Blogtour + Giveaway: “Ancients – Il Grande Freddo” di Luigi Viagrande – Estratto in Anteprima

Buongiorno miei dolci Lettori!
Lo so, lo so… in quest’ultimo periodo sono stata un po’ assente! Ma finalmente ho ritrovato quelle energie e quello spirito “d’avventura librosa” che negli ultimi mesi si era affievolito (per motivi non sempre librosi, ad essere sincera). Staccarsi un po’ da ciò che tanto si ama può essere un ottimo modo per capire quanto quel sentimento sia forte e coinvolgente, perchè — come disse Arthur Schopenhauer — “la lontananza rimpicciolisce gli oggetti all’occhio, li ingrandisce al pensiero” 😉
Quindi rieccoci, per un nuovo inizio all’insegna del tanto scrivere e parlare di libri!

Oggi diamo voce a un autore esordiente catanese, Luigi Viagrande, e al suo primo figlio d’inchiostro Ancients – Il Grande Freddo. Luigi mi ha gentilmente fornito una copia del romanzo, quindi ne sentirete un parere approfondito e dettagliato il prima possibile. In questa tappa conclusiva del suo tour di presentazione, invece, gustiamo in anteprima un particolare estratto della storia, spero vi piaccia ❤ Alla fine dell’estratto troverete il form per partecipare al giveaway, in palio una copia cartacea e un ebook del romanzo. Buona lettura!

Ancients
Il Grande Freddo


In un mondo devastato da un virus letale, Liam Cooper è un ragazzo di appena 27 anni che vive un’esistenza mediocre ma al riparo dal virus all’interno della città-cupola di Nuova Yermo. La sua vita cambierà quando il professor Graham, leader della congrega dei Sapienti, decide di trasferirlo nella prestigiosa Università di Pahrump, luogo dove si formano le menti che, in un futuro ancora distante e incerto, riusciranno a debellare il virus dalla faccia della terra. Per sempre. Qui Liam viene a conoscenza di una inquietante verità; il virus sta rapidamente conducendo il globo verso un tragico epilogo. Il processo non è irreversibile e Liam affronterà un viaggio crudele e pericoloso nell’estremo tentativo di salvare le poche persone ancora in vita. Conoscerà un mondo dominato dalla malvagità e dalla crudeltà dell’uomo e scoprirà che la verità è ancora più agghiacciante di quanto sembri. Fuori c’è ben altro, una realtà più oscura e terribile del virus stesso.

Titolo: Ancients – Il Grande Freddo
Autore: Luigi Viagrande
Prezzo: €0,99 ebook – €15,99 cartaceo
Pagine: 380
Pubblicazione: 4 novembre 2016
Editore: Self published

Estratto in Anteprima

«Spero che non dovrò farlo mai più.»
Così esordì Logan quando furono entrati.
Liam annuì e sorrise. A lui non era andata tanto meglio rispetto all’amico. «Dovrò comprare una cintura nuova», osservò notando i profondi solchi lasciati dai canini di Logan. L’unico che non uscì provato dalla procedura di decontaminazione fu Graham. Sembrava avesse sviluppato una sorta di immunità, come se il suo corpo fosse ormai troppo abituato per poter reagire. Era una benedizione e una condanna insieme, ipotizzò Liam. Come un drogato diventa assuefatto alla droga e non capisce mai quando è ora di smettere finché non ci rimane steso per un’overdose, così doveva essere difficile portare il nome di Arthur Graham, dover viaggiare così tanto, sempre a contatto con il virus. C’era da chiedersi quando il professore sarebbe crollato per un’overdose.
«Questa città è magnifica», esclamò Logan mentre si guardava attorno. Non era la polverosa Yermo, non c’erano camper condivisi con topi e insetti. C’erano case, e c’erano strade. C’era vita.
Lungo la strada si trovava una piccola costruzione di legno con un’insegna che ondeggiava dolcemente al vento. C’era scritto Bar. Liam si fermò non tanto per quello strano cartello ma perché dall’edificio proveniva un suono, qualcosa che aveva sentito solo dalla sua radio.
«Mio Dio!», esclamò affascinato. «È musica. È un pianoforte?», si informò.
Graham annuì.
Logan indicò il cartello. «Che cosa significa?»
«Significa, che se volete bere una birra e socializzare con i miei studenti, potete venire qui dopo il lavoro.»
Logan non sapeva cosa fosse un bar, e neppure Liam, ma c’era la musica ed era un posto allegro. E Logan non sapeva cosa fosse la birra, ma pensò che gli sarebbe piaciuta.


Il Giveaway

a Rafflecopter giveaway

Il Tour

1 – Universi Incantati – Estratto del libro
2 – Il Mondo di Sopra – Spin-off “Una Winston blu” pt. 1
3 – Peccati di Penna – Estratto del libro
4 – La Fenice Book – Spin-off “Una Winston blu” pt. 2
5 – Gli Scrittori della Porta Accanto – Estratto del libro
6 – My Secret Diary – Spin-off “Una Winston blu” pt. 3
7 – Il Flauto di Pan – Estratto del libro
8 – Il bosco dei sogni fantastici – Spin-off “Una Winston blu” pt. 4
9 – Chicchi di Pensieri – Estratto del libro
10 – La Lettrice Segreta – Estratto del libro

Mi raccomando, andate a dare un’occhiata alla pagina facebook dell’autore e al suo sito ufficiale. Buona fortuna per il giveaway e buona lettura 😉

firma

Blog Tour “Apostasia, Verità di vita e morte” di Marie Albes – Recensione

Buongiorno Lettori del mio cuore!
Oggi, come promesso, torna sul blog un tour che sono certa stuzzicherà la curiosità di molti. Parliamo infatti di Apostasia, Verità di vita e morte di Marie Albes, un nome che certamente non vi sarà nuovo se siete frequentatori assidui delle Parole Segrete dei Libri.
È, infatti, alquanto insolita la situazione in cui mi trovo ora, recensire un romanzo per la seconda volta (e di nuovo in occasione del suo blogtour). Non sono una patita delle riletture, ormai mi conoscete, ma quando Marie mi ha parlato della nuova veste con cui il suo Apostasia stava per mostrarsi a tutti voi ho deciso di accettare. In fondo, un romanzo che ti ha rubato il cuore al primo sguardo difficilmente deluderà ad un secondo incontro, non vi pare? 😉
Vi lascio quindi alla mia recensione, buona lettura ❤

Apostasia
Verità di vita e morte


Elena e Chiara: due donne, due destini diversi. Un comune amore. Elena è ribelle, incapace di accettare le regole che governano il mondo e soprattutto piena di passione per la vita. Chiara è invece una donna mite, piena di certezze e serenità, in grado di affrontare ogni cosa con un sorriso: sono ormai dieci anni che vive in un piccolo convento nelle campagne fiorentine, e la fede che l’ha spinta a prendere i voti sembra crescere come un fiore alla luce. Ma Elena non può capirla, non riesce proprio ad accettare quella restrizione monastica che piega le ali, per poi chiuderle in una scatola buia. Le due strade seguono il loro corso, finché un giorno l’arrivo di José Velasco – giovane spagnolo venuto in Italia per scoprire il segreto che tormenta la sua famiglia – incrocia la vita di Chiara portando turbamento. E così, attraverso indizi ormai persi nel tempo, insieme ripercorreranno il passato alla scoperta di una verità che potrebbe compromettere non solo i ricordi di José, ma soprattutto la certezza su cui radicava il mondo di Chiara. Nel frattempo l’estate scivola via, lasciando che i due giovani continuino a seguire il filo che li trascina, ormai incapaci di ignorare le rivelazioni che dovranno fronteggiare, ma allo stesso tempo impauriti da ciò che rappresenta qualcosa di più pericoloso di una semplice promessa religiosa. Ed Elena questo lo sa bene, però li osserva senza proferire parola: è convinta che il libero arbitrio esista, ma è di sicuro molto fragile.

Titolo: Apostasia, Verità di vita e morte
Autore: Marie Albes
Prezzo: €0,99 (fino al 31 gennaio) ebook – €11,44 cartaceo
Pagine: 473
Pubblicazione: 11 gennaio 2017
Editore: Self published

la-mia-recensione

L’amore è strano, difficile da capire, forse perché è così naturale, incontrollabile e soprattutto umano. E l’essere umano è strano di per sé.

Apostasia non è un romanzo facile. Parla d’amore, parla di famiglia, parla di scelte che ti cambiano la vita.
Parla di Chiara, una suora, e José, un viaggiatore dal bagaglio ricco di misteri. Parla del loro amore, proibito agli occhi del mondo, ma genuino e puro a quelli di Dio. Parla anche di Elena, alla ricerca disperata di libertà, e Miguel, un seminarista la cui gioia di vivere contagerebbe chiunque. Parla del loro amore, inaspettato come la neve in estate, disposto a fare qualunque cosa pur di non sciogliersi mai.
Parla di fede, di fiducia in ciò che dall’Alto dirige e influenza le nostre vite, e di quel conflitto che inevitabilmente si crea quando l’imperfezione della vita terrena si incontra e scontra con l’eterea purezza del divino e il Suo sguardo all’umanità.

«Cosa succede, Miguel?»
Lui tacque. «Allora?»
«Hai mai fatto un grosso errore, senza però esserne pentito?»
«Quanto grande?»
«Enorme, un errore gigante», si passò una mano tra i capelli.
«E non sei pentito.»
«Per niente, tutt’altro… vorrei ripeterlo non una, ma cento, mille volte.»
Michele arricciò il naso. «Questo non è buono.»
«Per niente. Sto impazzendo.»

Apostasia è tutto fuorché semplice. Ma è questa la cosa più bella: avventurarsi nelle dolci e spigolose venature della nostra esistenza attraverso le parole dell’autrice, senza preoccuparsi di quanto noioso, banale o ripetitivo il romanzo possa essere, perché non lo sarà mai, neppure un istante.
Ciò che il lettore fa è lasciarsi trasportare in uno spaccato di vita amaro, pieno di dolore, ma carico di speranze, per poi uscirne fuori rinato, più forte, pronto a cercare il bello della propria vita, anche quando è tutto buio e la luce sembra un ricordo sbiadito nel nulla.

Come potrebbe mai un sentimento meraviglioso come l’amore essere sgradito a Colui che di amore ci ha fatti? I giuramenti che facciamo e i voti a cui teniamo fede possono scioglersi in nome di questo sentimento? Quanto in là possiamo spingerci prima di cadere nel baratro? Tutti quesiti che l’autrice prova a risolvere attraverso le storie dei suoi protagonisti, ma l’unica risposta che conta può darla solo il lettore quando, girata l’ultima pagina, avrà vissuto quelle storie, ne sarà diventato parte.

Così appariva la giovane monaca, una figura nera in movimento, con il velo che ondeggiava dietro le spalle, indeciso se restare al suo posto o scivolare via, lasciando scoperti i morbidi capelli che si celavano sotto tutta quella stoffa. Correva innocente come una bambina, delicata come una farfalla che non aveva spiegato del tutto le ali, e soprattuto ignara di cosa l’aspettasse nel futuro imminente.

Apostasia mi aveva colpita già dalla sua prima edizione, per il delicato equilibrio con cui portava all’attenzione dei lettori delle tematiche importanti e complesse.
Le due storie che Marie Albes sceglie di intrecciare sono come micce pronte a esplodere da un momento all’altro. Eppure, per quanto ci si possa sforzare di “accendere un fiammifero”, le parole scelte con cura dall’autrice sono solo carezze, che fanno sorridere e asciugano lacrime. Ci ricordano che l’amore (quello vero) è più forte di qualunque cosa, del bigottismo, della cattiveria, del male, del silenzio, perfino della morte. La fede può rafforzarlo, così come ridurlo in briciole, se male indirizzata.
È l’amore, sia esso umano o divino, la vera forza e su quella dobbiamo fare affidamento per sopravvivere.

Segui qui l’evento facebook

Blog Tour “Fangirl” di Rainbow Rowell – Recensione

fangirl-banner

Buongiorno miei dolci Lettori!
Spero abbiate fatto un’abbondante colazione questa mattina, perchè dopo aver letto la recensione di oggi non perderete un solo secondo prima di correre in libreria a recuperare la vostra copia di Fangirl! Sì sì, avete letto benissimo… Parlo proprio del dolcissimo romanzo di Rainbow Rowell, finalmente in Italia grazie alla Piemme (per acquistarlo, cliccate qui) *lo sentite il coro degli angeli, vero??*
Se avete per caso perso una delle tappe del nostro blog tour ufficiale, vi rimando ai simpaticissimi articoli dei miei colleghi sui blog Devilishly Stylish, Bookish Advisor, Reading at Tiffany, Oh ma che ansia e Everpop.

Fangirl


fangirl

Approdata all’università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fan fiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con un ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fan fiction siano solo un plagio e un compagno bellissimo che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita.

Titolo: Fangirl
Autore: Rainbow Rowell
Prezzo: €17,00
Pagine: 516
Pubblicazione: 18 ottobre 2016
Editore: Piemme

la-mia-recensione

“Perché scrivo?” Cath provò a pensare a una risposta profonda, sapendo che non avrebbe mai parlato, nemmeno se l’avesse trovata.
«Per esplorare nuovi mondi» disse qualcuno.
«Per esplorarne di vecchi» intervenne qualcun altro.
“Per essere altrove” pensò Cath.
[…] «Per condividere una verità» disse una ragazza. Un altro paio di Ray-Ban.
Cath scosse la testa.
«Perchè scriviamo narrativa?» chiese la professoressa Piper.
Cath abbassò lo sguardo sul quaderno.
“Per sparire.”

Quanto può essere difficile affrontare ciò che per noi è nuovo?
Tutti, presto o tardi, ci troviamo davanti alla soglia dell’oscura e inquietante novità: quella che da un lato inevitabilmente ci attira col suo manto di mistero e dall’altro ci allontana, ricordandoci quanto il nostro presente sia sicuro, senza alcuna necessità di essere modificato.
Ma se, come per Cath, il cambiamento proprio non si può evitare, eccoci lì, armati di (in)sano pessimismo e totale assenza di entusiasmo, non così tanto pronti a farci sconvolgere la vita… *aiuto!*

Continua a leggere

Blog Tour “Dimmi chi sei” di D. M. Winters – 5ª Tappa – Intervista

unnamed

Buongiorno miei dolci Lettori!
Oggi concludiamo insieme il bellissimo percorso di presentazione del romanzo Dimmi chi sei di D.M. Winters! Quando si finisce un viaggio speciale, la cosa più importante è farlo in grande stile: per questo oggi chiacchiereremo a tu per tu proprio con l’Autrice e scopriremo qualche piccolo segreto racchiuso in Dimmi chi sei ❤ Buona lettura 😀

Dimmi chi sei

copertina

E-Book: in offerta per il blogtour a 0,49€
(prezzo intero 1,49€)
Editore: Lettere Animate
Genere: Romanzi Rosa, Libri per ragazzi

**ACQUISTA QUI**

Ginny ha appena terminato le prove di danza, quando lo incontra: incontra il ragazzo che le cambierà la vita. Lui è Max, all’apparenza misterioso, con un passato che ha voluto dimenticare e lasciarsi alle spalle, determinato a ricominciare da capo. Lavora alle scuderie del paese, ed è lì che tutto ha inizio: qualcosa, in entrambi, sta per cambiare. Gli occhi di Max la notte perseguitano prepotentemente lei; il volto di Ginny distrae in continuazione lui. Non sarà facile, però, per Max confessarle il suo segreto, proprio quando si rende conto che quella ragazza lo sta salvando: è grazie a lei se la sua vita sta tornando a splendere. Ma ha bisogno di tempo per riuscire a parlare del suo passato, che solo il pensiero rievoca in lui immagini che fanno male. Ginny si fida di lui, ma continuerà a farlo anche quando gli incubi peggiori del cupo passato di Max torneranno a farsi sentire, e a tormentare non solo lui, ma anche la sua ‘ancora’?

L’Autrice

Sotto lo pseudonimo D. M. Winters, si nasconde una ragazza che adora sognare. Nasce in un piccolo paesino in provincia di Treviso. Dimmi Chi Sei, pubblicato inizialmente a capitoli su una piattaforma online, è il primo volume di quella che sarà destinata a diventare la trilogia Do Love Me.

divider_zpsae4d5737

A tu per tu con…
D.M. WINTERS

Ciao cara, benvenuta fra le Parole Segrete dei Libri. Sono davvero felice di averti come mia ospite 🙂 partiamo subito con una domanda, giusto per rompere il ghiaccio. Come descriveresti la scrittrice che è in te?

Ciao a tutti, e un grazie a te per avermi ospitata! D. M. Winters è prima di tutto una scrittrice sognatrice, a cui piace viaggiare serenamente in altri mondi che spesso si incrociano; una scrittrice testarda, che se si impunta su una scena che sa che è “sbagliata” e per la quale potrebbe venire “odiata”, la scrive lo stesso; una scrittrice col sorriso stampato sulle labbra, che gli è stato regalato in primis dai propri lettori; una scrittrice che ha ancora tanta voglia di imparare, crescere, migliorarsi. Perché questo è solo l’inizio 😉

“Dimmi chi sei” è il primo capitolo della trilogia Do Love Me. Com’è nata l’idea di questa serie?

In realtà, all’inizio Dimmi Chi Sei doveva essere un libro autoconclusivo, che termina semplicemente con quel finale che ho scelto (niente spoiler, stavolta). Nicholas Sparks è stato come autore un’ispirazione per me, in particolare il suo libro L’ultima Canzone. Mi piace talmente tanto quel libro (e film) che l’ho letto (e guardato) sia in italiano che in lingua originale – un’infinità di volte. Il modo di scrivere di Sparks mi trasmette ogni volta qualcosa in più, lo trovo unico. (PS.: il mio autore preferito, comunque, è Edgar Allan Poe 🙂 non sto scherzando!) Avendo pubblicato il libro inizialmente su Wattpad, è stata la richiesta lì dei miei lettori a spingermi a proseguire la storia tra Max e Ginny. Una curiosità sulla trilogia Do Love Me? Le iniziali (D, L, M) sono le stesse iniziali dei titoli dei tre libri 😉

Raccontaci qualcosa in più del romanzo. Qual è stato l’aspetto più bello della sua stesura?

La cosa, o il personaggio, del quale mi è piaciuto scrivere di più – e nel quale spesso mi sono potuta immedesimare – è stato Giò, il fratello di Ginny. Dopo i primi capitoli, dipendevo già da lui, al punto di creare due o tre capitoli dal suo punto di vista. È un personaggio che io stessa ho amato e odiato, che mi ha trasmesso tanto e che ha dato altrettanto anche ai miei lettori. Solitamente è il preferito della storia.

Max porta con sé il peso di un grande segreto che influenza tutta la storia della protagonista Ginny. Pensi che i segreti abbiano la capacità di unire o dividere le persone?

Dipende dal peso e dalla gravità di questi; dipende dal perché uno li voglia tenere dei segreti e non confidarsi invece con una persona che ama. Ginny a un certo punto della storia si stanca del mistero che avvolge Max e lo accusa di non aprirsi con lei, lo definisce uno sconosciuto; ma quando lui riesce a raccontarle tutto, lei vede in lui ancora quel ragazzo con tanta voglia di ricominciare, nonostante quel buio passato che lo ha travolto. Nel caso di Max, è un segreto che sembra alla fine averlo unito maggiormente alla ragazza che ama: lui l’ha tenuto nascosto anche per proteggerla…

Noi Lettori siamo curiosi di natura: cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi romanzi della trilogia?

Lacrime? Di gioia ma soprattutto lacrime amare 😉 sarebbe davvero un bel traguardo per me arrivare a farvi emozionare così tanto! Cerco sempre, ci provo almeno, di mantenere il più reale possibile le scene che si evolvono nel corso della storia, ispirandomi spesso a fatti che accadono a persone che conosco o a conversazioni di gente sconosciuta; il mio obiettivo, anche per i prossimi due volumi, è quello di creare una storia che possa essere “concreta” al punto di riuscire a farvi immedesimare nei personaggi, nelle loro scelte, a trasportare le parole scritte che scorrono tra le pagine nella nostra vita. Ci proverò, ovvio.

Descrivici il tuo processo di scrittura: hai dei rituali particolari o lasci che l’ispirazione ti pervada in qualunque momento della giornata?

Vado molto a ispirazione. Ci sono dei giorni che davvero non ce la faccio a scrivere: scrivo una riga, e l’attimo dopo la pagina è di nuovo già vuota. La mia ispirazione maggiore è la musica: ascolto di tutto, prima o anche durante la scrittura. Non vorrei essere criticata per le mie scelte musicali, ma mi sembra giusto citare chi mi “aiuta” molto senza saperlo: Miley Cyrus, Micheal Jackson, Avril Lavigne, Tokio Hotel, Queen, Il Volo, Demi Lovato, Sia, My Chemical Romance, The Pretty Reckless, Noemi, J-Ax, Linkin Park (qualcuno mi fermi!)… E comunque ascolto anche molta musica classica, in particolare Tchaikovskij. Capita, come credo anche a molti altri, che passino nella mia mente frasi da bestseller (okay, non esageriamo) – il fatto è che la maggior pare delle volte accade di notte e quindi, nonostante io sia fiduciosa sulla mia memoria e dica a me stessa che la mattina seguente sicuramente le ricorderò…così non accade. Continuo a non imparare dai miei errori.

Un’ultima domanda prima di salutarci. Sei già al lavoro sul prossimo romanzo della trilogia Do Love Me o hai qualche altro progetto in stesura?

Sto scrivendo il secondo libro della trilogia, si intitola La Nostra Canzone. Per chi è interessato, potete trovare al momento i primi capitoli già pubblicati su Wattpad!

Grazie mille per essere stata qui con me. Torna a trovarci quando vuoi! 😀

blogtour-calendario

firma

Blogtour “Il filo rosso” di Alessia Coppola – 3ª TAPPA – Le ambientazioni del romanzo

Buongiorno miei dolci Lettori!
È sempre un piacere ospitare su Le Parole Segrete dei Libri la tappa di un blogtour 😉 se poi aggiungiamo che il romanzo di oggi è scritto dalla talentuosa penna di Alessia Coppola e, soprattutto, che ad accogliere questa sua nuova avventura d’inchiostro è stata niente meno che la HarperCollins Italia… allora direi che il successo è assicurato!

index

Parliamo infatti di Il filo rosso, l’ultimo figlio d’inchiostro di Alessia, scrittrice e illustratrice brindisina che conoscerete sicuramente tutti ❤ In collaborazione con questa grande Casa Editrice, l’autrice intesse una storia dal sapore nuovo, fresco, diverso dalle sue precedenti opere. Lascia tuttavia spazio ad una piccola spruzzata di polvere di fata, così che mito, realtà e destino si possano amalgamare alla perfezione e far battere il cuore ad ogni Lettore 😀

Oggi, in questa terza tappa del tour, scopriremo quali luoghi sono stati scelti da Alessia per dare vita alla storia della sua protagonista Allyson. Suoni e colori contornano un’incantevole avventura del cuore, dove la paura di rischiare e la voglia di amare lottano fra loro per emergere. Quale delle due avrà la meglio lo lascio scoprire a voi 🙂

Il filo rosso

 

cover

Non nasconderti dietro il destino. Quello lo costruiamo noi, con i nostri propositi e le nostre azioni.
Secondo la leggenda cinese del filo rosso del destino, ognuno di noi nasce con un invisibile filo rosso legato al mignolo della mano sinistra: questo ci lega indissolubilmente a coloro cui siamo destinati. Tempo, spazio, circostanze non contano. Finché le anime sono in vita il filo le lega.
Allyson non sa chi troverà in fondo al suo filo. È amareggiata, certa ormai che il vero amore sia solo una chimera, come quel dragone azzurro di cui favoleggiava l’amica cinese Lin Mei, e che avrebbe dovuto guidare la sua strada per la felicità mentre invece l’ha solo illusa. L’unica soluzione è cercare rifugio in quella stanza che profuma di trementina e ha i colori di una tavolozza d’artista.
Ally si fa curare dalla pittura, il suo primo amore, e chissà che cosa emergerà da quella tela, forse il futuro che lei desidera per se stessa…

Titolo: Il filo rosso
Autore: Alessia Coppola
Prezzo: €3,49
Pagine: 175
Pubblicazione: 29 luglio 2016
Editore: HarperCollins Italia

divider_zpsae4d5737

13720671_1036640219722462_1893970931_o

La fresca brezza autunnale irruppe nella stanza. La vista era meravigliosa. Il Golden Gate brillava sotto la luce del tramonto e l’acqua sembrava un drappo d’oro. Anche i miei occhi brillarono per l’emozione di quella vista.

La città californiana di San Francisco è il principale scenario delle vicende della nostra storia. È nei suoi palazzi e fra le sue strade che la vita di Allyson prende schiaffi e carezze. La città attraversa stagioni e colori, ma la sua incredibile bellezza rimane inaterata mentre il Destino completa, pennellata dopo pennellata, il suo incantevole quadro. Il cuore di Allyson si specchierà nelle acque della baia, alla ricerca di quella parte di se stessa che il Lettore, insieme a lei, vuole imparare a conoscere e amare.

13835825_1036640223055795_1956554018_o

Un’esplosione di colori ci invase non appena varcammo i confini che delimitano quel quartiere dal resto della città. La porta di accesso a Chinatown, con i suoi tre piccoli tetti a spiovente con tegole verde smeraldo, i dava il benvenuto.
Mi piaceva quel posto, era surreale e folle.

Profumi e colori orientali abbracciano i momenti più magici della storia di Allyson, attimi in cui realtà e fato si fondono per dare corpo a ciò he la vita dovrà essere. Bancarelle, negozi, ristoranti… ogni angolo di Chinatown è impregnato di quella poesia che da tempo ha abbandonato il cuore della protagonista. Sono gli incontri che facciamo a donare speranza dove sembra vincere il buio. Quando è il Destino a scegliere cosa piazzare sulla sua scacchiera e a muovere le pedine affinchè la partita sia vincente, sta poi a noi coglierne i segnali… ad Allyson il compito di credere in qualosa al di là di ciò che si può vedere e toccare. Un’immersione nel paradiso della fantasia (dove luminarie, spezie e dragoni fanno da padrone) potrebbe essere la cura per ogni cuore spezzato ❤

 divider_zpsae4d5737

Giveaway Time!

Vi lascio il calendario completo del tour:

calendario tappe

Ecco le regole per partecipare al giveaway 😀 Se volete provare a vincere una copia digitale del romanzo, non dovrete fare altro che compilare il form che trovate cliccando sul link qui sotto e rispettare le semplici regole che seguono. Il Giveaway terminerà il 1° Agosto.

1) Mettere “Mi piace” alla pagina di HarperCollins Italia
2) Diventare lettori fissi dei blog partecipanti
3) Commentare tutte le tappe
4) Condividere l’evento sui vari social (Facebook, Twitter, Google+ etc…)
5) Mettere “Mi piace” alla pagina autore di Alessia Coppola

a Rafflecopter giveaway

firma

Blogtour “Baby Boomers” di Mario Pacchiarotti – 8ª TAPPA – Recensione & Giveaway

Buongiorno Lettori!
Oggi alteriamo un po’ le nostre solite attività per dare spazio ad un blogtour davvero imperdibile, dedicato al romanzo Baby Boomers – Siamo la goccia che diventa mare di Mario Pacchiarotti. Sapete quanto mi piaccia dare spazio agli autori nostrani, soprattutto quando meritano davvero tutto il tempo che gli viene dedicato 🙂
Baby Boomers rappresenta un ottimo esempio di come la narrativa di qualità non debba necessariamente provenire da oltreoceano per essere tale. Le penne della nostra penisola sanno donare ai lettori storie incredibili e ricche di emozioni, basta solo avere il “coraggio” di scoprirle.

Grazie a Mario Pacchiarotti ci immergiamo in un romanzo distopico che prende a schiaffi la nostra società, la nostra politica e soprattutto la nostra incapacità di affermare un’opinione con fermezza e di trasformarla in azioni. Noi italiani sono bravissimi a lamentarci. E se facessimo davvero qualcosa? Chissà, potremmo ottenere grandi risultati 😉

In calce all’articolo, dopo la recensione, troverete tutte le precedenti tappe del tour e il form per partecipare al giveaway e vincere una copia in edizione speciale del romanzo!!! Buona lettura ❤

Baby Boomers
Siamo la goccia che diventa mare


index

Anni Venti del terzo millennio.
L’Italia è dominata dalla Fratellanza, un partito con pericolose tendenze assolutiste che ha ottenuto incredibili risultati elettorali. Vengono approvati provvedimenti iniqui, eppure popolari, come la legge che priva gli ultraottantenni del diritto di voto.
In questo clima autoritario e distopico, dove la corruzione è ormai pervasiva, c’è qualcuno che decide di ribellarsi. Si tratta dei Baby Boomers, sei affiatati vegliardi che decidono di sferrare un colpo al sistema di governo. Congegnando un piano minuzioso e audace, i rivoltosi organizzano un attacco terroristico contro il Nuovo Palazzo del Parlamento, centro nevralgico di un potere arrogante e insaziabile.
I Baby Boomers sono l’ultimo afflato di coraggio in una società assuefatta alla corruzione, l’emblema di una generazione che rischia tutto nel tentativo di risvegliare le coscienze, il gesto estremo e simbolico di un’età non avvezza al consenso: sono la goccia che diventa mare.

Titolo: Baby Boomers
Autore: Mario Pacchiarotti
Prezzo: €9,99 cartaceo – 2,99 ebook
Pagine: 387
Pubblicazione: 28 maggio 2016
Editore: Sad Dog Project

la-mia-recensione

Agli anziani togliamo già la possibilità di guidare, persino i cardinali a quell’età non sono più considerati idonei, non si capisce quindi perché viene sollevata eccezione per la nostra decisione di non farli votare. È una naturale conseguenza dell’invecchiamento. Anche i giovani prima dei diciotto anni non hanno diritto di voto, perché considerati immaturi. Cosa c’è mai di sbagliato nell’applicare lo stesso principio anche ai vecchi, le cui menti ormai regredite e ottenebrate dagli anni sono incapaci di scelte razionali?

Un futuro che fa tremare le ginocchia, che annienta ogni forma di vera libertà e democrazia. Un futuro che fa così paura perchè sembra reale in ogni pagina che scorre sotto le dita, in ogni parola letta. Un futuro che potrebbe essere tanto vicino quanto impossibile, se la mente di chi vive nel nostro paese riuscisse a raddrizzare ciò che è storto.
Ecco cosa ci mostra il romanzo di Mario Pacchiarotti, Baby Boomers – Siamo la goccia che diventa mare.

Siamo negli anni venti del ventunesimo secolo. In Italia silenziosamente viene messa a tacere la democraza in favore della Fratellanza, un partito che, anno dopo anno, pone un numero sempre più alto dei suoi al potere, portando ad una maggioranza così forte da non lasciare possibilità alcuna all’opposizione di far sentire la propria voce. Le leggi vengono piegate al volere dei membri della Fratellanza, mettendo in un angolo tutti coloro che possono rappresentare un ostacolo alla loro supremazia. In particolare chi ha vividi ricordi di un periodo, anche se non il migliore per il nostro paese, in cui c’era ancora un vago ideale di libertà e vita democratica: gli anziani.

Si fermò un attimo indeciso, poi riprese con tono più determinato: «C’è una cosa che potremmo fare, una cosa che nessuno potrebbe ignorare, una cosa enorme. Ma dovremo intraprendere una strada senza ritorno.»
Non disse altro e rimase in attesa delle reazioni dei suoi amici. Dopo un lungo silenzio fu Adele a parlare: «Tra non troppi anni saremo tutti morti, caro mio, quindi dicci quello che ci devi dire e poi decideremo.»

Cosa potrebbe mai fare un gruppetto di sei persone, ormai non più nel fiore degli anni, se spinte ad agire da un senso inarrestabile di rivincita, libertà e giustizia? Loro sono i Baby Boomers, accaniti giocatori di Ironearth, un gioco fantasy di simulazione virtuale grazie al quale si sono conosciuti, definiti così perchè tutti “classe 1960” o giù di lì, nati mentre il boom economico faceva fiorire come mai prima la nostra penisola.
Sono proprio loro ad architettare un piano per dare definitivamente una scossa all’Italia della Fratellanza, con l’intento di mettere sotto scacco politici, forze dell’ordine e l’intera nazione, pur di far passare il giusto messaggio a chi la abita.

Non è poi così tanto difficile immaginare il destino di una nazione sulle spalle di sei vecchietti. Personalmente ho visto e vedo tutt’oggi la generazione dei miei nonni dare il massimo fino all’ultimo giorno, mettere anima e corpo in ogni cosa e avere energia da vendere, probabilmente molta più di quante ne abbia io adesso nei miei giovani vent’anni *eheheheheh, non ci sono più le persone di una volta* 😀
I sei protagonisti hanno tanto da insegnare ai lettori. Ognuno di loro ha un passato da raccontare e con cui fare i conti, una vita da sistemare prima che il piano vada in porto, un bagaglio di esperienze ed emozioni che difficilmente non lasciano il segno. Con loro il lettore fa un salto nel vuoto, nella speranza che solo quelle azioni, forti e rumorose, possano capovolgere una situazione di stallo che non potrerebbe a nulla di buono.

Se i Baby Boomers riusciranno nella loro grande impresa è un mistero che lascerò a voi scoprire. Una cosa però è certa: Mario Pacchiarotti ha creato un romanzo prezioso, che diverte, coinvolge e fa riflettere. Una storia che insegna tanto, ma senza avere l’ardore di porsi come un libro dalla morale rigida e pressante. Baby Boomers racconta un mondo che spero nessuno vorrà mai vedere con i propri occhi, un futuro orribile dove il rispetto e la libertà di opinione vengono calpestate in favore del potere, un ipotetico scenario così catastrofico da riuscire finalmente a risvegliare la fiamma della rivolta. Abbiamo bisogno che si arrivi a tanto per far risuonare la nostra voce?


Blogtour & Giveaway

1 TAPPA | 18 giugno
Lancio e inizio giveaway su Pagine Sporche
2 TAPPA | 20 giugno
I Personaggi su Aratakblog
3 TAPPA | 21 giugno ore 22:00
Video intervista Youtube di Leonardo Vannucci
4 TAPPA | 22 giugno
Nascita di una copertina, anzi due su Le Tazzine di Yoko
5 TAPPA | 23 giugno
Intervista all’autore su Il Piacere di Scrivere
6 TAPPA | 24 giugno
Scrittura ed editing di Baby Boomers” su La bella e il cavaliere
7 TAPPA | 26 giugno
Quella sottile distopia su GiuseppeMonea.com
8 TAPPA | 27 giugno
Recensione su Le Parole Segrete dei libri
9 TAPPA | 29 giugno
Chiusura giveaway su Pagine Sporche

Giveaway Baby Boomers

firma

Blog Tour “Alice Through The Looking Glass” di Alessia Coppola – 3ª Tappa – Estratti

13151793_1159273550795915_1267267037987027508_n

Buon pomeriggio Lettori!
Oggi giornata davvero piena, online e non solo… doppio salto carpiato per essere qui davanti al pc e condividere con voi l’articolo di oggi, ma per la mia cara Alessia Coppola si fa questo ed altro. Vi do quindi il benvenuto al terzo appuntamento del blog tour Aspettando “Alice Through The Looking Glass”, romanzo in arrivo per la Dunwich Edizioni, nonchè sequel del meraviglioso Alice from Wonderland (che sicuramente conoscerete se siete assidui frequentatori del blog). Come potevo dire di no alla condivisione di un estratto esclusivo da questo nuovo retelling?? Vi auguro buona lettura! Rimanete sintonizzati fino alla fine dell’articolo per importanti notizie sul primo vincitore del Giveway del tour! 😀

Alice from Wonderland
Estratto

cover-alice

Strinsi i documenti fra le mani e tremai. Avevo ragione: ero folle sul serio.La data risaliva a circa cinque mesi prima. Lessi attentamente ogni cosa, finanche i documenti che accertavano il mio affidamento ai Richardson, i quali si prendevano la responsabilità delle mie azioni.
Per il mondo ero pazza e per la mia presunta famiglia cos’ero?
Immaginai avessero fatto delle ricerche, dopo il mio ritrovamento. Riconoscevo il loro coraggio, però, in pochi avrebbero tenuto in casa una matta.
Ma lo ero sul serio? Perchè ero finita lì dentro?
Nulla. Non c’era scritto nulla.
Confusa, strappai i fogli. Posai di nuovo lo sguardo nel cassetto in cerca di cerini per bruciarli e notai un doppio fondo. Applicai una piccola pressione e il coperchio in legno scattò, sollevandosi a molla. Ci infilai le dita e lo alzai piano. Lì dentro c’erano banconote e monete. Centinaia e forse migliaia di stelline. Non le contai. Non so cosa mi prese, ma volevo andarmene e non avrei poruto far altro che mendicare se non avessi avuto qualche soldo con me. Non ci pensai più del dovuto. Afferrai una risma di banconote, riposi il coperchio e chiusi il cassetto.
Fuggii dalla stanza, lasciandomi dietro l’eco del mio rimorso. Tornai in camera, raccattai poche cose ed ebbi cura di portare con me il cappello di Edmund. Misi tutto in una borsa di tappeto e sgattaiolai attraverso la porta della cucina.
Nessuno si accorse della mia fuga.
Nessuno venne a cercarmi.
Fu così che vagai ancora.
Ma ero libera.

divider_zpsae4d5737

Alice Through The Looking Glass
Estratto in Anteprima

12963622_220841788281773_2712330770725305462_n***cover non definitiva***

Lawrence agitò un pugno e aprì il palmo, da cui si propagò una nuvola densa di vapore. Vi soffiò sopra e la polvere mi invase, impedendomi di vedere.
«Davanti a te hai quattro porte. Scegli quella giusta o sarà la morte.»
Stropicciai gli occhi con le mani, aveva ragione. Appena il fumo si dissolse, apparvero davanti a me quattro porte sospese nel vuoto. Ciascuna aveva inciso un seme delle carte: Picche, Fiori, Cuori e Quadri.
Lui fece un inchino e mi invitò a scegliere.
«Perché vuoi che scelga una di queste? Che ti succede, Law-rence?»
«Ti offro una sola possibilità e forse verrò punito per la mia magnanimità, ma… Prima che avverta la mia sovrana, prova a scegliere la via giusta e te ne andrai lontana.»


Ecco le tappe del Tour!

Calendario-tappe-blog-tour-Alice-throug-the-looking-glass

L’estrazione per il primo ebook è stata fatta, ma
per scoprire il nome del vincitore dovrete pazientare fino alla prossima estrazione!

firma

Blog Tour “Lastworld” di Samantha M. Swatt – 6ª Tappa – Intervista + Estratto

blogtout Lastworld

Buongiorno Lettori!
Quale modo migliore per cominciare la settimana, se non con un blog tour? Siamo in compagnia di Samantha M. Swatt e del suo ultimo figlio d’inchiostro, Lastworld, capitolo conclusivo della trilogia The Different Worlds. Per voi, miei adorati Lettori del blog, e per tutti coloro che stanno seguendo il tour sin dalla sua prima tappa, oggi è un appuntamento speciale: ho avuto il piacere di chiacchierare un po’ con Samantha su Lastworld e tante altre cose… Vi aspetta una ricchissima intervista e un piccolo assaggio di questo romanzo!
Alla fine del post troverete tutte le info per il giveaway che inizierà domani nell’ultima tappa del tour 😉 Mi raccomando, seguite tutte le regole perchè il premio è stupendo *_* Buona lettura!

Estratto

In quel preciso istante, col timore di non riuscire più a ritornare alla mia vita, avevo finalmente capito a chi volevo appartenere. Il solo pensiero di non rivederlo più mi faceva mancare l’aria. E poco importavano gli errori che aveva commesso, quelli che avevamo commesso entrambi, l’amore aveva fatto la sua scelta e non mi aveva nemmeno domandato il permesso. Ma non potevo ammettere ad alta voce ciò che provavo, specialmente non adesso. Dovevo restare lucida e vigile. Per di più, confessarlo senza neppure avere la certezza di poterlo stringere o essere stretta dalle sue braccia sarebbe stato senz’altro deleterio.
Forse la realtà era che per me, in un presente come il nostro, non c’era possibilità di ammissione. Forse il nostro amore era impossibile.
Al solo considerare quell’ipotesi, percepii il mio cuore sanguinare.
Dannazione. Perché dovevo scoprire cosa fosse l’amore proprio in un momento come questo, quando tutte le garanzie di assaporarlo erano solo un’utopia lontana?

Continua a leggere

Blog Tour “Noi ancora una volta” di Marie Therese Taylor – 4ª Tappa – Book Trailer

index

Buongiorno Lettori!
Avevo promesso che il blog avrebbe ripreso il suo corso alla grande, e quale miglior modo se non con un Blog Tour?? Oggi ospitiamo Marie Therese Taylor e il suo nuovo romanzo Noi ancora una volta. La mia tappa, a conclusione del viaggio virtuale di questa nuova storia d’inchiostro, sarà dedicata al book trailer… e sarà l’autrice stessa a parlarvene! Quindi mi faccio da parte e lascio la parola a Marie Therese e al suo romanzo!

Noi ancora una volta

Noi ancora una volta

E’ la storia di cinque amiche che si ritrovano tutti gli anni, lo stesso giorno, alla stazione Termini, al Caffè Trombetta, sino a che, all’ennesimo appuntamento se ne presenta una in meno, Margherita, la quale si trova in coma in ospedale.

Le altre, cercano di aiutarla a venirne fuori, facendole sentire musica e storie a lei familiari.Un po’ come nel Decamerone una delle ex ragazze detta il tema della giornata ,tema che le altre dovranno riempire con i loro ricordi, e con le musiche che copriranno gli spazi notturni

Francesca, la manager, single convinta e grande seduttrice, che però non può fare a meno di riflettere amaramente sul passare del tempo dirige la prima giornata, e sceglie come tema, gli anni della loro giovinezza, gli anni Settanta e Ottanta in cui andavano in una delle scuole piu prestigiose della capitale dove discutevano dei sogni e speranze di un’ intera generazione, convinta di poter cambiare il mondo, anche con la lotta armata.

Roberta, la pittrice è la protagonista detta il tema della seconda giornata :l’amore e l’eros, assieme a tutte le dinamiche che s’innescano quando si ama. Amori ammessi ,amori sopportati,amori ostacolati, dall`amore titubante cercato da chi sa che potrebbe essere l`ultima chanse , dall`amore tenero di chi ricorda il passato con ansia fino all`amore furioso di chi ha il coraggio di fare una scelta fuori dalle regole.

Angelica, l’insegnante, è in un momento particolare della sua vita perchè dagli atteggiamenti cambiati del marito dalla quantità di profumo con cui da qualche tempo si cosparge, dalla tintura stridente dei capelli capisce che i suoi peggiori sospetti si stanno concretizzando. Angelica non poteva quindi che dare come tema della quarta giornata il tradimento.
Il tema però viene affrontato in modo diverso dal solito dal paranormale all’ironico.

Infine Marie Therese che ha viaggiato il mondo in lungo ed in largo per finire nella sua adorata Versilia nella quarta giornata lancia il tema del confronto . Saranno confronti tra culture e generazioni diverse.

Grazie alle storie delle cinque donne il romanzo narra dell’Italia degli anni Ottanta del boom economico e delle Brigate Rosse ma anche l`Italia privata del Carnevale di Venezia, del sesso allegro, della Milano da bere. I ricordi di cinque donne che hanno passato la cinquantina, e hanno trascorso i loro anni di fulgore in maniera effervescente.

Ognuna di loro, quindi, prende in mano il proprio destino e decide di accettarlo o di cambiarlo, con quella caratteristica forza che ogni donna possiede.
Raccontando queste storie, le donne fanno anche una riflessione sulla loro vita, su quello che hanno ottenuto e su quello che sono diventate oggi


La parola all’Autrice…

La promozione di un libro è molto complicato perché occorre capire il target degli utenti a cui rivolgersi e soprattutto i canali su cui essere
presenti e con quali contenuti.
Vi parlerò di quello che ha funzionato per “Noi ancora una volta”: Il book trailer e uno dei tanti mezzi che le nuove tecnologie ci mettono a
disposizione per diffondere l’informazione sul nostro libro. Mi e stato più volte chiesto se un book trailer serva davvero, la mia risposta e che se si decide di editare un libro in un modo nuovo cioè di farne un ebook va anche pubblicizzato in modo diverso dal solito.
Il fatto che anche grandi editori e grandi scrittori utilizzino questo mezzo dimostra che una qualche utilità la riveste.
Pero il book trailer è sempre un problema perchè in poche immagini si deve catturare il senso del libro, io ne avevo fatto uno citando le
musiche del libro ,ma era risultato un pò piatto .
In passato avevo fatto dei book trailer per i miei romanzi storici e li era più facile perché l’ambientazione ,gli abiti sfarzosi, magari qualche
cavaliere su un cavallo bigio trasportavano subito il lettore nell’epoca di cui si doveva interessare.
Qui era tutto più complicato volevo anticipare le sensazioni che il lettore avrebbe avuto nel leggere. Poichè sono anche una gran lettrice oltre che scrittrice mi sono imbattuta nel trailer di un libro di Marco Trogi che illustrava un libro di fantascienza ,illustrare il domani era ancora più complicato del mio oggi, ma il suo book trailer dava perfettamente la sensazione di cio’ che lui voleva trasmettere.
Gli ho scritto siamo diventati amici e cosi ho potuto domandargli chi gli aveva realizzato il trailer.
Marco mi rispose che lo aveva fatto da solo e che avrebbe potuto aiutarmi a costruirne uno mio. Lesse il mio libro discusse a fondo con me se volevo esaltare più la parte erotica dei racconti o l’affiatamento e l’empatia che correva tra le protagoniste. Così siamo arrivati al trailer che puoi vedere.
La sensazione che volevo dare era quella dell’immagine salvifica dell’amicizia. I Social network ci dobbiamo essere ma quale utilizzare?
Quello che dovete fare è tentare su tutti e analizzare il ritorno, tentare ovviamente sul principale ovvero Facebook sponsorizzando un post oppure essere presente sui portali influenti come Goodreads o Anobii (e per i più giovani Wattpad).

Marie Therese Taylor

divider_zpsae4d5737

L’Autrice

Figlia di un pittore irlandese e di una cantane francese nasce e studia a Roma dove i genitori risiedono dagli anni cinquanta.
Giovanissima inizia a fare la giornalista corrispondente di pezzi di colore nei paesi endemicamente in conflitto, sposa un collega che viene ucciso in un`azione di guerra.
Dopo aver assistito alla lapidazione di una ragazzina abbandona il mestiere di corrispondente per darsi alla scrittura di romanzi ambientati in quei paesi.
Piena di ammiratori di ambo i sessi non gli si riconoscono legami stabili.
Ha vissuto per un lungo periodo tra la Versilia e le alpi apuane
Attualmente vive in Australia dove passa il suo tempo tra la scrittura e l`invenzione di nuove iniziative imprenditoriale.

divider_zpsae4d5737

CONTATTI

Mail: marieteresetaylor@gmail.com
Blog : http://marietheresetaylor.blogspot.it/
Facebook: https://www.facebook.com/marietheresetaylor
Google+ : https://plus.google.com/u/0/b/103667088865131778663/+MarietheresetaylorBlogspotIt1
Twitter: @mariethereseta1

Blog Tour “Beauty and the Cyborg” di Miriam Ciraolo – 3ª Tappa – Intervista

blog tour

Buongiorno Lettori!
Torna anche oggi a trovarci Beauty and the Cyborg! Sono sempre felice di poter dare spazio ad autori e autrici che lo meritano, e Miriam Ciraolo è sicuramente fra questi ♥ Per questo incantevole blog tour organizzato da Miriam, ho avuto il piacere di poter chiacchierare direttamente con lei (non che non lo faccia già quasi ogni giorno eheheh) sulla sua esperienza nel creare il mondo di Bellatrice e dare vita alla sua storia!

Alla fine della tappa troverete tutte le informazioni per partecipare al Giveaway legato al tour!!! Una copia cartacea e una digitale del romanzo in palio, io non me lo lascerei sfuggire, fossi in voi 😉

Beauty and the Cyborg

ciraolo

E se questa storia iniziasse con: 
C’era una volta l’elettricità? 
Il Nido di Spine è una cittadina francese dove la corrente elettrica non scorre più come un tempo. Dopo una guerra chiamata “Nuova Notte” gli equilibri mondiali sono cambiati e i continenti sono stati messi in ginocchio dai Cyborg, esseri privi di anima che torturano innocenti. 
In un mondo dove la parola scritta è vietata e gli esperimenti elettrici sono punibili con la morte, si muove la ricercata Bellatrice Sparks. 
Lei sa leggere, sa scrivere e dal giorno in cui ha fatto funzionare una torcia elettrica nella sua città, è costretta a fuggire per salvaguardare la sua famiglia. 
Rapita dai trafficanti di schiave viene venduta ai sovrani di Elettra. Ma in un castello dove l’elettricità pulsa ancora un essere ignoto si aggira nell’ombra. Per fronteggiare l’enigmatica creatura e per riabbracciare la sua famiglia, Bellatrice dovrà sottrarsi agli inganni della proibita e misteriosa Ala Ovest del castello. 
Ma deve fare molta attenzione, cosa si cela dietro la maschera dell’odio? 
Continua a leggere