Blog Tour “Odisseo – La forza dell’Amore” di Leonardo Marini ~ REVIEW PARTY

Buongiorno Lettori e benvenuti alla tappa finale del tour, il REVIEW PARTY dedicato Odisseo – la forza dell’amore di Leonardo Marini.
Mi spiace un po’ dover essere la voce fuori dal coro rispetto alle mie colleghe, ma il parere che state per leggere non è positivo. Vi auguro comunque buona lettura ♥

Odisseo
La forza dell’amore

A tutti è stata narrata almeno una volta la storia di Odisseo, grande eroe Greco. Le sue gesta sono state simbolo di ingegno, d’intelligenza e di scaltrezza. Cantate da cantastorie, raccontate da narratori, sono giunte infine alle orecchie di Omero, il quale, secondo la tradizione, le ha riportate nero su bianco, facendo sì che l’eco di quelle avventure potesse arrivare fino ai giorni nostri. Ma siamo davvero sicuri che, quella che sappiamo, sia la vera storia di Odisseo? Possiamo affidarci completamente alle parole di Omero? E se la realtà fosse stata un’altra? Sapete cosa vi dico? È così. Odisseo era un diciassettenne scaltro e intelligente e, come tutti i giovani, sognava una vita ricca di gioie e successo. Egli, però, non aveva fatto i conti con il più crudele degli ostacoli: il Destino. Il labirinto di Cnosso ha scelto lui, e un combattente tale non può sottrarsi a una sfida del genere. Tra intrighi, profezie e rivelazioni, il prode Greco si ritroverà catapultato in una impresa ben più grande di lui.

la-mia-recensione

È sempre un peccato bocciare un romanzo. Vi assicuro che farlo in occasione di un percorso teoricamente promozionale per il libro in questione è ancora più difficile e complicato. Ma sarebbe stato ingiusto nei vostri confronti e nei miei se avessi alterato il mio parere perché condizionata dalla situazione.

Odisseo – la forza dell’amore è un romanzo scorrevole, che impegna poco tempo e lascia vagare la mente in un tempo lontano, fatto di eroi e divinità e avventura.
Peccato che questo sia rovinato da una lunga serie di errori, anacronismi e incongruenze col mito da cui prende origine. Decidere di affrontare storie così famose e importanti è una grande responsabilità, andrebbe fatto con immenso rispetto. E qui, mi spiace tanto dirlo, non ne ho visto…

Avevo già accennato ai molti cambiamenti nella precedente tappa del tour e non vorrei aggiungere altri dettagli sulla trama per coloro ancora interessati a leggere il romanzo. Vi rimando a quello per una più accurata descrizione di trama e personaggi.

Sarà che queste storie hanno fatto parte della mia vita durante tutti gli anni del liceo e le conosco molto molto bene (avendo anche affrontato studi specifici sui testi in lingua originale), ma durante la lettura del libro di Marini sono rimasta estremamente turbata dalle eccessive discordanze col mito. Era come se stessi seguendo personaggi mai incontrati prima d’ora, senza una tradizione alle spalle, senza quel manto di pura luce e aura epica che in realtà li contraddistingue da secoli e secoli nella letteratura globale.

Permettetemi un ultimo appunto, giusto per capire il perché del mio essere tanto contrariata: che senso logico ha scrivere un intero romanzo che si basa sulla tradizione greca epica (lasciando tutti i nomi e le località con le nomenclature originali tradotte o italianizzate) e concludere la storia con con un incisione sulle colonne d’Ercole IN LATINO (e tutti i personaggi la capiscono perfettamente, anche se parlano – almeno in teoria – il greco)?? 😱😒 mah… forse sono esagerata io, forse pretendo troppo. Forse, invece, no.


firma