Blog Tour “Fangirl” di Rainbow Rowell – Recensione

fangirl-banner

Buongiorno miei dolci Lettori!
Spero abbiate fatto un’abbondante colazione questa mattina, perchè dopo aver letto la recensione di oggi non perderete un solo secondo prima di correre in libreria a recuperare la vostra copia di Fangirl! Sì sì, avete letto benissimo… Parlo proprio del dolcissimo romanzo di Rainbow Rowell, finalmente in Italia grazie alla Piemme (per acquistarlo, cliccate qui) *lo sentite il coro degli angeli, vero??*
Se avete per caso perso una delle tappe del nostro blog tour ufficiale, vi rimando ai simpaticissimi articoli dei miei colleghi sui blog Devilishly Stylish, Bookish Advisor, Reading at Tiffany, Oh ma che ansia e Everpop.

Fangirl


fangirl

Approdata all’università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fan fiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con un ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fan fiction siano solo un plagio e un compagno bellissimo che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita.

Titolo: Fangirl
Autore: Rainbow Rowell
Prezzo: €17,00
Pagine: 516
Pubblicazione: 18 ottobre 2016
Editore: Piemme

la-mia-recensione

“Perché scrivo?” Cath provò a pensare a una risposta profonda, sapendo che non avrebbe mai parlato, nemmeno se l’avesse trovata.
«Per esplorare nuovi mondi» disse qualcuno.
«Per esplorarne di vecchi» intervenne qualcun altro.
“Per essere altrove” pensò Cath.
[…] «Per condividere una verità» disse una ragazza. Un altro paio di Ray-Ban.
Cath scosse la testa.
«Perchè scriviamo narrativa?» chiese la professoressa Piper.
Cath abbassò lo sguardo sul quaderno.
“Per sparire.”

Quanto può essere difficile affrontare ciò che per noi è nuovo?
Tutti, presto o tardi, ci troviamo davanti alla soglia dell’oscura e inquietante novità: quella che da un lato inevitabilmente ci attira col suo manto di mistero e dall’altro ci allontana, ricordandoci quanto il nostro presente sia sicuro, senza alcuna necessità di essere modificato.
Ma se, come per Cath, il cambiamento proprio non si può evitare, eccoci lì, armati di (in)sano pessimismo e totale assenza di entusiasmo, non così tanto pronti a farci sconvolgere la vita… *aiuto!*

tumblr_n05azac4y31r3ibgko2_r1_1280Vedete quella ragazza che cerca in tutti i modi di rendersi invisibile, di passare fra i suoi coetanei senza farsi notare e non vede l’ora di sentire il familiare suono della tastiera che scatta sotto il pigiare delle sue dita? Quella è Cath.
Potreste quasi confonderla con sua sorella gemella Wren, ma questo solo se non siete attenti ai dettagli. Perchè miei cari, se solo foste bravi un decimo di quanto lo è Sherlock Holmes, vedreste subito che, messa da parte la somiglianza fisica, le due sorelle Avery sono totalmente diverse. Una cerca l’avventura, le emozioni forti e non si spaventa davanti all’ignoto, l’altra invece tende a restare fissa dov’è, si lascia avvolgere totalmente solo da quelle sensazioni che carta bianca e inchiostro sanno donarle e preferisce mille volte scrivere del cuore di Simon Snow piuttosto che sentire battere il suo.

Erano tornati alla fortezza così, mano nella mano. E non ci sarebbe stato niente di strano – quasi niente di strano – se a un certo punto uno dei due avesse mollato la presa.
Se non fossero rimasti sul limitare del Grande Prato, tenendo ognuno quella piccola appendice dell’altro, quando ormai il pericolo era passato da un pezzo.

da L’idea sbagliata, postato nel gennaio 2010
da Magicath, autrice di FanFixx.net

Simon Snow, l’Arcimago nato dalla geniale mente di Gemma T. Leslie, è il personaggio principale di ben sette romanzi (più un ottavo in attesa di pubblicazione). Simon Snow è probabilmente l’amico più caro di Cath, che è la sua più grande fan. Ma può un personaggio dei libri conoscere l’anima di un lettore? Direi che per la nostra giovane protagonista è sicuramente così, perchè le permette di tramutare il suo io in parole, in nuove avventure, in fanfiction.

Per quanto agli occhi di un comune mortale questa cosa possa sembrare deprimente fino all’inverosimile, chi ama i libri sa che i personaggi sono amici fidati. Sono sempre lì pronti a consolarti, a farti battere il cuore, a darti quel brivido che la monotonia quotidiana difficilmente concede. Per un autore, o aspirante tale, il legame è ancora più stretto. Così è per Cath: non importa se Simon non è davvero una sua creatura, quando apre Fanfixx.net con il suo profilo Magicath, Simon Snow diventa anche un po’ suo e le loro voci si fondono in un’unica melodia.

Il vero problema è l’università, che ha allontanato Wren (desiderosa di staccare finalmente quel filo che l’ha legata a sua sorella per tutta una vita); quella stessa università che la circonda di personaggi alquanto ambigui, come la scontrosa compagna di stanza Reagan e il suo strano ragazzo Levi, la professoressa Piper, che vede nelle fanfiction solo qualcuno che ruba idee altrui o il suo compagno di corso Nick, desideroso a tutti i costi di collaborare con Cath: quell’università che la catapulta in un mondo diverso e inesplorato a cui non è ancora pronta.

Eppure… Eppure… Eppure la vita sa sorprenderci, come mai avremmo potuto immaginare. Sa porci davanti delle sfide perchè è consapevole delle nostre spalle, abbastanza larghe per sopportarne il peso. Sa spingerci verso la strada giusta, al momento giusto. Poi sta a noi capire quale direzione prendere e, soprattutto, da chi farci accompagnare lungo il tragitto.

Cath prese la bevanda e sorrise rassegnata.
«Prego» disse lui. E si piazzò sul suo letto tutto contento, pronto ad ascoltarla.
«Fai sul serio?» chiese lei sedendosi alla scrivania.
«Dai, Cath, non scrivi forse le tue storie perchè qualcuno le apprezzi?» […] «Cath. Leggimi la tua fanfiction. Voglio sapere cosa succede dopo»

Fangirl è un romanzo eccezionale, non solo perchè tocca le corde più sensibili di chi ama i libri e sguazza nel mare dei fandom da anni, ma soprattutto perchè ci mostra uno spaccato di vita vera, fatta di emozioni dette e non dette, dove la vera vittoria non è fra il bene e il male, ma fra chi siamo e chi vorremmo o dovremmo essere.
tumblr_moraekckah1r3ibgko1_r2_1280Immedesmarsi in Cath è facile come prendere una bella boccata d’aria, ti inebria il petto e lascia qualche brivido lungo la schiena. È proprio lei che, nonostante le sue insicurezze, impara a liberarsi da quell’armatura di silenzi: scopre quanto la penna possa colpire come una spada e accarezzare l’anima come due labbra che si sfiorano. Nulla è mai stato così romantico come ascoltare una ragazza mentre legge le sue storie e innamorarsi di lei parola dopo parola *carta e penna alla mano: imparate maschietti, imparate!!!*
Già, l’amore è un ingrediente immancabile in questa ricetta, così come l’amicizia, l’affetto, le delusioni e le gioie vere. Il lettore non può che lasciarsi cullare dalle parole della Rowell in un perfetto equilibrio fra spirito, emozione e magia. Tutto ciò che credete di trovare leggendo Fangirl è lì che vi aspetta, insieme a tanto tanto di più che, sono certa, amerete alla follia ❤

calendario-fangirl-2

firma

2 Pensieri su &Idquo;Blog Tour “Fangirl” di Rainbow Rowell – Recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *