Blog Tour “L’inganno delle tenebre” di Jean-Christophe Grangé – Parla Maggie Morvan

Buongiorno Lettori!
Sono onorata di darvi il benvenuto nella quarta tappa del blogtour dedicato a L’inganno delle tenebre di Jean-Christophe Grangé, secondo e conclusivo capitolo della dualogia dedicata alla singolare famiglia Morvan. Questi due thriller, intensi e coinvolgenti, accompagnano il lettore in un lungo e complesso viaggio nel cuore della vera oscurità, dove l’uomo diventa puro male indecifrabile.


Se nel tour di presentazione del primo romanzo vi abbiamo fatto scoprire le strutture fondamentali della storia, questa volta abbiamo organizzato qualcosa di unico. Non saremo noi a parlare, ma le creature di Grangé: sei personaggi che attraverso noi blogger prendono nuova vita per stimolare la vostra curiosità. Alla mia penna si è affidata Maggie Morvan, moglie di Grégoire (conosciuto qui) e madre di Erwan (qui), Gaelle (qui) e Loic (che conoscerete nei prossimi giorni).

Se amate immergervi in storie che non fanno sconti, che tengono incollati i lettori alle pagine fino a tarda notte pur di conoscere la verità nascosta sotto cumuli di macerie e bugie, allora Il rituale del male e il nuovo arrivato i libreria L’inganno delle tenebre fanno assolutamente al caso vostro. Buona lettura 🙂

L’inganno delle tenebre


Con fatica Erwan scende la scaletta dell’aereo che lo ha portato a Lubumbashi. Non riesce a respirare: la polvere gli si appiccica in gola. Rossa, come il sangue che impregna quella terra. Il sangue che l’Uomo Chiodo ha versato quarant’anni prima. E che ancora non ha smesso di scorrere.
Sulle tracce del diabolico serial killer, Erwan, comandante della prestigiosa squadra Omicidi di Parigi, è ritornato in Congo, nel cuore della terra che ha fatto la fortuna della sua famiglia, i Morvan. Erwan e Grégoire, padre e figlio, sono determinati a mettere la parola fine alla spirale di tenebre che da decenni sembra perseguitarli e destinarli alla perdizione: ancora una volta passato e presente, lontano e vicino, si confondono in un incubo di macabri rituali e lugubri rivelazioni. Ma per Erwan scoprire la verità sull’Uomo Chiodo significa soprattutto fare luce sulla storia della propria famiglia e sulla sua stessa identità. Che cosa lega Grégoire alla morte della donna che per ultima, quarant’anni prima, ha conosciuto la follia omicida dell’Uomo Chiodo? Come ha fatto suo padre a fermarlo? Come si è arricchito? Chi è veramente? E mentre l’Africa rifiuta ostinatamente di appagare la sete di verità di Erwan, per la terza volta l’Uomo Chiodo ritorna a colpire, a migliaia di chilometri di distanza. In Francia. E questa volta il suo obiettivo è più chiaro che mai: sterminare i Morvan.

Dopo lo straordinario successo del Rituale del male, tradotto in trenta lingue e per settimane in testa alle classifiche dei bestseller, Jean-Christophe Grangé torna a ridare vita all’Uomo Chiodo, uno dei suoi personaggi insieme più inquietanti e avvincenti. E, questa volta, si tratta di una sfida senza via d’uscita. Dal cuore tenebroso dell’Africa fino alle piovose prospettive parigine, la lotta per la sopravvivenza dei Morvan è iniziata.

Titolo: Il Rituale del Male
Autore: Jean-Christophe Grangé
Prezzo: €19,90
Pagine: 704
Pubblicazione: 5 ottobre 2017
Editore: Garzanti

Parla…

Quando ho aperto gli occhi questa mattina ho pensato una cosa sola: ad Erwan, a quanto si stia dimostrando sempre più il figlio di suo padre. Testardo, orgoglioso, determinato, pronto a tutto. Ma stupisce ognuno di noi con quel senso di innata giustizia che al mio Grégoire spesso è mancato. Mi porto sulla pelle la rabbia di mio marito da così tanti anni che è diventata mia.
O forse lo è sempre stata. Sì, quel veleno è sempre stato anche mio. E adesso Erwan sta per scoprirlo. E io non sono pronta a sopportarne il dolore ancora una volta.

Ora che ha lasciato tutto per tornare di nuovo in Africa…

Capirà ogni cosa, metterà insieme i punti e ci distruggerà. È troppo intelligente e caparbio per lascarsi sfuggire i dettagli. Sono passati tanti anni, ma la verità lascia sempre delle tracce. Grégoire crede di poter controllare tutto e tutti, idiota. La nostra famiglia è come un albero che affonda le sue radici nel fango e nel sangue: Erwan sta per strapparlo via a mani nude, col dolore e la fatica che questo comporterà.

Credevamo di aver abbandonato e sotterrato per sempre il marcio del passato a Lontano, che lo spettro dell’Uomo Chiodo non sarebbe mai più tornato a perseguitarci, e invece la vita dei Morvan è un incubo da cui non ci si può svegliare.
I nostri errori, miei e di Grégoire, sono un cancro che non guarisce, ma instancabile infetta ogni cosa che tocca. Siamo stati in grado di rovinare la vita dei nostri figli, l’abbiamo contorta e distorta ed ecco cosa abbiamo ottenuto: solo e soltanto dolore. E non finirà qui, il dolore continuerà. Si moltiplicherà.
Erwan crede di chiudere questo capitolo mettendo un punto alle menzogne. Ma non capisce, non può capire… la verità per i Morvan è un vaso di Pandora alla fine del quale neppure la speranza può restare sul fondo. La sua caccia ci rovinerà tutti, per sempre.

lo avevo detto a Grégoire: «Abbiamo fatto un patto col diavolo, a essere in gioco è la nostra anima, non i nostri quattrini». Forse non sono mai stata più saggia di così. Erwan ci perderà tutti, pezzo dopo pezzo, vedrà la sua famiglia scivolare via.

Non è mai stato perfetto, ma il clan dei Morvan è ciò che abbiamo. Lo perderemo, non saremo più li stessi quando mio figlio tornerà a casa.
Tanti sacrifici, tante sofferenze per nulla.
Tanto sangue, tante lacrime per nulla.
Tutto quanto per nulla.
Erwan, cosa ci sai facendo?

Il Tour

Viaggiatrice Pigra | Liberi di scrivere | The Mad Otter
Il Mondo di sopra | Nali’s Shelter

Vi aspetto qui sul blog
il 19 novembre
per la recensione finale del romanzo!

firma