Review Party ~ “Dark Room – La camera oscura” di Jonathan Moore

Buongiorno Lettori!
Sono felicissima di prendere parte oggi al Review Party dedicato a Dark Room di Jonathan Moore. Non avevo mai letto nulla di questo autore e sono rimasta davvero colpita dal suo stile e dalle capacità narrative che ha dimostrato. Ci tengo a ringraziare di vero cuore la Leone Editore per avermi coinvolta in questa iniziativa ❤
Vi lascio alla recensione, buona lettura 💕

Dark Room
La camera oscura


L’ispettore Gavin Cain e il suo collega Grassley ricevono un video inquietante: un uomo, malato terminale di cancro, decide in punto di morte di confessare i suoi peccati e invita la polizia a esumare le spoglie di Christopher Hanley, un ragazzo morto nel 1985, per scoprire un terribile segreto. Quando il corpo sta per essere disseppellito, Cain viene riassegnato con la massima priorità a un altro caso: Harry Castelli, il sindaco di San Francisco, ha ricevuto una minacciosa lettera che lo invita a uccidersi per tenere celato uno scandalo legato al suo passato, con tanto di fotografie allegate che ritraggono una splendida ragazza incosciente e legata nuda a un letto. Il sindaco sostiene di ignorare chi sia la ragazza, ma Cain sospetta che gli stia nascondendo qualcosa e inizia a indagare sulla vita del primo cittadino. La caccia al ricattatore condurrà Cain in un intricato labirinto di segreti, che si dipana dietro l’apparente normalità dell’esistenza di Castelli e della sua famiglia.

Titolo: Dark Room – La camera oscura
Autore: Jonathan Moore
Prezzo: €14,90 cartaceo
Pagine: 416
Pubblicazione: 19 ottobre 2017
Editore: Leone Editore

la-mia-recensione

Il sindaco si sporse in avanti. Aveva l’aria esausta, ma quando parlò la sua voce risuonò profonda, ogni parola era come un affondo.
«Voglio essere assolutamente chiaro su un punto.»
«Sì.»
Castelli riprese di nuovo la busta, tenendola in mano senza aprirla.
«Io non so che cosa sia questo» disse Castelli. «E non ho nulla da nascondere.»
«Okay.»
«Siamo d’accordo?»
«Ho sentito» disse Cain.
Di norma, la prima cosa a uscire dalla bocca di un testimone era una bugia. Non era certo un buon inizio per il sindaco.

Click. Una fotografia.
Click. L’istante che si congela.
Click. Il momento che diventa eterno.
Click. Segreti silenti racchiusi in una mano.

Quattro foto, diapositive inquietanti, e in pochi istanti la vita del sindaco di San Francisco, Harry Castelli, sembra barcollare su un impalpabile filo sospeso senza alcuna protezione. È la paura a fare brutti scherzi: spinge la mente umana a cavallo fra presente e passato, in un turbinio di ricordi e tremori che non lascia scampo ad alcuna speranza sul futuro.

L’ispettore Gavin Cain, giunto finalmente a un punto di svolta per l’indagine su Chris Hanley che da molto tempo riempie le sue giornate, è costretto ad abbandonare il caso in favore di un personaggio di spicco, il Sindaco di San Francisco, coinvolto in un oscuro scherzo del destino.
Accusato da un anonimo “amico” di penna di aver ucciso la misteriosa ragazza protagonista delle diapositive allegate alla lettera, il primo cittadino viene invitato dall’autore al suicidio, come unica alternativa alla diffusione di altre fotografie e della verità sull’accaduto.

Sin dal loro primo incontro, le affermazioni del sindaco Castelli non convincono affatto Cain della sua innocenza. L’ispettore decide, quindi, di seguire il suo intuito, iniziando non solo a scoprire indizi e sconcertanti rivelazioni su Castelli e la sua famiglia, ma a collegare la storia della ragazza nelle fotografie con i corpi riesumati per il caso Hanley a cui stava precedentemente lavorando.

Jonathan Moore scrive un thriller classico, di stampo investigativo, e lo impreziosisce con una trama coinvolgente e mai noiosa, di grande impatto anche sui “divoratori seriali” del genere. Il ritmo è incalzante sin dalle prime pagine, e accompagna il lettore alla scoperta dei lati più instabili e pericolosi dell’animo umano. L’aspetto più affascinante è senza dubbio la molteplicità di trame e livelli di cui si compone Dark Room. L’autore sceglie non solo di presentarci due indagini parallele destinate ad incrociarsi in fase di ricerca, ma ne stratifica la lettura, affrontando con disinvoltura e naturalezza ogni aspetto della vita dei personaggi. Moore cede abilmente la lente d’ingrandimento al lettore, che di capitolo in capitolo coglie piccoli indizi e scene (magari innocue all’apparenza) che solo alla fine daranno vita al quadro completo.

Se cercate una lettura che possa tenervi incollati alle sue pagine fino alla fine, Dark Room non è lì per deludervi.

firma