L’Angolo delle Recensioni: Il fabbricante di giocattoli (L. Pieper)

Buongiorno Lettori!
Sin da bambina ho imparato a non dimenticare ciò che mi viene insegnato. Costruire a piccoli passi la propria conoscenza non significa dimenticare il vecchio per dare spazio al nuovo, ma far crescere ciò che prima era solo un piccolo seme, guardando agli errori di ieri per non commetterli domani. L’uomo non è proprio famoso per la sua intelligenza, se dobbiamo dirla tutta… ha sbagliato, sbaglia e continua costantemente a sbagliare. Ma ci auguriamo che atrocità come quelle che ricordiamo oggi 27 gennaio, nella Giornata della Memoria, non si ripetano mai più.

La recensione di oggi si unisce ad un bellissimo percorso letterario e cinematografico che potrete seguire cliccando sui blog che trovate qui sotto. A me il piacere (un po’ particolare, a dirla tutta) di parlarvi di una delle ultime novità della BookMe DeAgostini, Il fabbricante di giocattoli dello scrittore australiano Liam Pieper. Vi auguro una buona lettura ❤


|| Bookish Girls || Diario di una Lettrice Sognatrice ||
|| A thousand lives || Un angelo caduto || Il Mondo Di Sopra ||
|| Every Book has its story || Il Mondo oltre un libro ||

Il fabbricante di giocattoli


“Lasciate che vi racconti una storia su mio nonno…” è la frase con cui Adam Kulakov, proprietario di una grande fabbrica di giocattoli a Melbourne, ama aprire i suoi discorsi ufficiali. E pazienza se il suo stile di vita di seduttore e bugiardo incallito non ricalca propriamente i valori incarnati dal nobile patriarca. Sì, perché suo nonno Arkady – eroe scampato ai campi di sterminio nazisti, fondatore dell’impresa di famiglia e colonna della società – ha davvero una storia eccezionale alle spalle: quella di un uomo che, sprofondato nel male più assoluto, scopre la sua vocazione costruendo giocattoli di fortuna per i bambini di Auschwitz, e così facendo trova la forza di non soccombere. Ma nulla è come sembra in questo romanzo fatto di ombre e colpi di scena. “Il fabbricante di gioccatoli” è la storia di un segreto inconfessabile…

Titolo: Il fabbricante di giocattoli
Autore: Liam Pieper
Prezzo: €7,99 ebook – €14,90 cartaceo
Pagine: 320
Pubblicazione: 17 gennaio 2017
Editore: BookMe

la-mia-recensione

Neppure la ricordo l’ultima volta in cui ho avuto così tante difficoltà nel buttar giù una recensione. La scrittura è fatta per trasmettere emozioni e mi ripropongo ogni volta di lasciarvi a parole almeno un briciolo di ciò che le pagine di un romanzo mi hanno dato.

Solo che oggi non ci riesco.

Sento un gigantesco macigno che mi porta sempre più in basso, che mi strappa via con forza l’ultima bolla d’ossigeno che ho in corpo… annegare nel buio di un’amara consapevolezza è difficile in un libro come nella vita reale. E di reale nel romanzo di Liam Pieper c’è così tanto da distruggerci dentro tassello dopo tassello, pagina dopo pagina.

Quando si parla di Shoah, di campi di concentramento, di quegli orrori che hanno marchiato a fuoco la storia dell’umanità, la desolazione che resta nell’anima è disarmante, in qualunque caso. Ma Il fabbricante di giocattoli sceglie di cancellare il sorriso del lettore ancora un po’ più a lungo, raccontando due vite parallele, indissolubilmente legate l’una all’altra, mentre il tempo scorre in rintocchi veloci, scandendo ogni istante di crudeltà possibile.

Non vi mentirò dicendo che è un brutto romanzo, perché non lo è. Pieper è un narratore eccellente, abile nel mostrare in modo vivido e senza filtri ciò che in apparenza è solo parole nere su carta bianca. Forse un tantino spietato per i miei gusti, ma (presupponendo che l’intento fosse esattamente quello) non posso biasimarlo o incolparlo per questo.

Arkady e Adam Kulakov sono nonno e nipote. A loro è affidato il timone della storia, insieme a Tess, la moglie del più giovane. Fra i ricordi del nonno, uscito vivo dalle porte di Auschwitz, e i continui errori del nipote nel suo presente in bilico, Pieper intesse una storia cruda, ruvida, che graffia e brucia sulla pelle.
Ci mostra il lato più oscuro dell’animo umano, ce lo sbatte in faccia a suon di schiaffi, ci ricorda quanto di orribile alberga in noi, latente, pronto a uscire fuori, a trasformarci in ciò che mai vorremmo vedere allo specchio.

E in quel minuscolo, infinitesimale momento in cui speri di vedere un briciolo di bellezza, di buono, ecco che il sogno crolla. Veniamo catapultati in mezzo a tutto ciò che ogni giorno ci circonda, come se non fosse già abbastanza reale: eccola lì, in bella mostra ancora una volta, la certezza che non vanno necessariamente avanti gli “eroi” e non sempre il Bene trionfa, ma spesso la vita erige templi d’oro in onore di ciò che è marcio e privo di valore, perchè troppo impegnata a fare, fare e fare prima di accorgersi di ciò che (con un po’ di attenzione) avrebbe chiaro davanti agli occhi.

Leggete Il fabbricante di giocattoli se volete capire fino in fondo quanto l’uomo sia stato capace di atrocità senza limiti e quanto la stupidità possa tutt’oggi fare male, nelle cose più piccole come nelle più grandi.
Leggetelo e ricordatevi che ahimè siamo anche questo, ma basta un attimo per cambiare le cose.
Basta aprire gli occhi e non dimenticare mai.

2 Pensieri su &Idquo;L’Angolo delle Recensioni: Il fabbricante di giocattoli (L. Pieper)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *