelle ultime cento pagine, ho dovuto aspettare che arrivassero prima di sentirmi davvero coinvolta da ciò che stavo leggendo. Non è scattata la scintilla come avrei voluto, ma ho comunque concluso la lettura con piacere. Buona recensione 😉

Ovunque con te


HM_OvunqueConTe

Emily ha diciassette anni ed è felice della propria vita così com’è: genitori amorevoli, buoni amici e un’ottima scuola, in un quartiere tranquillo. Certo, non può negare di essere curiosa riguardo al suo padre biologico, quello che ha preferito unirsi a un club di motociclisti – il Regno del Terrore piuttosto che essere genitore; ma questo non significa che lei vorrebbe far parte di quel mondo. Quando però una timida visita si trasforma in una lunga vacanza estiva tra parenti che non sapeva di avere, una cosa le è chiara: niente è come sembra. Il club, suo padre, e nemmeno Oz, un ragazzo che ipnotizza con i suoi occhi blu e che può aiutarla a capire quella vita. Oz desidera una cosa sola: unirsi al Regno del Terrore. Loro sono quelli buoni. Proteggono la gente. Loro sono… una famiglia. Mentre Emily è in città, Oz glielo dimostrerà. Così, quando il padre di lei gli chiede di tenerla al sicuro da una banda rivale con un conto da regolare, per Oz è un sogno che diventa realtà. Quello che non sa è che Emily potrebbe infrangerlo, quel sogno.

Titolo: Ovunque con te
Autore: Katie McGarry
Prezzo: €6,99 ebook – €14,9o cartaceo
Pagine: 476
Pubblicazione: 14 aprile 2016
Editore: HarperCollins Italia

la-mia-recensione

I tre momenti peggiori della mia vita: conoscere il mio papà biologico a dieci anni; rompermi il braccio in tre punti quando ne avevo nove; cadere in un fosso e restarci intrappolata per tutta la notte assieme a un cadavere a otto.
A parte questo, amo la mia vita.

Tutte le storie sono diverse.
È vero, molte si assomigliano, vuoi per trama, ambientazione, scelte narrative o per genere… Ma, in fondo, ognuna di esse ha un’anima unica, nasce dalla penna di chi la scrive e poi vibra quando le sue pagine scorrono sotto le dita di un lettore.
Che possa infine piacere o no, un romanzo è intriso di emozioni, battiti e respiri, destinati a rimanere nei cuori di chi impara a sentirli come propri.

Probabilmente quando ho cominciato a leggere la storia di Emily e Oz il mio non era sintonizzato sulla frequenza giusta… sta di fatto che ho avuto bisogno di quasi tutto il romanzo per entrare realmente in connessione con la storia e lasciare che gli ultimi avvenimenti mi coinvolgessero e sconvolgessero come erano destinati a fare.

Il mondo è fatto di tanti frammenti. Si muovono gli uni accanto agli altri, a volte senza mai toccarsi. Coesistendo, ma non sempre.

Emily ha 17 anni, Oz uno in più. Probabilmente non riuscireste a trovare due persone più diverse sulla faccia della terra. O forse non ne trovereste di più simili 😉 Entrambi vivono sotto una cupola di vetro distrutta e rimessa insieme molte volte, rattoppata qua e là con bugie e mezze verità.

È un errore di Eli, il padre biologico di Emily, a permettere che questi due ragazzi si conoscano. Quando, invece di invitare la famiglia della ragazza ad una festa, spedisce via mail il necrologio di una certa Olivia, la mamma della giovane vede tutte le emozioni represse negli ultimi anni risvegliarsi come un vulcano e costringe figlia e marito a tornare nella sua città natale, dove non metteva piede da anni.

Le cose, però, non vanno esattamente lisce come l’olio a Snowflake. Non potrebbe esserci cosa peggiore per Eli, Oz e tutto il club dei Reign of Terror, se non  l’arrivo di Emily e dei suoi genitori in città proprio adesso 😱 il club motociclistico di cui tutta la famiglia di Eli fa parte è in pieno scontro con un loro “vicino di casa” dai modi estremamente violenti e una giovane figlia ricomparsa all’improvviso in città potrebbe essere un prezzo troppo alto da pagare, per molti dei membri.

«Hai intenzione d’impedirmi di andarmene?»
«Sì» risponde mentre inizia a muovere le mani sul mio corpo e io avvicino la testa a lui, mettendo innegabilmente la bocca accanto alla sua.
«A meno che tu non abbia paura, fermami, Oz.» Mentre parlo le nostre labbra si toccano brevemente. «Baciami e impediscimi di andarmene adesso.»
Con il naso mi sfiora la guancia e sta ancora cercando di contrastare l’attrazione fra di noi. Il mio stesso sangue smania e a quel punto accuso una punta di frustrazione. «Baciami. Smettila di pensare, baciami e basta.»

È nel caos più totale che i cuori di Emily e Oz imparano a battere all’unisono. La fiducia che si instaura fra i due, intrecciata ad una forte dose di attrazione, porta i ragazzi ad aprire se stessi all’altro, tracciando le fila di un intricato mistero fatto di segreti, silenzi, emozioni e reso ancora più complesso dai membri di una famiglia allargata alquanto bislacca che Emily impara, giorno dopo giorno, a conoscere 😊

23492282Capita, ogni tanto, che un romanzo non ci prenda quanto vorremmo. Magari non è il momento adatto, o forse più semplicemente abbiamo bisogno di un po’ di tempo per trovare il vento giusto e navigare in compagnia dei protagonisti.

La McGarry apre la Thunder Road Series con una storia particolare, stratificata e complessa, di quelle dove devi scavare a fondo prima di capire davvero dove si nasconde la verità. Ovunque con te invita a superare le apparenze e i luoghi comuni, a vedere oltre quello che ti è stato detto e riferito, a ragionare su ciò che si ha intorno e trarre le conclusioni con la propria testa, anche quando questo significa non essere d’accordo con le persone a cui tieni. A volte chi ci ama crede di fare le scelte migliori per il nostro bene, ma arriverà prima o poi il momento in cui non starà più a loro decidere per noi. È proprio lì che impariamo a diventare adulti 😉❤

firma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *