Domino Letterario – GIUGNO ’16

Buongiorno Lettori!
Oggi, puntuale come (quasi) ogni mese, torna l’appuntamento con il Domino Letterario *_* questa volta non solo ho letto un romanzo stupendo, ma la fortuna mi ha baciata assegnandomi l’onore e onere di cominciare la catena. Quale miglior occasione se non questa per leggere finalmente Tiger Lily di Jody Lynn Anderson?
Probabilente per molti di voi questo sarà un titolo del tutto sconosciuto *perchè molti capolavori sono ahimè ancora inedito in Italia?? perchè??*. Voi ormai mi conoscete, sapete benissimo quanto mi piaccia leggere in lingua inglese, quindi ho colto la palla al balzo e mi sono tuffata in questa nuova storia. Il risultato? Un grande, grandissimo amore è sbocciato pagina dopo pagina per la perla rara che la Anderson ha saputo creare, partendo da un grande classico come Peter Pan per poi intessere un retelling imperdibile. Buona Lettura 😀

Tiger Lily

 

7514925

In questa splendida rivisitazione del celebre classico di J.M. Barrie “Peter Pan”, l’autrice besteller Jodi Lynn Anderson tesse sapientemente una storia avvincente di amore, perdita, e avventura.
Prima di incontrare Wendy, Peter Pan era legato alla ragazza con la piuma di corvo tra i capelli… Giglio Tigrato. A quindici anni, Giglio Tigrato incontra l’affascinante adolescente Peter Pan nei boschi proibiti dell’Isola che non c’è: i due formano un legame impossibile da rompere, ma allo stesso tempo impossibile da custodire per sempre. In qualità di leader dei Bimbi Sperduti, il più temibile gruppo di abitanti dell’Isola che non c’è, Peter è una impensabile compagno per Giglio Tigrato. Tuttavia, quando Wendy Darling, una ragazza che è tutto ciò che Giglio Tigrato non è, arriva sull’isola, Giglio Tigrato scopre fin dove è disposta ad andare per stare Peter, e sull’Isola che non c’è.

Raccontato dal punto di vista della piccola fatina Campanellino, Giglio Tigrato è la storia mozzafiato dei giovani amori che sbocciano, dei momenti in cui ci si lascia andare e delle sofferenze della crescita.

Titolo: Tiger Lily
Autore: Jody Lynn Anderson
Prezzo: $9,99
Pagine: 304
Pubblicazione: 3 luglio 2012
Editore: HarperCollins Children’s Books

la-mia-recensione

Tik Tok, the shaman, had found her while he was out gathering wild lettuce for medicine, under a flower – either abandoned there or hidden from some peril by someone who didn’t survive to come back for her. He’d named her Tiger Lily, after the flower she was under, bundled her into his arms, and taken her home.

Tik Tok, lo sciamano, l’aveva trovata mentre era fuori alla ricerca di lattuga selvatica per una medicina, sotto un fiore – forse abbandonata lì o magari nascosta da un qualche pericolo da qualcuno che non era sopravvissuto per poter tornare indietro da lei. Lui la chiamò Giglio Tigrato, dal dome del fiore sotto cui era stata posata, la prese fra le sue braccia e la portò a casa.

Non tutto è perfetto. Difficoltà, sofferenze, insuccessi… la nostra vita è una strada tortuosa e impervia, piena di bivi, angoli oscuri, faticose salite e ripide discese. Perchè mai sull’Isola che non c’è dovrebbe essere diverso? Per quale assurdo motivo una storia per ragazzi deve per forza essere irreale, utopica, colma di felicità al limite dell’impossibile?

Se sperate di leggere una favola spensierata, una storiella dove tutti vivono felici e contenti, un po’ come se foste in procinto di guardare un film disney, allora Tiger Lily non fa per voi. La Anderson sceglie di raccontare una storia diversa, dove non sempre vincono i buoni e l’amore (nella sua accezione più romantica) fa davvero fatica a trionfare.
Ogni singolo personaggio che tocca le pagine di questa storia è infinitamente complesso, sfaccettato e affascinante. Giglio Tigrato arriva a noi attraverso la lente di una narratrice d’eccezione, la piccola Trilli, che con le sue ali curiose attraversa tutta l’isola e ci porta per mano alla scoperta delle più profonde emozioni dell’uomo, in quella fase della vita dove tutto è nuovo, tutto è scoperta e l’amore, come una rosa piena di spine, abbraccia il cuore in una morsa sempre più stretta, fino a farlo sanguinare.

Let me tell you something straight off. This is a love story, but not like any you’ve heard. The boy and the girl are far from innocent. Dear lives are lost. And good doesn’t win. In some places, there is something ultimately good about endings. In Neverland, that is not the case.

Lasciate che vi dica una cosa di getto. Questa è una storia d’amore, ma non come qualsiasi altra abbiate sentito prima d’ora. Il ragazzo e la ragazza sono tutt’altro che innocenti. Vite prezione vengono perse. E il bene non vince. In alcuni posti, c’è qualcosa di fondamentalmente buono nei finali. Sull’Isola che non c’è, questo non accade.

Sin dalle prime pagine l’autrice ci parla di una storia d’amore, ma c’è molto di più da scoprire sotto la superficie. Ogni parola è scelta ad arte per portare al lettore, su un letto di polvere di fata, emozioni forti. Parliamo del dolore della perdita, della solitudine, della paura paralizzante di dover cambiare: forza e debolezza danzano insieme sotto un cielo di stelle, accompagnando chi non cresce mai, chi non ha mai provato cosa vuol dire dover maturare e addattarsi al mondo in uno scenario dove solo il tempo e la sua carezza possono asciugare le lacrime del cuore.

Giglio Tigrato non ha veri amici, è considerata maledetta dalla sua tribù, è sola e lotta da sola per farsi accettare. Chi meglio di Peter Pan, un ragazzino solo come lei, potrebbe farle battere il cuore? Quello stesso Peter Pan da cui tutti si raccomandano di stare lontani, quello stesso ragazzo considerato pericoloso, proibito, da tenere a distanza… I pregiudizi e il sentito dire condiscono le menti di molti, le annebbiano, posano un velo sui loro occhi, alterando la vista della realtà. Tutto sarebbe diverso, se solo ci fosse la vogia di vederlo per ciò che realmente brilla sotto la luce del sole.

Sometimes I think that maybe we are just stories. Like we may as well just be words on a page, because we’re only what we’ve done and what we are going to do.

A volte penso che, forse, siamo solo storie. Come se potessimo essere solo parole su una pagina, perché siamo solo quello che abbiamo fatto e quello che ci accingiamo a fare.

Le parole di Trilli fanno convergere l’attenzione del lettore verso un viaggio profondo, introspettivo, alla ricerca del sè in quegli angoli dove ormai credevamo di aver visto tutto. Perchè forse Tik Tok è semplicemente così e se sembra una donna è nomale come il cielo è azzurro e i prati sono verdi. Perchè Capitan Uncino è solo un anziano e disperato uomo arrivato sull’Isola nella speranza di restare giovane per sempre e che, adesso, scarica la sua frustrazione sul quell’eterno ragazzino che ha tutto ciò che lui vorrebbe. Perchè Peter, Wendy, i Bimbi sperduti, Spugna, il Coccodrillo, Giglio Tigrato e la piccola Campanellino hanno ancora tanto da raccontare. Non tutto deve essere per forza perfetto per essere bello. E Tiger Lily è molto più che bello: nel suo realismo, in quel continuo affrontare i problemi della vita, è assolutamente magico.

firma

Un pensiero su &Idquo;Domino Letterario – GIUGNO ’16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *