ANTEPRIMA: Underworld di Samantha M. Swatt

Buona sera a tutti!
Oggi doppio articolo, un po’ di lavoro extra per presentarvi un altro romanzo che ha attirato la mia attenzione 😉

Underworld

10245313_228427124022110_6398974186576665488_nTitolo: Underworld (Different Worlds, #1)
Autrice: Samantha M. Swatt
Editore: Self-Publishing, Amazon
Genere: Urban Fantasy
Prezzo Ebook: € 2,99 €

Sinossi:
«Chiunque, sotto la superficie, custodisce un segreto.» Il Caledon College Institute è il college privato più ambito e facoltoso di tutta la Pennsylvania. Entrarci, infatti, non è così semplice. Holly Williams, vent’anni, ha avuto il privilegio di farne parte. È un anno, difatti, che la ragazza, dopo aver superato un difficile test di ammissione, studia per diventare giornalista all’istituto. Regole ferree, disciplina esemplare, modi impeccabili e grande voglia di apprendere, questo è il clima che si respira al campus. Nulla di meglio per Holly, la quale, a causa del suo travagliato passato, non desidera altro che una vita tranquilla, al contrario della sua compagna di stanza, Elisabeth Townsend, ragazza dal carattere estroverso e con il sorriso perennemente stampato in faccia. Quando, però, il nuovo anno apre i suoi cancelli ai nuovi studenti, l’esistenza di Holly è destinata a sprofondare nell’abisso. La sua vita non sarà mai più la stessa. Cosa sono le voci che sente tutte le notti? A chi appartengo le ombre che scorge nei corridoi del dormitorio? E, soprattutto, perché quando perde il controllo accadono cose inspiegabili? Queste e molte altre sono le domande a cui Holly non riuscirà a dare una risposta. Di certo, non da sola.
Tensione, paura, segreti da svelare, coincidenze inspiegabili. Legami del tutto inaspettati si formeranno, altri si rafforzeranno. Un gioco pericoloso che, lentamente, porterà Holly a scoprire che c’è qualcosa di sinistro nascosto tra le mura di quel college.

Estratto

Ricordai quello che era successo in bagno, pochi istanti prima; la conversazione rapida e piuttosto ambigua tra Michael e Brian. Soprattutto, però, ricordai il vento, i fulmini e la pioggia.
Il cielo quieto si era trasformato in tempesta; la brutalità del vento aveva distrutto le finestre del bagno, scaraventando Brian a terra.
Un brivido mi percorse la schiena, facendomi raggomitolare nel letto. Una verità, forse troppo orribile e viscerale, mi si parò davanti agli occhi: la causa di quello che era successo, ero io.

Book Trailer

L’Autrice

10292202_227262150805274_2354061994029481391_nSamantha M. Swatt è nata nel lontano Maggio 1989 e vive in una piccola città della provincia di Milano. Scrive da quando è piccola; ha cominciato per gioco, per evadere un po’ dalla realtà, e poi non si è più fermata. Il suo più grande sogno è quello di pubblicare un proprio romanzo. Scrivere le consente di viaggiare con la fantasia, di creare un mondo nuovo, migliore anche, in cui perdersi e far perdere i suoi lettori. Lettrice vorace e blogger per diletto, oltre che grafica a tempo perso e per passione. Ha una vita tranquilla, scandida da un lavoro semplice e da simpatiche chiacchierate e divertenti uscite con la sua migliore amica. Adora il colore viola e quello blu, appassionarsi ad una serie televisiva o ad un film strappalacrime; le rose blu e le peonie bianche. Colleziona minerali, candele e va matta per i peluches. Non venderebbe uno dei suoi libri neanche per tutto l’oro del mondo. È una ragazza a cui piace sognare, ma ha i piedi ben piantati a terra.

Link per l’acquisto: UNDERWORLD

Facebook | Twitter | Sito ufficiale

Fantasy, Mistery, Thriller, Horror, Romance… tutto in un solo romanzo! Cosa chiedere di più?

firma

BlogTAG: Social Media Book Tag

BLOG TAG

Buongiorno Lettori!
Ormai il web riesce a creare video/blog tag su qualsiasi cosa… oggi ve ne propongo uno molto simpatico dedicato ai social più affollati del mondo! Premetto di aver trovato online varie versioni di questo tag e, come al solito, ho creato una mia versione con le domande che mi piacevano di più di una e dell’altra versione XD

Per la prima volta fra Le Parole Segrete dei Libri, questo post sarà in collaborazione con la mia fantastica mamma, che dietro mia tortura si è sottosta a questo tag <3


TWITTER
Un libro che vuoi condividere con il mondo

Mamma Lettrice sceglie…

Lettera a un bambino mai nato
di Oriana Fallaci

Perchè, pur essendo stato scritto nel 1975, è un romanzo attualissimo, con temi importanti come aborto, famiglia e amore!

Solo chi ha pianto molto può apprezzare la vita nelle sue bellezze, e ridere bene. Piangere è facile, ridere è difficile.

 FACEBOOK
Un libro che ti hanno insistentemente consigliato di leggere

Mamma Lettrice sceglie…

I Promessi Sposi
di Alessandro Manzoni

Perchè non riuscirete mai a trovare un romanzo che insegna l’arte della scrittura come questo meraviglioso grande classico.

Il nostro Abbondio, non nobile, non ricco, coraggioso ancor meno, s’era dunque accorto, prima quasi di toccar gli anni della discrezione, d’essere, in quella società, come un vaso di terra cotta, costretto a viaggiar in compagnia di molti vasi di ferro.


TUMBLR
Un libro che hai letto prima che diventasse un fenomeno

Mamma Lettrice sceglie…

Il Nome della Rosa
di Umberto Eco

Ho avuto la fortuna di leggerlo prima che ne fosse tratto il film, un romanzo stupendo!

Il sapere non è come la moneta, che rimane fissamente integra anche attraverso i più infami baratti: esso è piuttosto come un abito bellissimo, che si consuma attraverso l’uso e l’ostentazione. Non è così infatti il libro stesso, le cui pagine si sbriciolano, gli inchiostri e gli ori si fanno opachi, se troppe mani lo toccano?


MYSPACE
Un libro che non pensi di rileggere

Mamma Lettrice sceglie…

Madama Sbatterfly
di Luciana Littizzetto

In realtà non solo questo, ma qualsiasi libro comico: una volta lette, le battute non mi fanno più ridere tanto come la prima volta 🙂

Ho deciso che non dico più le parolacce. Dico acciderbola, diamine, ammappalo, non mi far girare i bombastic e Vaffan. Vaffan lo dico perché proprio non si può. Per me vaffan è come il cellulare: non esco mai senza.


INSTAGRAM
Un libro che vale la pena di comprare solo per la bellissima copertina

Lettrice Segreta sceglie…

In questo caso sono io a consigliarvi un libro, dato che la mia mamma non bada moltissimo a queste cose 😉 Dato che io sono molto generosa, non vi consiglierò solo uno, ma tanti romanzi… Cliccando qui troverete una top ten dedicata alle DIECI COVER CHE INCORNICEREMMO COME OPERE D’ARTE.


YOUTUBE
Un libro che speri divenga un film

Mamma Lettrice sceglie…

L’Inferno
di Dante Alighieri

Servendosi di tutte le tecnologie moderne in campo cinematografico, penso che un buon regista riuscirebbe a creare un capolavoro senza precedenti.

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura
esta selva selvaggia e aspra e forte
che nel pensier rinova la paura!

 SKYPE
Un libro con i personaggi con cui vorresti parlare al posto di leggere solamente le loro avventure

Mamma Lettrice & Lettrice Segreta scelgono…

Harry Potter
di J.K. Rowling

Avevate qualche dubbio?? Dai, sapevate che avrei scelto il mio magheto preferito!
La cosa più bella è stata contagiare mia madre in questi anni e renderla una super fan (non quanto la sottoscritta, ma quasi) della serie!

Non provare pietà per i morti, Harry. Prova pietà per i vivi e soprattutto per coloro che vivono senza amore (Harry Potter e i Doni della Morte)


GOODREADS
Un libro che consiglieresti a tutti

Mamma Lettrice sceglie…

Il razzismo spiegato a mia figlia
di Tahar Ben Jelloun

Un dialogo ricco di valori e sentimenti che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita!

Il rispetto è essenziale. D’altra parte la gente nn pretende l’amore, ma di essere rispettata nella sua dignità umana. Rispettare vuol dire sapere ascoltare. Vuol dire avere riguardo e considerazione. Lo straniero nn reclama amore e amicizia, ma rispetto. L’amore e l’amicizia possono venire dopo, quando ci si conosce meglio e ci si apprezza. Ma in partenza nn bisogna avere alcun giudizio preconcetto. Invece il razzista si sviluppa grazie ai pregiudizi sui popoli e sulle loro culture.

Sono davvero contenta di aver avuto un’ospite così speciale oggi <3 Grazie mamma 😀
Noi ci rivediamo questa sera con una nuova segnalazione libresca!!!

firma

ANTEPRIMA: Il Fuoco dell’Eares di Clio JB

Buongiorno miei affezionati lettori!
Ormai le anteprime stanno diventando un piacevole appuntamento sul blog e ne sono molto contenta: vi presento un nuovo romanzo, nato dalla mente creativa di Clio JB

Il Fuoco dell’Eares

Cerchio cop xcartaceoTitolo: Il Cerchio di Numen – Il Fuoco dell’Eares
Autrice: Clio JB
Editore: Self-Publishing, Amazon
Genere: Urban Fantasy
Prezzo Ebook: € 2,05
Prezzo Cartaceo: € 9,68

Sinossi:
Alex è una venticinquenne convinta di essere una ragazza come tante, timida e maldestra con i ragazzi e perennemente insoddisfatta di sé. Dopo la morte dei suoi genitori, per lei un nuovo inizio, un nuovo lavoro; una sorellina tutto pepe da tenere sempre lontana dai guai; un’anziana zia un po’ troppo protettiva e la sua eccentrica amica Lucy sempre pronta a darle una mano. Durante una festa, le sue labbra incontrano quelle di un irresistibile sconosciuto, travolta da una passione, che nasce da un antico legame che origine tra le pieghe del tempo, scoprirà che sarà il suo nemico colei che più desidera. Dovrà affrontare un passato dimenticato che torna con i suoi fantasmi bramosi di vendetta, su colei che diverrà L’Eares: custode di un potere divino che dominerà il destino degli uomini. La sola in grado di formare il nuovo Cerchio di Numen, al suo fianco avrà un esercito proveniente da un altro mondo, pronti a sacrificare la propria vita per lei. Alex sarà disposta ad accettare questa grande responsabilità e a sacrificare quello che ha di più caro, la sua famiglia per salvare il destino di due mondi?

Estratto

(Prologo)

Il fuoco esplose selvaggio avvolgendo tutto nel suo tremendo abbraccio; una magica melodia di morte che in un attimo dissolse ogni rumore con il fracasso più assordante, cancellò ogni dolore con il più lancinante e fermò la realtà in una bolla trasparente in cui il tempo non scorreva più.

«Tu sei… Mia!».

Inutile lottare, oramai non c’era più nulla per cui valesse la pena di vivere: aveva fallito. Chiuse gli occhi e lasciò che le sue braccia smettessero di stringere quel corpo a cui si era aggrappata. Perché lo stringeva? Non ricordava chi fosse, non sapeva nemmeno perché si trovasse lì in quel momento. Il calore era esploso dentro di lei non appena… Quando?

Non aveva più alcuna importanza ormai, se ne stava andando: i battiti nel petto erano deboli… Uno. Due. Tre. Quattro?

E poi più nulla.

L’Autrice

20140621_132734Clio J.B. cittadina del mondo, ha scoperto l’amore per la scrittura all’età di 16 anni quando tra i banchi di scuola il passatempo preferito era trasformare il diario per i compiti a casa, la “ Smemo” in vere e proprie opere d’arte. Oltre alle figure ammiccanti di Johnny Deep e Di Caprio, Clio aveva pagine e pagine dedicate alle storie che inventava tra una lezione e l’altra, storie nelle quali scatenava la sua fantasia di teenager in cui spesso appariva come protagonista. Nella sua vita, come in quella della protagonista del suo romanzo ha dovuto soddisfare i capricci del destino, fino a quando un giorno di parecchi anni dopo, ritrovata la sua “Smemo” ormai impolverata e rileggendo quelle righe sente nel cuore riaccendersi quella fiamma che le gridava intensamente allora come oggi, che c’erano mondi che aspettavano di essere creati e storie d’amore che aspettavano di essere vissute.

Ma solo quando conobbe lo “scrittore e Barman” Diego G., un amico che le ha fatto capire che poteva provarci, che la passione per la scrittura non aveva confini , ha deciso di riprendere in mano la penna e lasciare andare la mente alle storie fantastiche che adora scrivere e inventare, dividendosi tra famiglia, lavoro e Scrittura.

 

Link per l’acquisto: IL FUOCO DELL’EARES

Pagina Facebook Ufficiale | Sito dell’Autrice

Pronti ad entrare nel Cerchio di Numen anche voi? 🙂

firma

 

#RainbowReadAThon – La mia TBR

Buongiorno a tutti!
Come vi avevo anticipato qualche giorno fa sulla pagina facebook, ecco finalmente l’articolo di presentazione della #RainbowReadAThon!

Pronti a capire di cosa si tratta?

La #RainbowReadAThon è una maratona libresca lanciata da thebookishgirl su instagram!
Consiste nel leggere sei romanzi in un periodo di tempo abbastanza limitato, dal 2 al 9 agosto. Le coste dei romanzi scelti devono formare un arcobaleno.

I colori fra cui scegliere sono 6 (e non 7 come nell’arcobaleno classico, ma non ci importa) 😉
ROSSOARANCIONEGIALLOVERDEBLUVIOLA

*Rullo di tamburiiiiiii* Questa è la mia (folle) TBR:

TRB completa

ROSSO: Gli eredi di Atlas di Veronika Santiago
ARANCIONE: Il Seggio Vacante
di J.K. Rowling
GIALLO: Dieci Piccoli Indiani
di Agatha Christie
VERDE: L’Orda del Vento
di Alain Damasio
BLU: Le Parole Segrete
di Joanne Harris
VIOLA
: Cime Tempestose di Emily Brontë

Come ho scritto sul gruppo facebook dedicato alle maratone libresche (qui per iscrivervi), la mia #RainbowReadAThon si è trasformata in un’impresa titanica XD
Sono ben 2540 pagine, quasi impossibili da leggere in 8 giorni… tuttavia cercherò di leggere il più possibile! Nella speranza che questo “blocco del lettore” mi passi completamente 🙂

Ho cercato di scegliere romanzi appartenenti a generi diversi fra loro e credo proprio di essere riuscita a creare un buon assortimento! Durante i giorni della maratona scriverò dei brevi post di aggiornamento, per farvi sapere come procedono le mie letture e come va la gara! E’ la prima volta che faccio una cosa del genere e non vedo l’ora di mettermi alla prova!
Fatemi sapere se parteciperete anche voi a questa iniziativa 😉

firma

ANTEPRIMA: Tutta colpa del mare di Chiara Parenti

Buongiorno a tutti e buon inizio settimana!
Oggi ho l’onore di presentarvi il primo romanzo di Chiara Parenti scelto dalla Rizzoli per la loro nuova collana digitale YouFeel, una storia romantica e divertente, da leggere sotto l’ombrellone!

Tutta colpa del mare
(e anche un po’ di un mojito)

tutta-colpa-del-mare-chiara-parentiTitolo: Tutta colpa del mare
Autrice: Chiara Parenti
Editore: Rizzoli
Genere: Romantico – Ironico
Prezzo: €2,49

Sinossi:
La vita di Maia Marini procede a vele spiegate verso la felicità: un fidanzato appartenente a una prestigiosa famiglia, un lavoro presso una delle più rinomate agenzie di comunicazione di Milano, tre amiche splendide con cui trascorrere il weekend per festeggiare l’addio al nubilato di Diana, la futura cognata! Peccato che la meta prescelta sia la Versilia, dove Maia ha passato le vacanze fino all’estate dei 16 anni. Ritornare nei luoghi in cui ha lasciato il cuore e rivedere Marco, il primo amore, la manda in tilt. Così decide che qualche mojito non potrà farle male… e anzi l’aiuterà. Il mattino dopo, però, Maia non ricorda niente. Non ha idea di cosa abbia combinato durante quel folle venerdì notte. In compenso, però, lo sanno i suoi 768 amici di Facebook. Cercando di ricucire una situazione compromettente e compromessa in ogni settore della sua vita, Maia si troverà a porsi una domanda fondamentale: e se invece che la fine di tutto, fosse solo un nuovo inizio? Perché se è vero che l’alcol fa fare pazzie, è altrettanto vero che a volte aiuta a fare la cosa giusta!

Incipit

(un regalo di Chiara per Le Parole Segrete dei Libri)

«Raga, devo fare la pipì.»

Siamo in macchina da nemmeno un’ora quando Gaia implora un’altra sosta. Non ho ancora ben capito dove siamo dirette, ma di questo passo non arriveremo mai.

Diana per fortuna la ignora, intenta a sorpassare una station wagon stracarica. È la tipica auto della famiglia media italiana che parte per le vacanze. Ci sono tutti: padre, madre, due bambini, nonna e cane in bauliera, incastrato tra valigie, fagotti, ombrellone e borsa frigo. Il tettuccio è occupato da una specie di cassa da morto che, a giudicare dalle dimensioni, probabilmente contiene il nonno.

«Oh, ma che palle! E fatti controllare ‘sta vescica!» aggiunge Margherita dal sedile posteriore, che rimbrotta la cugina di Diana con i suoi soliti modi Oxford-style.

«Dai, al prossimo autogrill ci fermiamo!» Diana lancia un’occhiata dallo specchietto retrovisore e soffia via dal viso i ciuffi di tulle bianco che le penzolano sulla testa come un velo. Li fisso e mi accorgo che fanno pendant con l’esplosione di cuoricini luccicanti che formano la scritta «Keep calm and marry on!» della maglietta che indossa, regalo di Gaia prima di partire.

Tra poco meno di un mese la mia migliore amica sposerà Luca, il figlio del custode del suo palazzo, con cui pare sia sbocciato un amore improvviso e travolgente otto mesi fa. Secondo Margherita, è nato solo per fare un dispetto a sua madre, con la quale Diana non ha un buon rapporto. In effetti lei è sempre stata un po’ ribelle. A diciotto anni se n’è andata di casa per girare l’Europa alla ricerca di se stessa, senza riuscirci, ovvio. Dopo un anno è tornata a Milano.

Di colpo mi scruta dubbiosa, i capelli biondi sono corti, le punte sparate. «Guarda, Maia Marini, che poi devi mettere anche tu la maglietta con la scritta “Amica della sposa”, eh!»

Scuoto la testa inorridita. «Scordatelo, io non mi metterò mai quella roba!» esclamo buttando un’occhiata alla sua come se fosse fatta di bava di lumaca.

Okay, io non sono fatta per queste cose. Insomma, non abbiamo più diciassette anni. A trentadue devi pensare a costruirti un’immagine credibile, seria, professionale. Non puoi perdere due giorni di lavoro per andare a ballare o a fare un po’ di casino, non so bene dove. E poi, se mi vedesse Lapo con quella maglietta indosso gli verrebbe un colpo. Se mi vedesse sua madre, poi, la incendierebbe con il raggio laser che ha in dotazione al posto degli occhi.

Atena Salvi Chiurazzi è la madre di Lapo, mio fidanzato da cinque anni, e di Diana. «Madre», come l’abbiamo soprannominata io e lei, è l’erede delle famose Industrie Chiurazzi, che producono riso e tutti i suoi derivati: piatti pronti a base di riso, snack di riso, prodotti da forno a base di riso, condimenti di riso. Diana non ha mai voluto saperne di occuparsi dell’azienda di famiglia, così suo fratello, subito dopo la laurea in Economia, ha preso in mano le redini delle Industrie Chiurazzi, che oggi conduce insieme al padre Enzo e allo zio Paolo, il marito di Selene Salvi, madre di Gaia e sorella di Atena.

Sì, lo so, sembra di essere in Beautiful alla Forrester Creations! E sì, esatto, tutte le donne della famiglia Salvi, a partire dalla mitica nonna Olimpia, un goblin nel corpo della tenera nonnina di Gatto Silvestro, portano il nome di una dea della mitologia greco-romana. Atena, Selene, Gaia e Diana. Probabilmente, se mai un giorno io e Lapo dovessimo avere una figlia, la chiameremo Minerva. E partorirò gridando: «Grifondoro!».

«Pensi di andare avanti così per tutto il giorno?» Il rimprovero di Diana, che mi scruta con un sopracciglio sollevato, mi riporta al presente. Non capisco perché mi guardi in quel modo, voglio dire: che male c’è a sfruttare i tempi morti come un viaggio in macchina portandosi avanti con il lavoro. Insomma, ormai nessuno fa più una cosa per volta. C’è chi twitta mentre invia un fax o chi manda una email mentre beve un caffè, o chi va in bagno mentre parla al cellulare. Okay, questo forse sarebbe meglio evitarlo, ma adesso non venite a dirmi che non lo avete mai fatto.

Insomma, siamo tutti multitasking: questa è la verità. Ottimizzare il tempo a disposizione oggi è una questione di pura sopravvivenza. Per esempio, al momento io sto mandando una email dall’iPad per coordinare il servizio fotografico per l’inaugurazione del nuovo autosalone fissata per mercoledì, con l’altra mano sto rispondendo a un sms di mia madre che mi domanda, curiosa, se sono ancora viva, e con l’altra mano ancora sto parlando al telefono con il mio capo.

Okay, scherzo! Ho l’auricolare. Quando però Gaia minaccia di fare la pipì in macchina se non ci fermiamo, riduco a icona i miei pensieri e scendo nel parcheggio dell’autogrill, insieme ad altre tre o quattrocentomila persone che hanno avuto la stessa idea geniale delle mie amiche.

Book Trailer

L’Autrice

3 A parlarvi è Chiara in persona:

“Sono arrivata sul vostro pianeta 34 anni fa e ci sto molto volentieri. Sono giornalista e addetta stampa, ma lavoro anche con i libri che mi piacciono tantissimo. Abito a Carraia-County, una spolverata di casine tra i campi e l’A11, in provincia di Lucca. Sono brava a fare la raccolta differenziata, adoro contare gli scalini, odio il cetriolo che si ostinano a mettere dentro il Big Mac e stramaledico le pulizie di primavera. La settimana in cui ho lavorato come rappresentante di aspirapolvere è stata la più terrificante della mia vita.
Dotata di almeno 45 personalità diverse che albergano allegramente nella mia testa, adoro scrivere storie, per poter dar voce a ognuna di esse. Ho un Topino Adorato, una Lady Gaga come gatto, e scrivo cose buffe su un blogghino che si chiama Il Giardino d’estate, che aggiorno con una cadenza giornaliera. Cioè settimanale. No, forse quindicinale. Insomma, ogni volta che me lo dicono le vocine nella mia testa”

 

Io mi sono ufficialmente innamorata di questa autrice, e voi?
firma

Fantasia o realtà? SOLUZIONI

Buona sera miei cari!
È arrivato finalmente il momento di svelare le risposte al quiz di domenica scorsa. Lo ammetto: sono stata davvero cattiva, ho creato delle spiegazioni “plausibili” anche alle info false.
Ci sarà almeno un vincitore? Scopriamolo subito 😉

1. Ho una paura terribile dei piccioniMe ne vergogno molto, ma è VERO!

2. Mi piace molto la birra Diversamente da quello che molti di voi hanno pensato è FALSO, non mi piace proprio 🙁 troppo amara!

3. Non so andare in biciclettami vergogno anche di questa cosa, che è VERA!

4. Quando ero piccola ho fatto per tanti anni nuoto VERO

5. A Carnevale non mi sono mai travestita da principessaVERO

6. Non sopporto Lady OscarVERO (l’ho sempre detestata) 😛

7. Uno dei miei più cari amici è omosessualeVERO e lo adoro con tutto il cuore <3

8. Non ho mai letto nulla in una lingua che non sia la miaFALSISSIMO (mi piace tantissimo leggere in inglese)

9. Quando finisco un libro che non mi è piaciuto lo regalo a qualcuno o lo rivendo online FALSO, tengo tutti i libri che leggo (anche quelli che non mi sono piaciuti) perchè rimangono un ricordo del periodo della mia vita in cui li ho letti.

10. Ricevo sempre tantissimi libri come regalo al mio compleanno da parte dei miei amiciCon mio grande rammarico vi dico che è FALSO, l’unica persona che mi regala libri al mio compleanno è la mia meravigliosa mamma, nessun altro! Non chiedetemi perchè, non saprei darvi una risposta 🙁

sidebardividerDopo aver controllato le vostre risposte posso dire che il vincitore del gioco è…

NESSUNO

Sono stata davvero cattivella, non mi aspettavo che qualcuno indovinasse! Prometto che, se dovesse tornare il premio da queste parti, sarò più buona 😉

Alla prossima <3

firma

Torneo Trelibri – PRIMA PROVA

torneo logo ufficialeBuongiorno lettori!
Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno della PRIMA PROVA del nostro Torneo. Quanti di voi si sono chiesti a quale difficile gara sarebbero stati sottoposti i nosti tre campioni? Bene, è arrivato il momento di scoprirlo!

In tanti ricorderete la prova creata dalla Rowling: recuperare l’uovo, protetto da un terribile drago, che contiene un indizio senza il quale non si può superare la prova successiva. Non troverete draghi o uova d’oro, ma un indizio… quello si!

Un piccolo stralcio della storia, una pagina speciale che secondo il sociologo canadese Marshall McLuhan può svelarci molto dello stile dell’autore e di ciò che andremo a leggere nel corso del romanzo: la pagina 69.
Metteremo sotto esame questa fantomatica pagina per tutti e tre i romanzi, e daremo loro un voto! Avete letto bene: daremo! Perchè nei commenti mi piacerebbe vedere i vostri voti e cosa ne pensate di questi piccoli estratti dai romanzi 🙂
Inoltre vi lascio in fondo al post un veloce sondaggio dove potete indicare la pagina che vi ha colpito di più (giusto per capire a grandi linee quale romanzo si trova in prima posizione in questo momento)!
Pronti a leggere?

Una piccola doverosa precisazione prima di cominciare:

Sia io che Chiara stiamo leggendo i tre romanzi in formato ebook, motivo per il quale le pagine non corrispondono a quelle del cartaceo. Abbiamo cercato in vari modi di reperire le tre pagine originali, ma la Dea bendata non ci è stata particolarmente vicina. Abbiamo girato mille librerie e i libri erano sempre “da ordinare”, quindi non potevamo vedere il cartaceo! 🙁 La prossima volta ci organizzeremo meglio, questo è certo! Le prime edizioni sono sempre di rodaggio!
Troverete la pagina 69 cartacea solo del Trono di Ghiaccio, l’unica che sono riuscita a reperire tramite una mia amica che lo aveva a casa (Mari ti adoro ❤).

L’estate dei segreti perduti

E. Lockhart
(ebook)

Se digito su Google “danno cerebrale post-traumatico”, la maggior parte dei siti menziona l’amnesia selettiva come una delle conseguenze. Non è insolito per chi ha subito un trauma cerebrale non ricordare determinate cose. Il paziente potrà non essere in grado di ricostruire una sequenza coerente del trauma.
Ma io non voglio che la gente pensi che sono ridotta così. Dopo tutte le visite, le analisi e le medicine. Non voglio essere etichettata come una persona affetta da disabilità.
Non voglio assumere altri farmaci. Basta con i medici, con i professori preoccupati. Dio solo sa quanto sono stufa di vedere dottori.
Quello che ricordo dell’estate dell’incidente: la scoperta di essere innamorata di Gat sulla soglia della cucina di Redgate House. Il fiore essiccato spedito a Raquel, la notte passata a ubriacarmi, in preda alla disperazione.
Il mio comportamento normale. I gelati, le partite a tennis. Ricordo il picnic attorno al falò e lo sfogo di Gat quando gli abbiamo detto di piantarla.
La nuotata notturna.
Il bacio in soffitta.
Il nonno che mi racconta la storia dello stadio, io che lo aiuto a scendere le scale.
Io e Gat sullo pneumatico; nello scantinato; sul sentiero…

2013LockhartBlueLowRes

E. Lockhart

COSA NE PENSO: Se mi seguite su facebook saprete che questo è l’unico libro del troneo che ho letto fino ad ora (in realtà lo sto ancora leggendo). Fino ad ora il libro mi sta piacendo abbastanza, ma non quanto mi aspettassi. Non mi ha preso tantissimo, forse perchè nel complesso ho letto decisamente poco e non sono ancora ad un reale punto di svolta della trama.
Ma limitiamoci a parlare di questa pagina. La protagonista sta ripercorrendo la sua estate numero 15, tutto sommato è una semplice enumerazione di eventi, cosa che in raltà è stato così fino a questo momento. Dei momenti che in realtà lei non ricorda grazie a se stessa ma che le sono stati riportati dalla madre dopo l’incidente.
Quello che trovate qui è un mini riassunto di ciò che avrete già letto nelle 68 pagine precedenti.
VOTO: un po’ deludente, spero migliori… 6/10

 Il Trono di Ghiaccio

Sarah J. Maas
(cartaceo)

— La biblioteca. — Queste due parole ebbero l’effetto di una folgorazione.
— La… — Guardò le due maniglie di ferro a forma di artiglio. — Possiamo entrare?
Il capitano della guardia aprì le porte con riluttanza, i forti muscoli dorsali si tendevano mentre spingeva con tutte le sue forze il legno di quercia consumato dal tempo. Arrivando dal corridoio illuminato dal sole, l’interno che si trovarono davanti sembrava buio pesto, ma appena entrò Celaena vide i candelabri, i pavimenti di marmo bianco e nero, i grandi tavoli di mogano con le sedie di velluto rosso, un fuoco assopito, balconate, passerelle, scale, ringhiere e libri, libri ovunque.
Era entrata in una città fatta interamente di carta e cuoio. Si portò una mano sul cuore. Al diavolo le vie di fuga! — Non ho mai visto… quanti volumi ci sono, qui?
Chaol alzò le spalle come se non sapesse il numero preciso
. — L’ultima volta che qualcuno si è preso la briga di contarli, erano un milione. Ma è stato due secoli fa. Io azzarderei anche di più, specialmente se è vera la leggenda secondo cui ci sarebbe una seconda biblioteca più sotto, nelle gallerie sotterranee.
— Più di un milione? Un milione di libri? — Il suo cuore esultava e le scappò un sorriso. — Morirei anche solo per leggerne la metà!
— Ti piace leggere?
Lo guardò stupita. — Perché, a voi no? — Senza aspettare la
risposta, si addentrò nella biblioteca, con lo strascico della gonna a spazzare il pavimento. Si avvicinò a uno scaffale e cominciò a scorrere i titoli. Non ne conosceva nessuno.
Raggiante, si girò e perlustrò l’intera sala, facendo scorrere la mano su quei tomi polverosi
.

Sarah

Sarah J. Maas

COSA NE PENSO: Sto leggendo questa pagina insime a voi per la prima volta e… che meraviglia!!! Provate ad immaginare questa scena nella vostra mente: da lettrice innamorata e appassionata come sono, provo quasi una certa invidia per Calaena! Oltre un milione di libri, storie incredibili tutte da scoprire 🙂
Parlando un pomeriggio con Chiara, mi disse (testuali parole) “non riesco a staccarmi dalla lettura del Trono di Ghiaccio”! Ma quanto sarà bello questo romanzo?? Non vedo l’ora di leggerlo 😀
VOTO: Davvero emozionante 8,5/10

Le nove chiavi dell’Antiquario

Martin Rua
(ebook)

Non potevo rifiutare ancora però, altrimenti si sarebbe insospettita troppo, così presi tempo. «Mettila qui sul comodino, la berrò fra un attimo».
Arti fece come le dissi, anche se sembrava poco convinta. «Ti senti meglio comunque?»
«Sì, ma ho ancora nausea, ecco perché voglio aspettare a berla».
Lei mi guardò per un istante in un modo strano, come se volesse capire se stessi mentendo. «Ok, prendila però, ti aiuterà anche per la nausea. Io sono nello studio, ti raggiungo fra poco».
«Fai con comodo». Appena se ne fu andata gettai uno sguardo alla tazza come se fosse un oggetto alieno. Avevo pensato immediatamente di buttare via il contenuto, ma qualcosa mi trattenne. Mi ritornarono alla mente le parole di Anna.
“La sua abitazione ha mille occhi”.
Possibile che ci fossero davvero telecamere nel mio appartamento? Che ogni mio movimento o parola fossero spiati?
Ormai ero in preda a quei pensieri ossessivi e non riuscivo a liberarmene. Mi dissi che se fosse stato tutto uno scherzo non sarebbe successo niente, al massimo Arti avrebbe considerato il mio atteggiamento solo un po’ più bizzarro del solito. Tutto qui.

IMG_3145

Martin Rua

COSA NE PENSO: Anche in questo caso è la mia prima lettura.
Poche parole, eppure ho l’impressione di trovarmi davanti ad un ottimo romanzo, un giallo ben strutturato ed emozionante! Qualcuno di voi l’ha già letto? Le mie aspettative verranno confermate dalla lettura? Lo spero davvero! 😀
VOTO: ottime premesse per una lettura interessante 7,5/10

Vi invito a votare sia qui nel sondaggio che sotto nei commenti ^____^ Che voto dareste a queste tre pagine? Sono curiosissima 🙂
Ovviamente non perdetevi l’articolo di Chiara (qui il suo blog)!

L’Angolo delle Recensioni: Il Cuore di Koral (A. Coppola)

RECENSIONIBuon pomeriggio amici!
Torna finalmente una recensione, tutta dedicata al nuovissimo racconto di Alessia Coppola (qui l’anteprima)

10531099_683137618406059_1286927698_nDESCRIZIONE:

Koral è l’ultima discendente del Regno di Atlantide. È una sirena.
Ha ricevuto il compito di proteggere la Pietra di Pnèvma, anelata dai mortali per i suoi eccezionali poteri.  L’oggetto magico viene trafugato dagli abissi e Koral è costretta a punire il trasgressore e condurlo con sé nelle profondità del mare.
Il colpevole è Xilos, non un mortale qualunque, bensì un Khyndi. Uno stregone mutaforma. Il giovane stregone combatterà contro il tempo, e le tempeste aizzate dalla sirena, per ottenere da Pnévma il potere di cui ha bisogno. E quando tutto sembra perduto, Xilos scopre il segreto che lega indissolubilmente la gemma, a Koral. Un segreto, risposto in un cuore.

la-mia-recensioneLe sirene sono creature del mondo fantastico che mi hanno affascinata sin da bambina.
Avere le pinne e sognare di nuotare nelle profondità dell’oceano proprio come una di loro è stato un sogno che spesso ho vissuto ad occhi aperti, cullata dalle onde del mare mentre lasciavo libero sfogo alla mia fantasia.

Forse è proprio per questa mia estrema familiarità e profondo amore con il mondo del mare, che il racconto di Alessia mi ha toccato così tanto, un  piccolo sogno infantile che mi ha legata nell’intimo con la protagonista Koral.
Ho lasciato che ogni emozione potesse scorrere sulla mia pelle, proprio come quando entrate nel mare e l’acqua è gelata: vi viene la pelle d’oca, ma basta immergere i polsi e subito la temperatura del corpo si adatta e si sposa con quella marina.

10486781_684324464954041_7661866888593521642_nCon Koral è avvenuta la medesima cosa: le prime pagine mi hanno fortemente scossa, forse per paura di leggere una storia banale, un raccconto privo di qualsivoglia spessore… mi è bastato continuare la lettura per scoprire quanto Alessia fosse riuscita a racchiudere in poche pagine.
Miti, racconti, emozioni, lacrime, amore e rinascita… cose che spesso non riusciamo a trovare neppure in lunghi romanzi che ci spacciano per bestseller!

Non voglio anticiparvi altro della trama rispetto a quanto abbiate già colto dalla sinossi. Vi consiglio caldamente di gustarvi questo racconto il riva al mare, con i piedi a mollo e il vento che accarezza i vostri capelli. Koral è pronta ad affascinare voi esattamente come ha fatto con Xilos e con la sottoscritta.

Mi rivolgo ora ad Alessia: so che leggerai questa recensione, che Xilos farà parte di un tuo prossimo romanzo (che ormai non vedo l’ora di leggere), che una storia già raccontata forse perde di attattiva… ma un personaggio speciale come Koral merita di vedere ancora le sue emozioni, la sua “fiammeggiante chioma corallo” e i suoi occhi profondi “come il mare e i suoi misteri” nero si bianco!
Io ci provo: perchè non scrivi ancora su di lei? <3

QUESTO RACCONTO MERITA:

stellastellastellastellastella

Link per l’acquisto: IL CUORE DI KORAL

Blog di Alessia |Portfolio personale
Canale Youtube

firma